Discussione:
il preservativo
(troppo vecchio per rispondere)
cri
2007-12-03 08:51:34 UTC
Permalink
Come fate voi cattolici a non capire che riguardo il sesso non tutti
sono obbligati a pensarla come voi?
perchè vi arrogate il diritto di impedire l'utilizzo di quello che
per molti è l'unico mezzo per proteggersi dall'aids?
Nel post "Il papa e l'AIDS" Baron d'Holbach riportata questi links:
http://rassegnastampa.totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=403
http://www.donboscoland.it/articoli/visualizzaarticolo.pax?ID=2655&idrealta=1
Le statistiche riportate parlano solo di una certa percentuale
di fallimento dei preservativi nel contenere gli spermatozoi (13%) ,
ma non dicono nulla sulla percentuale di penetrazione del virus
dell'aids che si puo solo ipotizzare. Ma fosse anche il 40%, rimarrebbe
il 60% di casi in cui il preservativo è utile!
La soluzione che i cattolici propongono (la fedelta coniugale) è
impraticabile perchè imporrebbe una riduzione forzata della libera
scelta di una grande fetta di popolazione che, sebbene i cattolici non
sembrino ricordare cosa sia la democrazia, rappresenta la maggioranza.
Ogni qualvolta questa idea viene forzata perchè i cattolici non
ricordano che in quanto idea puo solo essere proposta ma mai inculcata
o usata in una isterica crociata contro il libero arbitrio? In generale
secondo me manca un cosa fondamentale: non accettano il fatto che per
evolversi spiritualmente ognuno deve fare le proprie esperienze e che
nessuno va criticato se una sua esperienza appare negativa ai loro
occhi, perchè non sono i perfetti detentori della verita divina, ognuno
su questa terra ha infatti lo stesso diritto di far valere le proprie
opizioni e di farle rispettare, e in piu che le esperienze negative
esistono al pari di quelle positive e concorrono allo sviluppo
evolutivo-spirituale.
Fondamentalmente e piu' in generale secondo me rifiutano con
paura il fatto che per evolversi si debba ad un certo punto passare
anche per un'autoanalisi della propria parte negativa che comprende in
sè l'esperienza della stessa.
Questo li pone erroneamente ad arrogarsi il diritto di imporre il loro
arbitrio sugli altri.
Non volgio che sia un mero attacco verso i cattolici, perchè infine,
dopotutto, anche questo loro agire, sebbene sia un sopruso, si
rivela niente altro che un altro tassello nel grande Disegno.
Anch'esso è parte di quel percorso necessario all'evoluzione spirituale
ma comunque in questo post volevo soprattutto evidenziare che secondo me
in molti cattolici c'è un ostacolo alla loro evoluzione spirituale e che
ha le radici nella paura di prendere coscienza della propria parte oscura.


ciao
cri
2007-12-03 09:16:34 UTC
Permalink
mi scuso d'aver detto che dai dati riportati dal sito proposto da Baron
d'Holbach non c'era evidenza della percentuale di contagio dell'aids in
caso di rapporti protetti, troppa fretta :p

http://rassegnastampa.totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=403
"Questo è appunto ciò che ha fatto la dottoressa Susan C. Weller che ha
studiato la frequenza della trasmissione del virus, usando sempre il
preservativo per un anno, tra coppie di marito e moglie nelle quali uno
solo dei due partners è sieropositivo. In questo studio è emerso che
ben il 30% delle persone sane si è ammalato nell'arco di un anno; ciò a
dimostrare che questi soggetti, nonostante l'uso continuato del
preservativo, sono stati contagiati dal loro coniuge."

rimane pero' la mia considerazione, corretta quindi in:
anche non contestando i dati, rimane il 70% di persone alle quali il
preservativo salva la vita!
Baron d'Holbach ~1723-1789~
2007-12-03 10:41:15 UTC
Permalink
Post by cri
mi scuso d'aver detto che dai dati riportati dal sito proposto da Baron
d'Holbach non c'era evidenza della percentuale di contagio dell'aids in
caso di rapporti protetti, troppa fretta :p
proposto, ma non condiviso, che sia chiaro. E il nick dovrebbe ben mostrare
da che parte sto! :)
--
«Per "bevanda alcolica" si intende una bevanda la cui percentuale di alcol
sia molto alta. E il vino non rientra tra esse.» (Stefano De Cesari,
Message-ID: <***@interfree.it)
Lupo Nero
2007-12-04 01:34:23 UTC
Permalink
Post by cri
mi scuso d'aver detto che dai dati riportati dal sito proposto da Baron
d'Holbach non c'era evidenza della percentuale di contagio dell'aids in
caso di rapporti protetti, troppa fretta :p
http://rassegnastampa.totustuus.it/modules.php?name=News&file=article...
Quegli articoli hanno tot di scientifico quanto una salina può avere
tot di zucchero: si tace (volutamente) il fatto che un micro
organismo, per poter passare attraverso una barriera come il condom,
che effettivamente ha dei buchi, ha bisogno anche di un "determinato"
tempo: le molecole di acqua sono più piccole del virus dell' HIV,
eppure se riempi un preservativo mica vedi l'acqua che cola!!!

Stando al loro discorso se gonfi un preservativo a mo' di palloncino,
questo dovrebbe sgonfiarsi, mentre invece non si sgonfia, e si sgonfia
lentamente in quanto l'aria col tempo riesce a passare dalle fessure
del profilattico: tra parentesi ogni materiale presenta delle fessure,
proprio perchè la composizione fisica è tale in tutti i materiali,
rocce, alluminio e altro compreso.

Come ha già spegato Drowing In time, è vero che i virus possono
passare attraverso il preservativo, ma nell' arco di giorni/settimane
( e tieni conto che il virus dell' HIV muore entro pochissime ore al
di fuori della temperatura corporea dell' uomo).

Si tratta del solito articolo pseudo scientifico fatto da ricercatopri
falliti e/o in cerca di visibilità e/o pagati lautamente dall' opus
dei per diffondere le loro cazzate, c' hanno già provato con la cura
psico terapeutica dell' omosessualità e con il creazionismo.

Purtroppo il livello mentale di tanta gente fà in modo che queste
sconcezze a volte attecchiscono, ma hanno la solita fondatezza
scientifica del sale di Vanna Marchi o delle magie di Amelia la
fattucchiera. Basta leggere un semplicissimo manuale di chimica o di
fisica delle superiori per smascherarli.

Saluti
karman
2007-12-03 17:48:05 UTC
Permalink
"cri" <***@spam> ha scritto nel messaggio news:***@spam...
Come fate voi cattolici a non capire che riguardo il sesso non tutti
sono obbligati a pensarla come voi?
perchè vi arrogate il diritto di impedire l'utilizzo di quello che
per molti è l'unico mezzo per proteggersi dall'aids?
Nel post "Il papa e l'AIDS" Baron d'Holbach riportata questi links:


"Impedire" e' una parola grossa.La Chiesa non " Impedisce", ed il fatto che
milioni di persone fanno cio' che a loro piu' piace, infischiandosene di
essa, lo dimostra!
Quanto al problema Aids., l'astinenza, ( nel dubbio di un probabile
contagio) sarebbe molto piu' sicura di altri strumenti di prevenzione,
perche' anche i profilattici possono rompersi.La fedelta' reciproca, in
questi casi, sarebbe un discreto antidoto.
E questo a prescindere dalla fede che si professa.
Cordialmente.


