Discussione:
NON AMMAZZARE
(troppo vecchio per rispondere)
l***@libero.it
2006-01-27 10:33:32 UTC
Permalink
Carità cristiana e giustizia dei nostri politici cattolici
NON UCCIDERE
Questo il comandamento (Esodo 2)


Zibaldone di Luigi Melilli

In questa nostra Italia che si ritiene culla di civiltà (e con molte
buone ragioni) ciò che non quadra è soprattutto quella parte di
italiani che contano, i quali si dicono "cristiani" e poi -
sull'esempio dei pontefici romani - agiscono come gli imperatori
romani, dimenticando quanto scritto nei testi che essi stessi
dichiarano sacri e ispirati dallo Spirito Santo.
L'ultimo caso è la legge che non pone più limiti alla legittima
difesa.
Mi domando: "Ma il concetto di "legittima difesa è veramente
cristiano di Cristo?
A tutta prima non direi, se Gesù Cristo, come narrano i vangeli
insegnò: "A chi vi percuote in una guancia voi mostrate anche
quell'altra."
Chi non ricorda con quanto slancio il Carducci si ribella a questa
morale da vinti specie nel suo bellissimo "CANTO DELL'AMORE?"
Certo, il Carducci poteva avere un sacco di ragioni, aiutato in ciò
dal costume della chiesa di Roma, che cristiana non è ma si dichiara
tale e poi ha fatto dell'uccisione l'arma più efficace per la
difesa della sua autorità assoluta.
Ma noi siamo italiani, e non abbiamo avuto, come tali, solo i papi, i
Carducci, i Dante Alighieri - che però non era proprio d'accordo
con i papi - e così via dicendo.
L'Italia ha avuto anche un Cesare Beccarla che ha chiesto con una sua
condivisibilissima teoria, l'abolizione della pena di morte.
Che Nessuno, specie i papi di Roma, abbia raccolto questo suo invito è
ancora un'altra prova della non cristianità della chiesa di Roma,
che ha santificato persino Pio IX, ultimo sedicente "Vicario di Gesù
Cristo" ad aver avuto al suo servizio un sacro apostolico boia in
Mastro Titta, a cui ha fatto consegnare, perché tagliasse loro la
testa, ben cinquecentosedici "fratelli", anche se, magari, erano
fratelli che avevano sbagliato.
Ora si dà la responsabilità di questa norma alla Lega di Bossi, che
- tutto sommato - è nei bassi della gerarchia politica
rappresentativa.
Ma i "cattolici dov'erano? Ce ne sono in entrambe gli schieramenti
attualmente attivi: maggioranza e opposizione; ma quelli della
maggioranza hanno seguito Bossi non Cristo.
Sì, è vero: anche l'America si dice cristiana. Ma il cristianesimo
esistente negli Stati Uniti è un cristianesimo talmente proteiforme da
trovarne per tutti i gusti.
E poi, da quando in qua l'errore di uno può essere portato come
giustificazione dell'errore degli altri?
Gli americani hanno la pistola facile per tradizione, tanto è vero che
spesso spesso sono i bambini o i fanciulli a impugnarla. Bell'esempio
di giustizia umana e civile eh?
Ora papa Ratzinger ha già pubblicato la sua prima enciclica. Sarebbe
da credere che quando i papi scrivono le loro lettere encicliche,
parlino ex cathedra e cioè dicono verità incontrovertibili.
Non è proprio così: le verità incontrovertibili non le hanno mai
rivelate i papi, che anzi hanno sparso tanto sangue da figurare
storicamente tra i più attivi stragisti.
Ma allora perché tanto casino sulla stampa e sui masmedia in genere?
Ci fosse stata la condanna della legge della pistola facile..... beh,
sarebbe stato lodevolissimo parlarne, ma così non è stato. Dunque?
Non è che si confonde il diritto di cronaca con il servilismo e con il
mercato se quanto si scrive e si pubblica può far guadagnare quattrini
a qualcuno che conta?
E i cattolici che in maggioranza siedono in Parlamento continuano a
farsi il segno della croce, definendolo segno del cristiano.
Con questa mentalità aberrante, che onora non allo stesso modo
patibolo e chi vi ha lasciato la vita, con una particolare predilezione
per il primo, c'è poco da sperare che Beccaria possa avere un
seguito serio: il rischio è che ci sarà sempre qualche leghista o chi
per esso, che in casi di berlusconismo morente ricorrerà più alla
croce che a Cristo, più alla pistola che alla prudenza, più alla
difesa dei propri beni che alla vita: il vero Dio in Italia non sono
le madonne e non Diio?
Io sono un povero direttore didattico pensionato, venuto da una
famiglia di contadini la cui indigenza è stata quadruplicata dal male.
Come tale non ho beni da difendere, anche se, come la vedova del
vangelo, se mi tolgono l'unica moneta che ho mi tolgoo tutto il mio
avere.
Ma solo per spaventare i cani e i gatti impugno il bastone, che alzo ma
non uso mai per percuotere.
Che diremo? Forse sarebbe giusto gridare, per questo verso "Viva
l'Europa che non ha voluto riconoscere le radici cristiane della sua
civiltà, perché tali radici tutto sono meno che cristiane e civili.
E - fatti salvi i singoli che agiscono in buona fede - e sono
molti! - è l'ipocrisia la povere che si getta negli occhi dei meno
accorti o dei più umili per fare apparire oro anche il più vile degli
orpelli.