* § K A R M A N * §
SILVEA
2007-12-04 14:37:14 UTC
Permalink
Post by karman
Quanto al problema Aids., l'astinenza, ( nel dubbio di un probabile
contagio) sarebbe molto piu' sicura di altri strumenti di prevenzione,
Se poi uno si spara e' ancora piu' sicuro che non
prendera' mai l'AIDS, non ti pare?

Saluti
cri
2007-12-06 08:30:14 UTC
Permalink
On Mon, 03 Dec 2007 17:48:05 GMT
Post by karman
Quanto al problema Aids., l'astinenza, ( nel dubbio di un probabile
contagio) sarebbe molto piu' sicura di altri strumenti di prevenzione,
perche' anche i profilattici possono rompersi.La fedelta'
reciproca, in questi casi, sarebbe un discreto antidoto.
si verissimo, certo. Eppure ci sono persone che non possono fare a
meno di mettere le corna qua e la' o che fanno semplicemente sesso con
chi gli pare. Nonostante questo alcune di queste persone vedono si nella
Chiesa un detentore delle Verita' Divine, ma non accettano l'infallibilita'
del giudizio della stessa che, in quanto composta da semplici uomini
puo' sbagliare, come del resto ampiamente dimostrato dalla storia.
Queste persone cercano un confronto con la Chiesa, un confronto
basato su una discussione alla pari, la quale, da parte della Chiesa,
finisce sempre con un "tanto abbiamo ragione noi, e ve lo dimostriamo
tramite questi dati presi qua e la' con lo scopo di dimostrare che
abbiamo ragione!"

ciao
karman
2007-12-07 19:24:54 UTC
Permalink
Post by cri
On Mon, 03 Dec 2007 17:48:05 GMT
Post by karman
Quanto al problema Aids., l'astinenza, ( nel dubbio di un probabile
contagio) sarebbe molto piu' sicura di altri strumenti di prevenzione,
perche' anche i profilattici possono rompersi.La fedelta'
reciproca, in questi casi, sarebbe un discreto antidoto.
si verissimo, certo. Eppure ci sono persone che non possono fare a
meno di mettere le corna qua e la' o che fanno semplicemente sesso con
chi gli pare. Nonostante questo alcune di queste persone vedono si nella
Chiesa un detentore delle Verita' Divine, ma non accettano
l'infallibilita'
del giudizio della stessa che, in quanto composta da semplici uomini
puo' sbagliare, come del resto ampiamente dimostrato dalla storia.
Queste persone cercano un confronto con la Chiesa, un confronto
basato su una discussione alla pari, la quale, da parte della Chiesa,
finisce sempre con un "tanto abbiamo ragione noi, e ve lo dimostriamo
tramite questi dati presi qua e la' con lo scopo di dimostrare che
abbiamo ragione!"
Lo Spirito e' forte ma la Carne e' debole....:))) ..tuttavia, di fronte al
rischio di beccarsi l'aids..
Chiesa o non Chiesa..la ragione deve prevalere.E un po' come smettere di
fumare...))
Ho fumato per una vita 40 sigarette al giorno..poi ..nel 1976.. smisi...!
E' da 31 anni che non ne tocco una .!. Ma smisi quando decisi di " voler"
smettere.
La Chiesa e' fatta da uomini..e, come diceva il filosofo.." homo sum et nihi
humani a me alienum puto" !
Tutti possiamo sbagliare.! E umano.!..Del resto, (imho) il problema non
e' tanto quello di aver ragione o torto agli occhi della chiesa, o di
"discutere" alla pari con essa.
Il problema e' quello di fare cio' che eticamente si ritiene giusto.! E
l'unica "discussione " possibile, in tali casi e quella che ci vede "
interlocutori" della nostra coscienza,ossia del DIO (in noi),in cui io
credo fermamente.


* § K A R M
A N § *



..
Post by cri
ciao
FF68
2007-12-03 21:45:15 UTC
Permalink
Post by cri
Come fate voi cattolici a non capire che riguardo il sesso non tutti
sono obbligati a pensarla come voi?
Perchè qualcuno ti impedisce di usarli?
Post by cri
perchè vi arrogate il diritto di impedire l'utilizzo di quello che
per molti è l'unico mezzo per proteggersi dall'aids?
Cazzate dell'Arcigay che ha bisogno di soldi per
continuare le sue campagne

http://tinyurl.com/yp5p6n
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Drowning In Time
2007-12-04 08:55:46 UTC
Permalink
Era una notte buia e tempestosa. Ad un tratto echeggiò uno sparo! Una porta
Post by FF68
http://tinyurl.com/yp5p6n
rotflastic.
Quella dell'HIV che sarebbe stato "declassato" a "retrovirus" per
giustificare il fatto che "ci si ammalerebbe di AIDS anche senza essere
sieropositivi" è esilarante.
Prima di tutto "retrovirus" è una famiglia di virus che utilizzano un
enzima detta "trascrittasi inversa" che scatena la riscrittura dell'RNA a"a
rovescio" rispetto ai meccanismi normali di replicazione. Da qui il termine
retrovirus. (e se non sbaglio, sono retrovirus anche epatiti B e C,
papilloma e mononucleosi, ma su questo dovrei documentarmi) Il fatto della
sieropositività non c'entra un bel niente, ed è anche una colossale
falsità.
BTW proprio il fatto che, anni addietro, il Sudafrica avesse dato credito a
leggende emtropolitane come il fatto che l'AIDS non c'entra con il virus
HIV ha causato uno dei tassi di mortalità per AIDS più alti di tutto il
continente africano. Ora stanno tornando indietro precipitosamente, ma la
conta dei morti è lì a dimostrare le cazzate come questa.

Senza contare il trascurabile fatto, che qualunque persona sieropositiva
sperimenta sulla propria pelle, che la relazione tra conta dei linfociti
CD4 e numero di copie del virus HIV nel sangue è tristemente nota.
--
Saluti,
DIT
yet there's still something in my heart
that can find a way to make a start
to turn up the signal
wipe out the noise
FF68
2007-12-04 09:45:52 UTC
Permalink
Post by Drowning In Time
Quella dell'HIV che sarebbe stato "declassato" a "retrovirus" per
giustificare il fatto che "ci si ammalerebbe di AIDS anche senza essere
sieropositivi" è esilarante.
Prima di tutto "retrovirus" è una famiglia di virus che utilizzano un
enzima detta "trascrittasi inversa" che scatena la riscrittura dell'RNA a"a
rovescio" rispetto ai meccanismi normali di replicazione. Da qui il termine
retrovirus. (e se non sbaglio, sono retrovirus anche epatiti B e C,
papilloma e mononucleosi, ma su questo dovrei documentarmi) Il fatto della
sieropositività non c'entra un bel niente, ed è anche una colossale
falsità.
E' una colossale falsità che ci siano malati di Aids non
sieropositivi?
Post by Drowning In Time
BTW proprio il fatto che, anni addietro, il Sudafrica avesse dato credito a
leggende emtropolitane come il fatto che l'AIDS non c'entra con il virus
HIV ha causato uno dei tassi di mortalità per AIDS più alti di tutto il
continente africano. Ora stanno tornando indietro precipitosamente, ma la
conta dei morti è lì a dimostrare le cazzate come questa.
I migliori risultati sul controllo dell'Aids li ha ottenuti
l'Uganda , uno tra i paesi a maggiore "infiltrazione" cattolica.
Post by Drowning In Time
Senza contare il trascurabile fatto, che qualunque persona sieropositiva
sperimenta sulla propria pelle, che la relazione tra conta dei linfociti
CD4 e numero di copie del virus HIV nel sangue è tristemente nota.
E gli ammalati non sieropositivi? Rimossi...
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Lupo Nero
2007-12-04 10:46:22 UTC
Permalink
Post by FF68
Post by Drowning In Time
Quella dell'HIV che sarebbe stato "declassato" a "retrovirus" per
giustificare il fatto che "ci si ammalerebbe di AIDS anche senza essere
sieropositivi" è esilarante.
Prima di tutto "retrovirus" è una famiglia di virus che utilizzano un
enzima detta "trascrittasi inversa" che scatena la riscrittura dell'RNA a"a
rovescio" rispetto ai meccanismi normali di replicazione. Da qui il termine
retrovirus. (e se non sbaglio, sono retrovirus anche epatiti B e C,
papilloma e mononucleosi, ma su questo dovrei documentarmi) Il fatto della
sieropositività non c'entra un bel niente, ed è anche una colossale
falsità.
E' una colossale falsità che ci siano malati di Aids non
sieropositivi?
E dove starebbero questi malati di AIDS non sieropositivi? Forse nell'
isola che non c'è?
Post by FF68
Post by Drowning In Time
BTW proprio il fatto che, anni addietro, il Sudafrica avesse dato credito a
leggende emtropolitane come il fatto che l'AIDS non c'entra con il virus
HIV ha causato uno dei tassi di mortalità per AIDS più alti di tutto il
continente africano. Ora stanno tornando indietro precipitosamente, ma la
conta dei morti è lì a dimostrare le cazzate come questa.
I migliori risultati sul controllo dell'Aids li ha ottenuti
l'Uganda , uno tra i paesi a maggiore "infiltrazione" cattolica.
Seee, come no: ed è certo merito dell' infiltrazione cattolica se si è
avuto un controllo superiore sulla diffusione dell' HIV, mentre la
diffusione di una mentalità preventiva (che comprende l' uso del
preservativo) come lo sviluppo della ricerca e le politiche statali
che abbattono i costi dei farmaci che compongono i vari cocktail,
permettendo a tutti di poterli avere, naturalmente non sono serviti a
niente. Tutto merito dei cattolici che predicano l'astinenza mentre
poi si trombano i loro bambini. Se Dio esistesse vi disprezzerebbe, e
se gesù tornasse non esiterebbe un solo istante a darvi un bel calcio
nel culo. Siete ipocriti e schifosi.
Post by FF68
E gli ammalati non sieropositivi? Rimossi...
Ti ripeto, dove stanno questi famigerati ammalati di AIDS non
sieropositivi?
FF68
2007-12-05 23:20:26 UTC
Permalink
Post by Lupo Nero
Post by FF68
E' una colossale falsità che ci siano malati di Aids non
sieropositivi?
E dove starebbero questi malati di AIDS non sieropositivi? Forse nell'
isola che non c'è?
Un'altro fatto curioso: Applicando i criteri della FDA (US Food and Drug
Administration), solo il 50 % dei pazienti americani con diagnosi di
Aids, risultano positivi al test HIV.

http://www.oikos.org/aids/it/test.htm
Post by Lupo Nero
Post by FF68
I migliori risultati sul controllo dell'Aids li ha ottenuti
l'Uganda , uno tra i paesi a maggiore "infiltrazione" cattolica.
Il sistema ugandese di controllo dell'Aids, considerato a livello
internazionale un modello per tutta l'Africa, riporta percentuali
simili

http://keypivot.com/africa-e-aids-una-connessione-impossibile-0


Although discussion of the causes of these declines is still underway,
it appears clear that a substantial change has occurred. Consequently,
the approach described above needed to be modified to conform to the
empirical evidence of declining HIV prevalence rates."

http://www.mongabay.com/external/AIDS_stats/AIDS-it/AIDS_uganda.html
Post by Lupo Nero
Tutto merito dei cattolici che predicano l'astinenza mentre
poi si trombano i loro bambini. Se Dio esistesse vi disprezzerebbe, e
se gesù tornasse non esiterebbe un solo istante a darvi un bel calcio
nel culo. Siete ipocriti e schifosi.
Può darsi, ma sempre meglio che farsi mettere il preservativo in testa
dall'Arcigay


"Non si sa nulla di come avviene per l'HIV; non si sa nulla per come
avviene per gli altri retrovirus. Si suppone esistano infiniti
retrovirus in grado di vivere da parassita nel corpo umano. Non
sappiamo come si diffondono tra gli individui. Quindi se non lo sai,
ma vuoi esporti a tutti i retrovirus possibili ed immaginabili, l'unica
possibilità che hai è di avvicinarti più che puoi ad un numero
elevatissimo di individui, e volere che questi ultimi facciano lo
stesso, naturalmente con persone che a loro volta si comportano allo
stesso modo.

E questa è la perfetta descrizione delle comunità omosessuali alla
metà degli anni settanta, in posti come San Francisco, Los Angeles,
New York, Amsterdam, etc."
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Lupo Nero
2007-12-06 02:24:07 UTC
Permalink
Post by FF68
Post by Lupo Nero
Post by FF68
E' una colossale falsità che ci siano malati di Aids non
sieropositivi?
E dove starebbero questi malati di AIDS non sieropositivi? Forse nell'
isola che non c'è?
Un'altro fatto curioso: Applicando i criteri della FDA (US Food and Drug
Administration), solo il 50 % dei pazienti americani con diagnosi di
Aids, risultano positivi al test HIV.
http://www.oikos.org/aids/it/test.htm
Post by Lupo Nero
Post by FF68
I migliori risultati sul controllo dell'Aids li ha ottenuti
l'Uganda , uno tra i paesi a maggiore "infiltrazione" cattolica.
Il sistema ugandese di controllo dell'Aids, considerato a livello
internazionale un modello per tutta l'Africa, riporta percentuali
simili
http://keypivot.com/africa-e-aids-una-connessione-impossibile-0
Although discussion of the causes of these declines is still underway,
it appears clear that a substantial change has occurred. Consequently,
the approach described above needed to be modified to conform to the
empirical evidence of declining HIV prevalence rates."
http://www.mongabay.com/external/AIDS_stats/AIDS-it/AIDS_uganda.html
Ok, ho dato un' occhiata a questi link: nel primo esiste un link ad
altri articoli, i quali dicono cose diverse, anzi opposte: mentre nel
secondo link si dice che in realtà i casi di AIDS in Africa sono
gonfiati ed il numero di malati in tutta l' Africa risulta inferiore a
quello degli USA, nel link menzionato dall' altro articolo si afferma
che in Africa è concentrato il 75% dei casi di AIDS... adesso la
matematica non è un opinione, quindi qualcosa non quadra, oppure 1+1
fà 5?
Insomma, mettetevi prima daccordo tra voi, fautori di complotti
mondiali...