Rieti, venerdì 27 gennaio 2006
Luigi Melilli
Porfirio
2006-01-27 10:57:06 UTC
Permalink
<***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@z14g2000cwz.googlegroups.com...
Carità cristiana e giustizia dei nostri politici cattolici
NON UCCIDERE
Questo il comandamento (Esodo 2)


Zibaldone di Luigi Melilli
Post by l***@libero.it
In questa nostra Italia che si ritiene culla di civiltà (e con molte
buone ragioni) ciò che non quadra è soprattutto quella parte di
italiani che contano, i quali si dicono "cristiani" e poi -
sull'esempio dei pontefici romani - agiscono come gli imperatori
romani, dimenticando quanto scritto nei testi che essi stessi
dichiarano sacri e ispirati dallo Spirito Santo.
L'ultimo caso è la legge che non pone più limiti alla legittima
difesa.
Mi domando: "Ma il concetto di "legittima difesa è veramente
cristiano di Cristo?
A tutta prima non direi, se Gesù Cristo, come narrano i vangeli
insegnò: "A chi vi percuote in una guancia voi mostrate anche
Post by l***@libero.it
quell'altra."
.............................................



................la legge non * obbliga * a rispondere alla violenza con la
violenza. Chi ha spirito masochistico puo' sempre continuare a subire senza
reagire, sperando nella misericordia dell'aggressore.


Itzcoatl
Varg
2006-01-27 11:52:01 UTC
Permalink
Post by Porfirio
................la legge non * obbliga * a rispondere alla violenza con la
violenza. Chi ha spirito masochistico puo' sempre continuare a subire
senza reagire, sperando nella misericordia dell'aggressore.
Quoto.
pope
2006-01-27 15:16:55 UTC
Permalink
Post by Porfirio
................la legge non * obbliga * a rispondere alla violenza con la
violenza. Chi ha spirito masochistico puo' sempre continuare a subire
senza reagire, sperando nella misericordia dell'aggressore.
Infatti Pietro nei vangeli aveva la spada e tagliò pure
un orecchio a un povero servo
Ma Gesù ,che la sapeva lunga e quindi sapeva anche
che la legge sul possesso legale di armi non era ancora in vigore,
riattaccò miracolosamente l'orecchio del servo !
Annarella
2006-01-28 19:24:11 UTC
Permalink
Post by Varg
Post by Porfirio
................la legge non * obbliga * a rispondere alla violenza con la
violenza. Chi ha spirito masochistico puo' sempre continuare a subire
senza reagire, sperando nella misericordia dell'aggressore.
Quoto.
Cazzate e scusate se esprimo cosi' bruscamente il termine. L'Italia e' uno
stato di diritto dove la legge dovrebbe regolare i rapporti tra i
cittadini.
Oggi abbiamo una legge che, sulla base della presunzione di difesa, ti
concede di ammazzare qualcuno. Presunzione perche' se l'altro e' morto, io
posso benissimo aver sparato perche' mi giravano quel giorno le balle o
perche' penso che a priori uno mi sta aggredendo e non sono punibile.
Abbiamo sancito la vittoria della paranoia, della paura, del fatto di
vivere nella jungla dove il principio e' mors tua, vita mea.
Non abbiamo fatto nessun passo avanti, non abbiamo sancito nulla che sia in
direzione di uno stato liberale o meno, abbiamo semplicemente sancito il
fatto che oggi posso ammazzare uno in casa mia e non sono punibile purche'
mi sia sentita aggredita.
Il secodno punto e' che la violenza non e' semplicemente sparare, come nel
caso della legge, la violenza in un'asserzione del genere puo' anche essere
quella che si vive ogni giorno per cui l'aggressione deve venire *punita*
con la reazione.
Stante al pensiero su quotato, se io oggi mi sento aggredita dal fatto che
uno sul lavoro mi ha fatto girare le palle, sono autorizzata a rispondere
senza limiti e se non rispondo non e' che lo faccia perche' magari il buon
senso imporrebbe di darci un taglio alle ripicche da bambini, no sono un
masochista.
Messa come e' stata messa e' una cazzata. Il principio e' che o per lo
stato italiano esiste il criterio di *ragiovonevolezza* o siamo alla
jungla.
La sicurezza e' uno dei compiti principali dello stato non del singolo. Nel
momento in cui il singolo viene autorizzato a difendersi con qualsiasi
mezzo, lo stato sancisce il suo fallimento, sancisce che non esiste piu'
una collettivita' ma esiste una massa di tribu', singoli che debbono
gestire la loro sicurezza. Seconda cosa sancisce che siamo in una
situazione in cui la violenza e' l'unico mezzo per rispondere.
Il problema qui non e' sulle scelte singole ma sui principi di base su cui
si basa una collettivita' che si chiama Italia. O l'Italia e' uno stato di
diritto o e' un'accozzaglia di persone in cui il particolarismo ha la
meglio sul bene collettivo.
La sicurezza e' un bene collettivo, e' un diritto della collettivita' non
del singolo.
Dire che non rispondere a violenza con violenza sia da masochisti e' una di
quelle puttanate galattiche che fanno tanto figo nei newsgroup ma che nella
vita di ogni giorno portano solo al vivere in un mondo allucinante. Neppure
nel far west o nella jungla ma in un ambiente in cui vince la paura
dell'altro, dove ammazzarsi al semaforo perche' ci si e' sentiti
sopravanzati diventa una cosa comune non piu' la reazione spropositata.
Il diritto alla sicurezza e' un diritto di tutti se il rispondere a
violenza con violenza superiore, il tutto sulla base della semplice
presunzione di aggressione, vuol dire sancire l'arbitrarieta' del singolo
sulla legge collettiva.
Se a violenza rispondo con violenza potro' anche non essere maoschista ma
l'eventuale prodotto si puo' chiamare omicidio la si giii come voglia.
--
Annarella

When did ignorance become a point of view?
(Scott Adams)
http://danzasullacqua.blogspot.com
Porfirio
2006-01-29 20:38:23 UTC
Permalink
Post by Annarella
Post by Varg
Post by Porfirio
................la legge non * obbliga * a rispondere alla violenza con la
violenza. Chi ha spirito masochistico puo' sempre continuare a subire
senza reagire, sperando nella misericordia dell'aggressore.
Quoto.
Cazzate e scusate se esprimo cosi' bruscamente il termine. L'Italia e' uno
stato di diritto dove la legge dovrebbe regolare i rapporti tra i
cittadini.
Stato di diritto e' una parola da
* azzeccagarbugli*, il diritto di fronte all'emergenza di attimi vitali va a
farsi benedire. Coloro che si riempiono la bocca di simili altasonanti
parolone sono i primi a usare le scorte personali, invitando poi i cittadini
in caso di emergenza a chiamare telefonicamente * lo Stato*....garante
delle istituzioni. Tale legge finalmente ha inteso regolare in maniera
logica i rapporti tra aggressore e aggredito.
Post by Annarella
Oggi abbiamo una legge che, sulla base della presunzione di difesa, ti
concede di ammazzare qualcuno.
Un accidente * presunzione di difesa * Ma che vai dicendo? Ti trovi di notte
uno in casa, armato di un * innocente * coltello, o di un bastone e tu che
dovresti fare, a tuo dire? Chiedergli le sue reali intenzioni?
Certo, con la tua saggezza e quella dei tanti azzeccagarbugli che infestano
le aule di giustizia e il parlamento, una coltellata o una bastonata in
testa sono il viatico che bisogna pagare onde potere dichiarare giusta
l'eventuale ( sempre che rimanga il tempo ) legittima difesa.