Inoltre i link di riferimento sono pieni di strafalcioni medici: si
afferma che il sistema immunitario non ha niente a che vedere con i
tumori, ignorando che tra i globuli bianchi ci sono dei linfociti (T
mi sembra) che giocano un ruolo fondamentale nell' individuare e
distruggere cellule tumorali: il tumore diventa incontrollabile quando
raggiunge infatti una determinata grandezza (n di cellule) che i
linfociti non possono più distruggerlo; infatti in ogni uomo nascono
molte cellule tumorali, all' ordine del giorno, ma se vengono
riconosciute in tempo da questi linfociti vengono annientate; ora
queste cose a me le insegnavano al corso di educazione scientifica
delle medie, quindi presumo che tu ti sia fermato alle elementari.
Potresti al più ricercare un vecchio cartone animato divulgativo,
"alla scoperta del corpo umano": in una puntata spiegavano proprio
questa cosa.

Se in 15 minuti sono riuscito a trovare contraddizioni e strafalcioni
scientifici e medici, allora meglio lasciar perdere il resto e lascio
l' "arduo compito" ad altri che si possono interessare...

NB: ho perso la conta delle innumerevoli figure di merda che hai
collezionato in questo NG (due in questo stesso post), intendi ancora
continuare nel tuo nobile compito di giullare oppure ti sotterrerai
per la vergogna?
FF68
2007-12-06 09:28:05 UTC
Permalink
Post by Lupo Nero
Ok, ho dato un' occhiata a questi link: nel primo esiste un link ad
altri articoli,
Ehi marionetta , lo hai capito che esistono malati di Aids
che risultano negativi al test?
Post by Lupo Nero
i quali dicono cose diverse, anzi opposte: mentre nel
secondo link si dice che in realtà i casi di AIDS in Africa sono
gonfiati ed il numero di malati in tutta l' Africa risulta inferiore a
quello degli USA, nel link menzionato dall' altro articolo si afferma
che in Africa è concentrato il 75% dei casi di AIDS... adesso la
matematica non è un opinione, quindi qualcosa non quadra, oppure 1+1
fà 5?
Insomma, mettetevi prima daccordo tra voi, fautori di complotti
mondiali...
Si sa come funziona, l'Africa ha bisogno di aiuti e le multinazionali
hanno l'interesse a mantenere il mercato. I numeri sono quelli

Dall'inizio della manifestazione dell'Aids, ci sarebbero stati per
l'intero continente 345.000 casi fino al dicembre 1994, meno che negli
Stati Uniti. Questo equivale, senza tema di sottostime, ad una
percentuale di solo lo 0,5% di ammalati di Aids ogni anno rispetto ai
sieropositivi totali, rispetto a 10 volte tanto negli Stati Uniti
d'America.

Se l'Aids non fosse un problema nato tra la comunità gay
non se ne parlerebbe nemmeno. Come mai esiste la giornata
dell'Aids e non quella dell'epatite che uccide molto di più?
Non lo dite nelle vostre carnevalate? Forse anche l'epatite
è colpa del papa, LOL
Post by Lupo Nero
Inoltre i link di riferimento sono pieni di strafalcioni medici: si
afferma che il sistema immunitario non ha niente a che vedere con i
tumori, ignorando che tra i globuli bianchi ci sono dei linfociti (T
mi sembra) che giocano un ruolo fondamentale nell' individuare e
Il famoso virus del tumore, secondo solo a quello dell'HIV
come notorietà peccato che nessuno l'abbia mai visto
Post by Lupo Nero
il tumore diventa incontrollabile quando
raggiunge infatti una determinata grandezza (n di cellule) che i
linfociti non possono più distruggerlo; infatti in ogni uomo nascono
molte cellule tumorali, all' ordine del giorno, ma se vengono
riconosciute in tempo da questi linfociti vengono annientate; ora
queste cose a me le insegnavano al corso di educazione scientifica
delle medie, quindi presumo che tu ti sia fermato alle elementari.
Beh di filastrocche ne insegnano molte già a scuola.
Poi i ragazzi escono e trovano i banchetti della propaganda
marchettara
Post by Lupo Nero
Se in 15 minuti sono riuscito a trovare contraddizioni e strafalcioni
scientifici e medici, allora meglio lasciar perdere il resto e lascio
l' "arduo compito" ad altri che si possono interessare...
Certo , tipo trovare la connessione tra Aids e HIV su una
rivista scientifica , cosa che Mullis chiede da anni
Post by Lupo Nero
NB: ho perso la conta delle innumerevoli figure di merda che hai
collezionato in questo NG (due in questo stesso post), intendi ancora
continuare nel tuo nobile compito di giullare oppure ti sotterrerai
per la vergogna?
Buone pagliacciate arcobaleno
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Drowning In Time
2007-12-06 11:50:41 UTC
Permalink
Era una notte buia e tempestosa. Ad un tratto echeggiò uno sparo! Una porta
Post by FF68
Ehi marionetta , lo hai capito che esistono malati di Aids
che risultano negativi al test?
buffoncello, mi dai la definizione di AIDS e sieropositività, così capiamo
se sai di cosa parli?
Post by FF68
Certo , tipo trovare la connessione tra Aids e HIV su una
rivista scientifica , cosa che Mullis chiede da anni
deve essere un analfabeta, visto che qui sotto leggi una piccolissima
bibliografia di articoli che tutti, in misura diverse, esplorano : i
meccanismi di azione e di replicazione del virus HIV-1, i suoi legami con
la distruzione dei linfociti CD4, e l'effetto delle HAART sul virus, sulla
conta dei CD4 e sulle infezioni derivanti dall'AIDS.
Ed è solo un piccolissimo assaggio. In più di 5 minuti avrei fatto senza
dubbio di meglio.

Correlations among measures of quality in HIV care in the United States:
cross sectional study
Wilson et al.
BMJ 2007;335:1085-1085.

Reproduction and fertility in human immunodeficiency virus type-1 infection
van Leeuwen et al.
Hum Reprod Update 2007;13:197-206.


Micronutrients in HIV-positive persons receiving highly active
antiretroviral therapy
Drain et al.
Am. J. Clin. Nutr. 2007;85:333-345.


The Impact of Managed Care on Access to Highly Active Antiretroviral
Therapy and on Outcomes among Medicaid Beneficiaries with AIDS
Zingmond et al.
Med Care Res Rev 2007;64:66-82.


AIDS-related non-Hodgkin's lymphoma in the first decade of highly active
antiretroviral therapy
Palmieri et al.
QJM 2006;99:811-826.


Rapid Viral Decay in Simian Immunodeficiency Virus-Infected Macaques
Receiving Quadruple Antiretroviral Therapy
Brandin et al.
J. Virol. 2006;80:9861-9864.


Functional Correlation between a Novel Amino Acid Insertion at Codon 19 in
the Protease of Human Immunodeficiency Virus Type 1 and Polymorphism in the
p1/p6 Gag Cleavage Site in Drug Resistance and Replication Fitness.
Brann et al.
J. Virol. 2006;80:6136-6145.


The management of meningeal lymphoma in patients with HIV in the era of
HAART: intrathecal depot cytarabine is effective and safe
Mazhar et al.
Blood 2006;107:3412-3414.


Quality of HIV Care Provided by Nurse Practitioners, Physician Assistants,
and Physicians
Wilson et al.
ANN INTERN MED 2005;143:729-736.


Patients' readiness to start highly active antiretroviral treatment for HIV
Gebrekristos et al.
BMJ 2005;331:772-775.


High-Throughput Human Immunodeficiency Virus Type 1 (HIV-1) Full
Replication Assay That Includes HIV-1 Vif as an Antiviral Target
Cao et al.
Antimicrob. Agents Chemother. 2005;49:3833-3841.