Presunzione perche' se l'altro e' morto, io
Post by Annarella
posso benissimo aver sparato perche' mi giravano quel giorno le balle o
perche' penso che a priori uno mi sta aggredendo e non sono punibile.
No, stai travisando il tutto. Ora puoi reagire per primo, senza dovere
aspettare una pallottola nel corpo , da mostrare ai giudici come prova
della necessita' della reazione ( sempre che te ne rimanga poi il tempo) e
la reazione non puo' essere a caso, ma da ben motivati, anche se non messi
in atto, intenti aggressivi. Insomma, uno che entra in casa di Tizio con la
pistola spianata e' giusto che si prenda la prima pallottola. Cosi' prima
non era, occorreva valutare le sue * reali intenzioni*. La stupidita'
buonista e masochista e' dura da sconfiggere, a mio avviso.
Post by Annarella
Abbiamo sancito la vittoria della paranoia, della paura, del fatto di
vivere nella jungla dove il principio e' mors tua, vita mea.
Certo, le garanzie per i delinquenti debbono essere mantenute ! Per non
essere * paranoici* occorre reagire * dopo* avere preso una coltellata,
oppure una pallottola in corpo, si sa, il delinquente poteva essere un
buontempone in vena di scherzi, che si divertiva a sfondare le porte altrui
tanto per ammazzare la noia. Forse non hai ancora capito che i campanelli
hanno uno scopo, e in mancanza di essi si bussa alla porta.
Post by Annarella
Non abbiamo fatto nessun passo avanti, non abbiamo sancito nulla che sia in
direzione di uno stato liberale o meno, abbiamo semplicemente sancito il
fatto che oggi posso ammazzare uno in casa mia e non sono punibile purche'
mi sia sentita aggredita.
No, stai sbagliando, occorre la * reale* minaccia. Ovvio che e' reale la
minaccia di uno che a mano armata entra in casa altrui. Non occorre
chiedergli quali intenzioni ha. Ti e' poi sfuggito che i rigori di tale
legge non colpiscono il delinquente che desiste, che si arrende, o che
fugge, e' vietato in tali condizioni l'accanimento.
Post by Annarella
Il secodno punto e' che la violenza non e' semplicemente sparare, come nel
caso della legge, la violenza in un'asserzione del genere puo' anche essere
quella che si vive ogni giorno per cui l'aggressione deve venire *punita*
con la reazione.
Questo non c'entra niente con la Legge appena varata.
Post by Annarella
Stante al pensiero su quotato, se io oggi mi sento aggredita dal fatto che
uno sul lavoro mi ha fatto girare le palle, sono autorizzata a rispondere
senza limiti e se non rispondo non e' che lo faccia perche' magari il buon
senso imporrebbe di darci un taglio alle ripicche da bambini, no sono un
masochista.
Messa come e' stata messa e' una cazzata.
Le ca**ate le vai dicendo tu e da un bel pezzo. Se ti va di farti uccidere
per dimostrare * accettazione* e tolleranza al diverso, fatti tuoi. La legge
attuale non ti punisce se non reagisci, ti lascia la liberta' di soccombere,
ma giustamente lascia pure la liberta' di difendersi a chi non vuole
soccombere. Mi sembra tanto evidente.


Il principio e' che o per lo
Post by Annarella
stato italiano esiste il criterio di *ragiovonevolezza* o siamo alla
jungla.
La sicurezza e' uno dei compiti principali dello stato non del singolo.
Discorsi senza senso alcuno. Lo stato potra' dare tutte le sicurezze che
vorrai, ma non potra' mai tutelarti nel tempo dovuto o sventare
un'aggressione in corso tra le mura domestiche. Potra' casomai creare le
condizioni per farle diminuire, ma ci sara' sempre chi vivra' delinquendo.
Ed e' contro questi ultimi che occorre la * giusta* reazione, ossia quella
che le condizioni del momento faranno ritenere piu' opportune all'aggredito,
non certo quelle che paiono a te che stai sentenziando comodamente seduto
dietro un pc, o a qualche pseudolegislatore buonista che invita l'aggredito
a invocare lo Stato di fronte a uno che ti spiana una pistola alla fronte o
un coltello alla pancia.


Nel
Post by Annarella
momento in cui il singolo viene autorizzato a difendersi con qualsiasi
mezzo, lo stato sancisce il suo fallimento, sancisce che non esiste piu'
una collettivita' ma esiste una massa di tribu', singoli che debbono
gestire la loro sicurezza.
Fe**erie, ci sara' sempre anche nella societa' piu' evoluta chi vivra' di
espedienti e non si fara' scrupoli a uccidere o stuprare per un pugno di
banconote.