Marginal Structural Models for Estimating the Effect of Highly Active
Antiretroviral Therapy Initiation on CD4 Cell Count
Cole et al.
Am J Epidemiol 2005;162:471-478.


Assessment of the efficacy of total lymphocyte counts as predictors of AIDS
defining infections in HIV-1 infected people
Stebbing et al.
Postgrad. Med. J. 2005;81:586-588.

Insertions in the Human Immunodeficiency Virus Type 1 Protease and Reverse
Transcriptase Genes: Clinical Impact and Molecular Mechanisms
Winters and Merigan
Antimicrob. Agents Chemother. 2005;49:2575-2582.

Adherence to trizivir and tenofovir as a simplified salvage regimen is
associated with suppression of viraemia and a decreased cholesterol
Latham et al.
J Antimicrob Chemother 2005;56:186-189.

Antiretroviral Therapy in Resource-Poor Countries: Illusions and Realities
Desvarieux et al.
Am. J. Public Health 2005;95:1117-1122.

Physician Specialization and the Quality of Care for Human Immunodeficiency
Virus Infection
Landon et al.
Arch Intern Med 2005;165:1133-1139.

Intermittent HIV-1 Viremia (Blips) and Drug Resistance in Patients
Receiving HAART
Nettles et al.
JAMA 2005;293:817-829.

Sexual risk behaviour of Canadian participants in the first efficacy trial
of a preventive HIV-1 vaccine
Lampinen et al.
CMAJ 2005;172:479-483.

Mechanism-Based Inactivation of CYP3A by HIV Protease Inhibitors
Ernest et al.
J. Pharmacol. Exp. Ther. 2005;312:583-591.

Differential Maintenance of the M184V Substitution in the Reverse
Transcriptase of Human Immunodeficiency Virus Type 1 by Various Nucleoside
Antiretroviral Agents in Tissue Culture
Petrella et al.
Antimicrob. Agents Chemother. 2004;48:4189-4194.

Amino Acid Insertions near Gag Cleavage Sites Restore the Otherwise
Compromised Replication of Human Immunodeficiency Virus Type 1 Variants
Resistant to Protease Inhibitors
Tamiya et al.
J. Virol. 2004;78:12030-12040.

Antiretroviral Therapy in HIV Infection: Are Neurologically Active Drugs
Important?
Cysique et al.
Arch Neurol 2004;61:1699-1704.

Pharmacologic Perspectives for Once-Daily Antiretroviral Therapy
Anderson
The Annals of Pharmacotherapy 2004;38:1924-1934.


Resolution of lymphocytic interstitial pneumonitis in an HIV infected adult
after treatment with HAART
Innes et al.
Sex. Transm. Infect. 2004;80:417-418.

Staging for Antiretroviral Therapy Among HIV-Infected Drug Users
Wood et al.
JAMA 2004;292:1175-1177.

Imperatorin Inhibits HIV-1 Replication through an Sp1-dependent Pathway
Sancho et al.
J. Biol. Chem. 2004;279:37349-37359.

Nonadherence With Pediatric Human Immunodeficiency Virus Therapy as Medical
Neglect
Roberts et al.
Pediatrics 2004;114:e346-e353.

Immune activation set point during early HIV infection predicts subsequent
CD4+ T-cell changes independent of viral load
Deeks et al.
Blood 2004;104:942-947.

A comparison of the CD4 response to antiretroviral regimens in patients
commencing therapy with low CD4 counts
Waters et al.
J Antimicrob Chemother 2004;54:503-507.

Resistance to enfuvirtide, the first HIV fusion inhibitor
Greenberg and Cammack
J Antimicrob Chemother 2004;54:333-340.

Treatment for Adult HIV Infection: 2004 Recommendations of the
International AIDS Society-USA Panel
Yeni et al.
JAMA 2004;292:251-265.

A long-term latent reservoir for HIV-1: discovery and clinical implications
Siliciano and Siliciano
J Antimicrob Chemother 2004;54:6-9.

Lack of Interaction between Enfuvirtide and Ritonavir or Ritonavir-Boosted
Saquinavir in HIV-1-Infected Patients
Ruxrungtham et al.
J Clin Pharmacol 2004;44:793-803.

Interactions between Atazanavir-Ritonavir and Tenofovir in Heavily
Pretreated Human Immunodeficiency Virus-Infected Patients
Taburet et al.
Antimicrob. Agents Chemother. 2004;48:2091-2096.

Antiretroviral Treatment Regimens and Immune Parameters in the Prevention
of Systemic AIDS-Related Non-Hodgkin's Lymphoma
Stebbing et al.
JCO 2004;22:2177-2183.

Effects of a Quality Improvement Collaborative on the Outcome of Care of
Patients with HIV Infection: The EQHIV Study
Landon et al.
ANN INTERN MED 2004;140:887-896.

Effects of rosiglitazone on gene expression in subcutaneous adipose tissue
in highly active antiretroviral therapy-associated lipodystrophy
Sutinen et al.
Am. J. Physiol. Endocrinol. Metab. 2004;286:E941-E949.

Intensive Care of Patients With HIV Infection: HAART Warming Improvement
but Beware of Future HAART (and Heart) Attacks
Morris and Huang
Chest 2004;125:1602-1604.

Triple-Nucleoside Regimens versus Efavirenz-Containing Regimens for the
Initial Treatment of HIV-1 Infection
Gulick et al.
NEJM 2004;350:1850-1861.

HIV Survival Benefit Associated with Earlier Antiviral Therapy
Mocroft et al.
ANN INTERN MED 2004;140:578-579.

Costs associated with combination antiretroviral therapy in HIV-infected
patients
Yazdanpanah
J Antimicrob Chemother 2004;53:558-561.

HIV Drug Resistance
Clavel and Hance
NEJM 2004;350:1023-1035.

In Vitro Evaluation of Double and Triple Combinations of Antifungal Drugs
against Aspergillus fumigatus and Aspergillus terreus
Dannaoui et al.
Antimicrob. Agents Chemother. 2004;48:970-978.

Surveillance of HIV antiretroviral drug resistance in treated individuals
in England: 1998-2000
Scott et al.
J Antimicrob Chemother 2004;53:469-473.

Analysis of protease inhibitor combinations in vitro: activity of
lopinavir, amprenavir and tipranavir against HIV type 1 wild-type and
drug-resistant isolates
Bulgheroni et al.
J Antimicrob Chemother 2004;53:464-468.

Treatment of Advanced Human Immunodeficiency Virus Type 1 Disease with the
Viral Entry Inhibitor PRO 542
Jacobson et al.
Antimicrob. Agents Chemother. 2004;48:423-429.

Different Viral Rebound following Discontinuation of Antiretroviral Therapy
in Cases of Infection with Viruses Carrying L74V or Thymidine-Associated
Mutations
de Mendoza et al.
J. Clin. Microbiol. 2004;42:862-866.

Incidence of Oral Lesions in HIV-1-infected Women: Reduction with HAART
Greenspan et al.
J. Dent. Res. 2004;83:145-150.

Comparative evaluation of three computerized algorithms for prediction of
antiretroviral susceptibility from HIV type 1 genotype
Zazzi et al.
J Antimicrob Chemother 2004;53:356-360.

Clinical efficacy of antiretroviral combination therapy based on protease
inhibitors or non-nucleoside analogue reverse transcriptase inhibitors:
indirect comparison of controlled trials
Yazdanpanah et al.
BMJ 2004;328:249.