Seconda cosa sancisce che siamo in una
Post by Annarella
situazione in cui la violenza e' l'unico mezzo per rispondere.
Il problema qui non e' sulle scelte singole ma sui principi di base su cui
si basa una collettivita' che si chiama Italia.
Principi del piffero. Le belle parole e le frasi altisonanti da tromboni
ipocriti e gonfiati, debbono retrocedere di fronte all'emergenza, di fronte
a frazioni di secondo nelle quali si gioca la vita, delinquente o
aggredito: A te la scelta su chi deve vivere. Io l'ho gia' fatta da tempo.



O l'Italia e' uno stato di
Post by Annarella
diritto o e' un'accozzaglia di persone in cui il particolarismo ha la
meglio sul bene collettivo.
Altre fe**erie . E quale sarebbe il * bene collettivo* ? Lasciare che
impunemente un minaccioso ladro diventi al prossimo furto un probabile
assassino?
Post by Annarella
La sicurezza e' un bene collettivo, e' un diritto della collettivita' non
del singolo.
Balle, e' un diritto del singolo. La collettivita' non puo' mettere un
poliziotto in ogni casa. Almeno fin qui dovrebbe essere comprensibile.
Post by Annarella
Dire che non rispondere a violenza con violenza sia da masochisti e' una di
quelle puttanate galattiche che fanno tanto figo nei newsgroup ma che nella
vita di ogni giorno portano solo al vivere in un mondo allucinante.
Guarda mio caro, io non ho bisogno di essere * figo*, sei tu che fai il *
figo* invitando a donare l'altra guancia, comportamento ben piu' alla moda.
Non solo, ma continui a non capire che il Far West che tu temi e' gia' da un
pezzo in essere, ed e' giunto il giusto tempo di darci un taglio, merito
soprattutto di persone che come te hanno svilito il senso della parola *
tolleranza* al rango di * accettazione* acritica e passiva degli umori e
delle violenze di altre culture, compreso quella dei delinquenti e ladri in
genere.



Neppure
Post by Annarella
nel far west o nella jungla ma in un ambiente in cui vince la paura
dell'altro, dove ammazzarsi al semaforo perche' ci si e' sentiti
sopravanzati diventa una cosa comune non piu' la reazione spropositata.
Hai davvero poco raziocinio. Reazioni istriche e immotivate ci sono sempre
state, da che l'uomo e' uomo, e il paragone che hai portato non c'entra
proprio nulla con l'argomento in questione.
Post by Annarella
Il diritto alla sicurezza e' un diritto di tutti se il rispondere a
violenza con violenza superiore, il tutto sulla base della semplice
presunzione di aggressione, vuol dire sancire l'arbitrarieta' del singolo
sulla legge collettiva.
Senti, parla coi piedi per terra, per favore. Dove vedi una semplice *
presunzione* di aggressione in uno che sfonda la porta ed entra a mano
armata in casa tua? E' in tali casi che la Legge da' diritto di reagire *
per primi*, non in altri casi dove il ladro non minaccia o si arrende.
Chiaro?
Post by Annarella
Se a violenza rispondo con violenza potro' anche non essere maoschista ma
l'eventuale prodotto si puo' chiamare omicidio la si giii come voglia.
Bene, e allora? Ben venga un *omicidio* ( parola tabu' ad uso di
benpensanti ) quando questo serve a difendere la propria vita o di altri, da
una minaccia * reale*, anche se solo manifestata. Ben venga l'eliminazione
di una vita ( la cui sacralita' non e' certo assioma) votata per dna o per
cultura atavica alla violenza o all'omicidio di chi dovrebbe salire
sull'altare del buonismo per dimostrare la propria cultura * superiore* o la
propria fiducia nello Stato * garante* .

Itzcoatl
Post by Annarella
--
Annarella
When did ignorance become a point of view?
(Scott Adams)
http://danzasullacqua.blogspot.com
Annarella_by_the_web
2006-01-29 21:41:36 UTC
Permalink
Post by Porfirio
Post by Annarella
Post by Varg
Post by Porfirio
................la legge non * obbliga * a rispondere alla violenza con la
violenza. Chi ha spirito masochistico puo' sempre continuare a subire
senza reagire, sperando nella misericordia dell'aggressore.
Quoto.
Cazzate e scusate se esprimo cosi' bruscamente il termine. L'Italia e' uno
stato di diritto dove la legge dovrebbe regolare i rapporti tra i
cittadini.
Stato di diritto e' una parola da
* azzeccagarbugli*,
Stato di diritto e' una nozione che appartiene al linguaggio della
sociologia e della filosofia politica, gli azzeccarbugli di solito si
occupano di diritto nel senso legale.
Post by Porfirio
il diritto di fronte all'emergenza di attimi vitali va a
farsi benedire.
La legge? Messa cosi' vuol dire che il tuo diritto alla difesa ed il
diritto del ladro ad entrarti in casa si equivalgono. Saltando il diritto,
salta anche il fatto che esista una punibilita' o meno.
Post by Porfirio
Coloro che si riempiono la bocca di simili altasonanti
parolone sono i primi a usare le scorte personali, invitando poi i cittadini
in caso di emergenza a chiamare telefonicamente * lo Stato*....garante
delle istituzioni.
Oh la', una bella tirata che non fa mai male. Guarda che lo stato di
solito lo si invita a chiamare nei casi di mafia, truffe, taglieggiamento.
Stranamente dove c'e' la mafia non c'e' microdelinquenza perche' lo stato
e' assente e l'ordine lo amministra la mafia.
Post by Porfirio
Tale legge finalmente ha inteso regolare in maniera
logica i rapporti tra aggressore e aggredito.
Tale legge non regola una minchia perche' i rapporti erano *gia'*
regolamentati prima. Che non vi fosse certezza della pena e' tutto un
altro paio di maniche
Post by Porfirio
Post by Annarella
Oggi abbiamo una legge che, sulla base della presunzione di difesa, ti
concede di ammazzare qualcuno.
Un accidente * presunzione di difesa * Ma che vai dicendo? Ti trovi di notte
uno in casa, armato di un * innocente * coltello, o di un bastone e tu che
dovresti fare, a tuo dire? Chiedergli le sue reali intenzioni?
Sei convinto di riuscire ad avere la freddezza per tirare fuori un'arma,
prendere di sorpresa l'aggressore e mandarlo in fuga o stecchirlo?
La presunzioen di difesa implica che se c'e' un morto in casa tua, la
legge sulla base della tua testimonianza presume che tu lo abbia fatto per
difesa.
Se quello e' il vicino che si e' rotto i coglioni dello stereo altissimo
alle 4 del mattino fara' lo stesso.
Post by Porfirio
Certo, con la tua saggezza e quella dei tanti azzeccagarbugli che infestano
le aule di giustizia e il parlamento, una coltellata o una bastonata in
testa sono il viatico che bisogna pagare onde potere dichiarare giusta
l'eventuale ( sempre che rimanga il tempo ) legittima difesa.
ROTFL. Porfi dovresti conoscere un po' meglio i termini. Siamo partiti dal
concetto di risposta violenta a violenza considerata l'unico modo *SANO*
di reagire. Siamo finiti alle tirate populiste sul parlamento.
Ciccio bello sappi che i furti in Italia sono in discesa, e' uno dei pochi
crimini che sono in discesa e nei furti in casa credo di esserci passata
una decina di volte. Ti assicuro che questa legge che tanto ti rassicura
serve ad un cacchio e te lo dico per esperienza.
Post by Porfirio
Presunzione perche' se l'altro e' morto, io
Post by Annarella
posso benissimo aver sparato perche' mi giravano quel giorno le balle o
perche' penso che a priori uno mi sta aggredendo e non sono punibile.
No, stai travisando il tutto. Ora puoi reagire per primo, senza dovere
aspettare una pallottola nel corpo , da mostrare ai giudici come prova
della necessita' della reazione ( sempre che te ne rimanga poi il tempo) e
la reazione non puo' essere a caso, ma da ben motivati, anche se non messi
in atto, intenti aggressivi.
Ho citato la legge che e' realmente essenziale tanto da rischiare
l'incostituzionalita' perche' non tiene conto del principio di
*ragionevolezza*. La pallottola di prova c'entrava un cazzo gia' prima,
prima se lo stecchivi dovevi affrontare un processo, adesso no. La
differenza è essenzialmente questa.
Post by Porfirio
Insomma, uno che entra in casa di Tizio con la
pistola spianata e' giusto che si prenda la prima pallottola. Cosi' prima