Assessment of Agreement between the AMPLICOR HIV-1 MONITOR Test Versions
1.0 and 1.5
Hill et al.
J. Clin. Microbiol. 2004;42:286-289.

Establishment of Adult Peripheral Blood Lymphocyte Subset Reference Range
for an Asian Population by Single-Platform Flow Cytometry: Influence of
Age, Sex, and Race and Comparison with Other Published Studies
Chng et al.
CVI 2004;11:168-173.

Thymidine analogue mutations in antiretroviral-naive HIV-1 patients on
triple therapy including either zidovudine or stavudine
Bocket et al.
J Antimicrob Chemother 2004;53:89-94.

Comparison of Sequential Three-Drug Regimens as Initial Therapy for HIV-1
Infection
Robbins et al.
NEJM 2003;349:2293-2303.

Comparison of Four-Drug Regimens and Pairs of Sequential Three-Drug
Regimens as Initial Therapy for HIV-1 Infection
Shafer et al.
NEJM 2003;349:2304-2315.

Infection with Multiple Human Immunodeficiency Virus Type 1 Variants Is
Associated with Faster Disease Progression
Sagar et al.
J. Virol. 2003;77:12921-12926.

Imagining and Testing New Strategies for HIV/AIDS: A Call for Papers
Smith and Glass
JAMA 2003;290:2735-2735.

Effect of Medication Adherence on Survival of HIV-Infected Adults Who Start
Highly Active Antiretroviral Therapy When the CD4+ Cell Count Is 0.200 to
0.350 x 109 cells/L
Wood et al.
ANN INTERN MED 2003;139:810-816.

Is Outpatient Care Associated with Lower Use of Inpatient and Emergency
Care? An Analysis of Persons with HIV Disease
Pezzin and Fleishman
Acad. Emerg. Med. 2003;10:1228-1238.

Meeting the immense need for HAART in resource-poor settings
Bogaards and Goudsmit
J Antimicrob Chemother 2003;52:743-746.

CD4 T-Lymphocyte Recovery in Individuals With Advanced HIV-1 Infection
Receiving Potent Antiretroviral Therapy for 4 Years: The Swiss HIV Cohort
Study
Kaufmann et al.
Arch Intern Med 2003;163:2187-2195.

Novel bis-Tetrahydrofuranylurethane-Containing Nonpeptidic Protease
Inhibitor (PI) UIC-94017 (TMC114) with Potent Activity against
Multi-PI-Resistant Human Immunodeficiency Virus In Vitro
Koh et al.
Antimicrob. Agents Chemother. 2003;47:3123-3129.

Substitution of Nevirapine, Efavirenz, or Abacavir for Protease Inhibitors
in Patients with Human Immunodeficiency Virus Infection
Martinez et al.
NEJM 2003;349:1036-1046.

Tenofovir Disoproxil Fumarate in Nucleoside-Resistant HIV-1 Infection: A
Randomized Trial
Squires et al.
ANN INTERN MED 2003;139:313-320.

Effect of Tenofovir on Didanosine Absorption in Patients with HIV
Fulco and Kirian
The Annals of Pharmacotherapy 2003;37:1325-1328.

Short-Term Effects of Cannabinoids in Patients with HIV-1 Infection: A
Randomized, Placebo-Controlled Clinical Trial
Abrams et al.
ANN INTERN MED 2003;139:258-266.

Quality Control Trial for Human Immunodeficiency Virus Type 1 Drug
Resistance Testing Using Clinical Samples Reveals Problems with Detecting
Minority Species and Interpretation of Test Results
Korn et al.
J. Clin. Microbiol. 2003;41:3559-3565.

Is It Time To Proactively Switch Successful Antiretroviral Therapy?
Carefully Check Your SWATCH
Saag
ANN INTERN MED 2003;139:148-149.

Tuberculosis and HIV: A Partnership Against the Most Vulnerable
Cahn et al.
J Int Assoc Physicians AIDS Care (Chic Ill) 2003;2:106-123.

Human Immunodeficiency Virus Infection: A Focus on Women
Pakyz et al.
Journal of Pharmacy Practice 2003;16:170-181.

Tenofovir Disoproxil Fumarate
Grim and Romanelli
The Annals of Pharmacotherapy 2003;37:849-859.

Antiretroviral Therapy Where Resources Are Limited
Reynolds et al.
NEJM 2003;348:1806-1809.

A Novel Antiviral Intervention Results in More Accurate Assessment of Human
Immunodeficiency Virus Type 1 Replication Dynamics and T-Cell Decay In Vivo
Markowitz et al.
J. Virol. 2003;77:5037-5038.

Survival Benefit of Initiating Antiretroviral Therapy in HIV-Infected
Persons in Different CD4+ Cell Strata
Palella et al.
ANN INTERN MED 2003;138:620-626.

When To Start Therapy for HIV Infection: A Swinging Pendulum in Search of
Data
Lane and Neaton
ANN INTERN MED 2003;138:680-681.

Chronic HIV Infection
Jacobs and Aboulafia
ANN INTERN MED 2003;138:437-438.

Entirely Automated Quantification of Human Immunodeficiency Virus Type 1
(HIV-1) RNA in Plasma by Using the Ultrasensitive COBAS AMPLICOR HIV-1
Monitor Test and RNA Purification on the MagNA Pure LC Instrument
Holzl et al.
J. Clin. Microbiol. 2003;41:1248-1251.

Occupational Exposure to HIV in Health Care Settings
Gerberding
NEJM 2003;348:826-833.

American Thoracic Society/Centers for Disease Control and
Prevention/Infectious Diseases Society of America: Treatment of
Tuberculosis
Am. J. Respir. Crit. Care Med. 2003;167:603-662.

Treatment of advanced HIV infection
Pulido and Arribas
J Antimicrob Chemother 2003;51:225-227.

Defective mitochondrial DNA replication and NRTIs: pathophysiological
implications in AIDS cardiomyopathy
Lewis
Am. J. Physiol. Heart Circ. Physiol. 2003;284:H1-H9.

Human Immunodeficiency Virus Hematology
Volberding et al.
ASH Education Book 2003;2003:294-313.

Underpowered Clinical Trials of Antiretroviral Treatment
Arribas et al.
JAMA 2002;288:2120-2121.

New HIV Guidelines Pull Back on Antiretroviral Drugs
JWatch General 2002;2002:1-1.

The XIV International AIDS Conference: a call for action ... now
Berger
CMAJ 2002;167:483-484.