non era, occorreva valutare le sue * reali intenzioni*.
Anche adesso ciccio. Perche' e' vero che puoi farlo ma se salta fuori che
l'altro non aveva non ti ha aggredito in nessun modo scatta sempre
l'accusa di omicidio. Il principio e' questo. Si parla di "difesa della
persona e dei beni" non di sparo a cazzo perche' ho visto un'ombra.
Post by Porfirio
La stupidita'
buonista e masochista e' dura da sconfiggere, a mio avviso.
Anche il non capirci un cazzo e non avere letto il testo o conoscere la
legge precedente.
Post by Porfirio
Post by Annarella
Abbiamo sancito la vittoria della paranoia, della paura, del fatto di
vivere nella jungla dove il principio e' mors tua, vita mea.
Certo, le garanzie per i delinquenti debbono essere mantenute ! Per non
essere * paranoici* occorre reagire * dopo* avere preso una coltellata,
oppure una pallottola in corpo, si sa, il delinquente poteva essere un
buontempone in vena di scherzi, che si divertiva a sfondare le porte altrui
tanto per ammazzare la noia.
ROTFL. La legge attuale gia' sancisce la colpa. Il problema non e' che
esistano garanzie per i delinquenti, fatte salve quelle che normalmente
esistono in una stato che si voglia civile, il problema e' che abbiamo un
governo di merda che depotenzia magistratura, polizia e fa gli indulti
perche' i soldi per i ponti ci sono ma non per le carceri nuove.
Ti entra nel cervello o e' masochismo anche l'invocare che lo stato si
assuma i suoi oneri ? E' italiano questo ti faccio presente, se non lo
capisci ci sono ottimi dizionari.
Post by Porfirio
Forse non hai ancora capito che i campanelli
hanno uno scopo, e in mancanza di essi si bussa alla porta.
Ah Porfi per fare tirate populistiche sei un genio, per capire di cosa si
dibatta ed il principio era sempre la contrapposizione tra masochismo e
risposta violenta a violenta un po' meno.
Post by Porfirio
Post by Annarella
Non abbiamo fatto nessun passo avanti, non abbiamo sancito nulla che sia in
direzione di uno stato liberale o meno, abbiamo semplicemente sancito il
fatto che oggi posso ammazzare uno in casa mia e non sono punibile purche'
mi sia sentita aggredita.
No, stai sbagliando, occorre la * reale* minaccia. Ovvio che e' reale la
minaccia di uno che a mano armata entra in casa altrui. Non occorre
chiedergli quali intenzioni ha. Ti e' poi sfuggito che i rigori di tale
legge non colpiscono il delinquente che desiste, che si arrende, o che
fugge, e' vietato in tali condizioni l'accanimento.
Ah Porfi sopra hai appena detto "Per non
Post by Porfirio
essere * paranoici* occorre reagire * dopo* avere preso una coltellata,
oppure una pallottola in corpo". Se reagisci a cazzo non cambia niente
neppure adesso guarda un po'. E questo in presenza di "rischio di
aggressione". Come poi verra' valutato il rischio mi sfugge ma una cosa del
genere sembrerebbe dire che hai un'arma puntata addosso. Se non c'e' arma vai
sempre dentro per "eccesso di difesa".
Post by Porfirio
Post by Annarella
Il secodno punto e' che la violenza non e' semplicemente sparare, come nel
caso della legge, la violenza in un'asserzione del genere puo' anche essere
quella che si vive ogni giorno per cui l'aggressione deve venire *punita*
con la reazione.
Questo non c'entra niente con la Legge appena varata.
Si parla di violenza ti faccio presente. Il punto di partenza e' sempre la
fatidica frase che chi non risponde a violenza con violenza e' masochista.
Post by Porfirio
Post by Annarella
Stante al pensiero su quotato, se io oggi mi sento aggredita dal fatto che
uno sul lavoro mi ha fatto girare le palle, sono autorizzata a rispondere
senza limiti e se non rispondo non e' che lo faccia perche' magari il buon
senso imporrebbe di darci un taglio alle ripicche da bambini, no sono un
masochista.
Messa come e' stata messa e' una cazzata.
Le ca**ate le vai dicendo tu e da un bel pezzo. Se ti va di farti uccidere
per dimostrare * accettazione* e tolleranza al diverso, fatti tuoi. La legge
attuale non ti punisce se non reagisci, ti lascia la liberta' di soccombere,
ma giustamente lascia pure la liberta' di difendersi a chi non vuole
soccombere. Mi sembra tanto evidente.
ROTFL Porfi sei bravissimo a dire cose che non sono state dette. Ho
parlato di morte dello stato di diritto, di rinuncia dello stato a
garantire la sicurezza del cittadino.
Dove tu abbia letto tutte ste cose che stai emettendo non so ma suppongo
che ti vengano bene per la tirata.