Chronic HIV Infection: Can Anyone Afford a Drug Holiday?
Kane
ANN INTERN MED 2002;137:301-304.
--
Saluti,
DIT
yet there's still something in my heart
that can find a way to make a start
to turn up the signal
wipe out the noise
Lupo Nero
2007-12-06 12:17:29 UTC
Permalink
Post by FF68
Post by Lupo Nero
Ok, ho dato un' occhiata a questi link: nel primo esiste un link ad
altri articoli,
Ehi marionetta , lo hai capito che esistono malati di Aids
che risultano negativi al test?
Se come AIDS ci infili qualsiasi tipo di immunodeficienza può anche
darsi; stai confermando che anche tu hai una immunodeficienza
acquisita, a livello celebrale. In ogni caso, se l HIV e l' AIDS non
sono collegate, perchè no provi tu stesso a infettarti con l'HIV?
Tanto se sei sicuro che non ti verrà l' AIDS perchè l'HIv non è
pericoloso, cosa ci perdi? O te la fai sotto dalla paura, emerita
cacchetta puzzolente.
Post by FF68
Si sa come funziona, l'Africa ha bisogno di aiuti e le multinazionali
hanno l'interesse a mantenere il mercato. I numeri sono quelli
Dall'inizio della manifestazione dell'Aids, ci sarebbero stati per
l'intero continente 345.000 casi fino al dicembre 1994, meno che negli
Stati Uniti. Questo equivale, senza tema di sottostime, ad una
percentuale di solo lo 0,5% di ammalati di Aids ogni anno rispetto ai
sieropositivi totali, rispetto a 10 volte tanto negli Stati Uniti
d'America.
Si, blateraggini e solamente blateraggini, fatto sta che per queste
Post by FF68
Post by Lupo Nero
Inoltre i link di riferimento sono pieni di strafalcioni medici: si
afferma che il sistema immunitario non ha niente a che vedere con i
tumori, ignorando che tra i globuli bianchi ci sono dei linfociti (T
mi sembra) che giocano un ruolo fondamentale nell' individuare e
Il famoso virus del tumore, secondo solo a quello dell'HIV
come notorietà peccato che nessuno l'abbia mai visto
Dimmi, sei completamente idiota o ci fai? Io non ho mai parlato di
virus del tumore, ho solo specificato che i linfociti intervengono
nella distruzione delle cellule tumorali, in quanto sono riconosciute
(a volte) come corpi estranei all'organismo. Lo sai che i linfociti e
i globuli bianchi, oltre ai virus, combattono anche batteri e
generalmente corpi estranei? Lo sai cosa sono le allergie, emerito
coglione da strapazzo?
Post by FF68
Post by Lupo Nero
il tumore diventa incontrollabile quando
raggiunge infatti una determinata grandezza (n di cellule) che i
linfociti non possono più distruggerlo; infatti in ogni uomo nascono
molte cellule tumorali, all' ordine del giorno, ma se vengono
riconosciute in tempo da questi linfociti vengono annientate; ora
queste cose a me le insegnavano al corso di educazione scientifica
delle medie, quindi presumo che tu ti sia fermato alle elementari.
Beh di filastrocche ne insegnano molte già a scuola.
Poi i ragazzi escono e trovano i banchetti della propaganda
marchettara
Coglione idiota cattofascista, perchè le cazzate dei tuoi siti di
merda e le farneticazioni di individui meschini che non hanno uno
spicciolo di prove e sentenziano sulla vita e sulla pelle degli altri,
come la chiami, non propaganda? Idiota del cazzo, meriteresti di
morire tra le più atroci sofferenze per quello che dici: se i
cattolici sono come te SONO FIERO DI ESSERMI SBATTEZZATO, putrido
vigliacco demente.

Sei solo una emerita cacca insignificante che collezziona figure di
merda, con questa siamo a 6!!!

Hai ancora intenzione di continuare?
Drowning In Time
2007-12-06 12:21:10 UTC
Permalink
Era una notte buia e tempestosa. Ad un tratto echeggiò uno sparo! Una porta
Post by Lupo Nero
Sei solo una emerita cacca insignificante che collezziona figure di
merda, con questa siamo a 6!!!
quella dell'assenza di una bibliografia scientifica sulle connessioni HIV
-AIDS l'hai contata?
Per me vale per 10 da sola.
--
Saluti,
DIT
yet there's still something in my heart
that can find a way to make a start
to turn up the signal
wipe out the noise
desasosiego
2007-12-06 18:45:15 UTC
Permalink
Post by Drowning In Time
Post by Lupo Nero
Sei solo una emerita cacca insignificante che collezziona figure di
merda, con questa siamo a 6!!!
quella dell'assenza di una bibliografia scientifica sulle connessioni HIV
-AIDS l'hai contata?
Per me vale per 10 da sola.
Se però considerassimo l'ipotesi che questo tizio sia il nipotino di
Vanoli o Vanoli
stesso, i conti tornerebbero.
Michela
FF68
2007-12-06 23:34:20 UTC
Permalink
Post by desasosiego
Se però considerassimo l'ipotesi che questo tizio sia il nipotino di
Vanoli o Vanoli
stesso, i conti tornerebbero.
Michela
Può essere...che anche questi siano andati a scuola da lui

Peter Duesberg
Retrovirologo, membro dell’Accademia Nazionale delle Scienze:

"L’HIV è solo un latente, e perfettamente inoffensivo retrovirus di
cui molti, ma non tutti, i malati di AIDS, possono essere portatori.
Dire che l’HIV è la causa dell’AIDS significa mettere da parte tutto
ciò che sappiamo sui retrovirus... La teoria dell’HIV è inconsistente,
assurda e paradossale." [11]


"Non esiste nemmeno una singola definizione appropriata dell’AIDS sulla
quale discorsi o statistiche si possano verosimilmente basare... il
CDC chiama queste malattie AIDS solo quando anticorpi dell’HIV sono
presenti in maniera accertata o presunta. Se una persona risulta
sieronegativa, a queste malattie viene dato un altro nome." [6]


http://www.oikos.org/aids/it/dissidenti.htm
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Drowning In Time
2007-12-07 08:42:06 UTC
Permalink
Era una notte buia e tempestosa. Ad un tratto echeggiò uno sparo! Una porta
Post by FF68
Può essere...che anche questi siano andati a scuola da lui
Peter Duesberg
Duesberg: ecco, è lui. Sono proprio i suoi studi che hanno suggerito al
Sudafrica la politica di contenimento dell'AIDS con medicina tradizionale,
aglio et similia.

Dei morti ho già parlato, ma tu, naturalmente, non sai leggere.
Cialtrone analfabeta, vatti a nascondere.
--
Saluti, DIT
yet there's still something in my heart
that can find a way to make a start
to turn up the signal
wipe out the noise
Drowning In Time
2007-12-07 08:39:49 UTC
Permalink
Era una notte buia e tempestosa. Ad un tratto echeggiò uno sparo! Una porta
Post by desasosiego
Se però considerassimo l'ipotesi che questo tizio sia il nipotino di
Vanoli o Vanoli
stesso, i conti tornerebbero.
Michela
infatti la sua pervicacia del tutto indifferente alle badilate di palta che
lo stanno sommergendo, mi ricorda moltissimo il Vanoli.
--
Saluti, DIT
yet there's still something in my heart
that can find a way to make a start
to turn up the signal
wipe out the noise
FF68
2007-12-06 23:47:35 UTC
Permalink
Post by Lupo Nero
SONO FIERO DI ESSERMI SBATTEZZATO, putrido
vigliacco demente.
Pensa te , comunque sappi che è inutile , rimane valido
Post by Lupo Nero
Sei solo una emerita cacca insignificante che collezziona figure di
merda, con questa siamo a 6!!!
Hai ancora intenzione di continuare?
Fate fare i disegni di legge per tappare la bocca alla gente,
ma la verità viene fuori lo stesso anche se impedite di chiamare
le cose col loro nome
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Lupo Nero
2007-12-06 02:37:32 UTC
Permalink
Post by FF68
Può darsi, ma sempre meglio che farsi mettere il preservativo in testa
dall'Arcigay
PS: nella maggior parte dei locali gay italiani, che essi siano bar,
discoteche o saune, anche quelli gestiti da Arcigay, i preservativi
vengono regalati o messi alla portata di tutti; in qualsiasi locale
gay io sia stato (e ne ho girati parecchi) non ho mai pagato un
preservativo.
Quindi dove starebbe l'interesse economico di Arcigay sulla vendita
dei preservativi, coglione?

Sei già alla terza figura di merda solo su questo post, e noto che ne
stai collezionando molte altre in altri post ed altri NG... dimmi, ti
danno qualcosa almeno? neanche un premio di consolazione?
FF68
2007-12-06 09:02:51 UTC
Permalink
Post by Lupo Nero
Post by FF68
Può darsi, ma sempre meglio che farsi mettere il preservativo in testa
dall'Arcigay
PS: nella maggior parte dei locali gay italiani, che essi siano bar,
discoteche o saune, anche quelli gestiti da Arcigay, i preservativi
vengono regalati o messi alla portata di tutti; in qualsiasi locale
gay io sia stato (e ne ho girati parecchi) non ho mai pagato un
preservativo.
Quindi dove starebbe l'interesse economico di Arcigay sulla vendita
dei preservativi, coglione?
L'aspetto economico è il lato meno importante.
E' la vostra propaganda con lavaggi di cervello
tipo giornata dell'Aids e marchette varie che fate grazie
ai media compiacenti che non sta in piedi.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Drowning In Time
2007-12-04 11:12:18 UTC
Permalink
Era una notte buia e tempestosa. Ad un tratto echeggiò uno sparo! Una porta
Post by FF68
E' una colossale falsità che ci siano malati di Aids non
sieropositivi?
assolutamente sì.
Post by FF68
I migliori risultati sul controllo dell'Aids li ha ottenuti
l'Uganda , uno tra i paesi a maggiore "infiltrazione" cattolica.
La quale utilizza il programma ABC, ossia, Abstinence, Be faithful e
Condom.
Stranamente la C viene dimenticata dai più.
--
Saluti,
DIT
yet there's still something in my heart
that can find a way to make a start
to turn up the signal
wipe out the noise
Drowning In Time
2007-12-04 11:19:27 UTC
Permalink
Era una notte buia e tempestosa. Ad un tratto echeggiò uno sparo! Una porta
Post by FF68
E' una colossale falsità che ci siano malati di Aids non
sieropositivi?
aggiungo anche un ulteriore perla. nell'articolo hai anche citato una fonte
dell'Arcigay che "smentirebbe" che l'AIDS sia dovuto al virus dell'HIV, ma
che è dovuto all'eccesso di droghe. Piccolo particolare, non si parla di
questo, ma si dice che l'abuso del popper favorisce IL CONTAGIO DA HIV
(cosa peraltro piuttosto ovvia, visto che favorisce tra l'altro i rapporti
a rischio). Neanche sai leggere gli articoli che citi, genio.
oltre a blaterare di retrovirus senza neanche sapere cosa sono.
E neanche sai cosa significa "sieropositivo", tra l'altro.
--
Saluti,
DIT
yet there's still something in my heart
that can find a way to make a start
to turn up the signal
wipe out the noise
FF68
2007-12-05 22:59:15 UTC
Permalink
Post by Drowning In Time
Post by FF68
E' una colossale falsità che ci siano malati di Aids non
sieropositivi?
aggiungo anche un ulteriore perla. nell'articolo hai anche citato una fonte
dell'Arcigay che "smentirebbe" che l'AIDS sia dovuto al virus dell'HIV, ma
che è dovuto all'eccesso di droghe. Piccolo particolare, non si parla di
questo, ma si dice che l'abuso del popper favorisce IL CONTAGIO DA HIV
(cosa peraltro piuttosto ovvia, visto che favorisce tra l'altro i rapporti
a rischio). Neanche sai leggere gli articoli che citi, genio.
oltre a blaterare di retrovirus senza neanche sapere cosa sono.
E neanche sai cosa significa "sieropositivo", tra l'altro.
"Chiunque faccia parte del settore sa che esiste disaccordo sul se ci
sia o meno una prova del fatto che l'HIV è la probabile causa
dell'AIDS. Esiste da qualche parte nella letteratura medica una prova
scientifica che il virus dell'HIV sia la causa dell'AIDS, e se esiste,
dov'è? A chi va attribuita la prova scientifica che sostiene
l'affermazione: " L'HIV è la probabile causa dell'AIDS?"
(Kary Mullis)

http://www.oikos.org/aids/it/intmullis.htm
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Drowning In Time
2007-12-06 08:52:28 UTC
Permalink
Era una notte buia e tempestosa. Ad un tratto echeggiò uno sparo! Una porta
Post by FF68
"Chiunque faccia parte del settore sa che esiste disaccordo sul se ci
sia o meno una prova del fatto che l'HIV è la probabile causa
dell'AIDS. Esiste da qualche parte nella letteratura medica una prova
scientifica che il virus dell'HIV sia la causa dell'AIDS, e se esiste,
dov'è? A chi va attribuita la prova scientifica che sostiene
l'affermazione: " L'HIV è la probabile causa dell'AIDS?"
(Kary Mullis)
http://www.oikos.org/aids/it/intmullis.htm
sono, infatti, le stesse pericolosissime baggianate che, disgraziatamente
accreditate anni fa dal governo del Sudafrica hanno causato la catastrofe
da me già citata.

http://www.repubblica.it/2003/h/sezioni/esteri/aids/aids/aids.html

"il Sudafrica è il paese al mondo con il più alto numero di malati di Aids:
circa 5 milioni di persone, l'11 per cento dei 43,8 milioni di abitanti
secondo le Nazioni Unite sono sieropositive: 600 di loro muoiono ogni
giorno, 660mila bambini sono orfani a causa della malattia.(...)
Un quadro drammatico, di fronte al quale fino a questo momento la risposta
del governo era stata quasi del tutto insufficiente: in passato il
presidente Thabo Mbeki e il suo ministro per la Salute Manto
Tshabalal-Msimang, hanno più volte messo in dubbio il legame fra il virus
dell'Hiv e l'Aids. "Usate la medicina tradizionale e mangiate aglio,
cipolle e patate sudafricane per fermare la malattia", è arrivata a dire il
ministro."

(10/8/2003)

Purtroppo su internet scrivono molti ciarlatani. Basta pensare al Vanoli e
simili, non c'è bisogno di guardare molto in là.
--
Saluti,
DIT
yet there's still something in my heart
that can find a way to make a start
to turn up the signal
wipe out the noise
cri
2007-12-06 08:20:29 UTC
Permalink
On Mon, 03 Dec 2007 22:45:15 +0100
Post by FF68
Post by cri
Come fate voi cattolici a non capire che riguardo il sesso non tutti
sono obbligati a pensarla come voi?
Perchè qualcuno ti impedisce di usarli?
No. Per fortuna non sono cattolico! Ma se lo fossi potrei anche avere
problemi morali nel farlo.
Post by FF68
Post by cri
perchè vi arrogate il diritto di impedire l'utilizzo di quello che
per molti è l'unico mezzo per proteggersi dall'aids?
Cazzate dell'Arcigay che ha bisogno di soldi per
continuare le sue campagne
Cazzate dell'Arcigay???
guarda, personalmente li conosco solo per nome, quello che ho scritto
viene tutto da me. Non uso il preservativo perche' sono felicemente
fidanzato e fedele alla mia compagna e siamo entrambi sani. Ponevo solo
all'attenzione un problema generale senza scopi personali o di
particolari situazioni.

ciao
Continua a leggere su narkive:
Loading...