Taglio qui perche' sei sufficientemente noioso e che si parta dalla
concezione di rinuncia dello stato di diritto a garantire la sicurezza del
cittadino passandogli la palla per arrivare alle cazzate succitate mi
annoia ancora di plus.

Annarella
--
Il lavoro cresce esponenzialmente. Lo stipendio no.

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
l***@libero.it
2006-01-30 10:12:25 UTC
Permalink
Era inevitabile che il mio scritto suscitasse un vespaio, ma non
credevo che che quel vespaio fosse uno sciocchezzaio come quello letto.
Tra l'altro vorrei sapere dai difensori di questa incivilissima legge,
non pensata neppure dal codice fascista di rocco, come si fa a sapere
se chi entra vuole solo rubar qualcosa magari per bisogno o uccidere? e
chi dice che, avendo lui una pistola, sapendo di poter essere ucciso
non spara prima di rubare? Certo chi sta in casa non ha la pistola con
il colpo in canna e con questa legge l'aggressore si sente autorizzato
a sparare per primo anche se non è necessario.
Quell'ignegnolino del prooponente una norma così meschina e coloro che
l'hanno seguito non hanno neppure pensato lontanamente che metgtevano
in commercio un'arma a doppio taglio, e a svantaggio dell'aggredito
più normalmente che dell'agtgressore.
Ci americanizziamo? Negli USA sparano anche i bambinbi e uccidono anche
i loro compagni di scuola e i loro insegnanti. Bell'esempio
daseguire!!! Luigi Melilli
Porfirio
2006-01-30 11:42:42 UTC
Permalink
<***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@g44g2000cwa.googlegroups.com...
Era inevitabile che il mio scritto suscitasse un vespaio, ma non
credevo che che quel vespaio fosse uno sciocchezzaio come quello letto.
Tra l'altro vorrei sapere dai difensori di questa incivilissima legge,
non pensata neppure dal codice fascista di rocco, come si fa a sapere
Post by l***@libero.it
se chi entra vuole solo rubar qualcosa magari per bisogno o uccidere?
.......... Basta domandare al ladro le sue vere intenzioni, dopodiche'
saremmo obbligati a dirgli ( secondo il tuo pensare ) : accomodati,
figliolo, e prendi quanto ti fa piu' comodo.....!! .....con la legge
precedente lo imparavi quando era spesso gia' troppo tardi. Ma insomma, non
stiamo a raccontarci sciocchezze se uno entra in casa tua armato, che ci
vuole a capire le sue * reali * intenzioni, che ti spari il primi colpo?
Ovvio, e questo e' il senso della Legge nuova, che non puoi sparare a cuor
leggero, ma * solo* se esistono motivi validi, e tra i motivi validi mi
sembra piu' che giusto annoverare la minaccia a mano piu' o meno
armata......( anche una bastonata puo' essere mortale...)
Insomma, il vostro garantismo rendeva con la legge preced la vittima due
volte tale. Prima dal ladro, poi dalla ( cosiddetta ) giustizia. Ora non
piu', puoi benissimo anticipare le mosse del delinquente senza essere
considerato * omicida*. E questa mi sembra una dimostrazione di civilta',
contro la precedente barbarie giuridica dell'accettazione coatta di volonta'
e azioni criminali altrui



e
chi dice che, avendo lui una pistola, sapendo di poter essere ucciso
non spara prima di rubare? Certo chi sta in casa non ha la pistola con
il colpo in canna e con questa legge l'aggressore si sente autorizzato
Post by l***@libero.it
a sparare per primo anche se non è necessario.
....che uno stia in casa col colpo in canna, sono fatti suoi. Sta di fatto
che spesso il ladro viene anticipato nelle sue mosse grazie ai sistemi di
telesorveglianza o di segnalazionie di passaggio, e spesso in maniera
silenziosa. Cio' significa che nel giro di pochi secondi puoi armarti e
affrontare l'intruso almeno in condizioni di * parita'*.
Oggi tali sistemi costano davvero due soldi.......



Quell'ignegnolino del prooponente una norma così meschina e coloro che
l'hanno seguito non hanno neppure pensato lontanamente che metgtevano
in commercio un'arma a doppio taglio, e a svantaggio dell'aggredito
Post by l***@libero.it
più normalmente che dell'agtgressore.
.......ripeto ancora che non sei obbligato a contrastare la sacra volonta'
dell'aggressore. Puoi benissimo farlo accomodare, offrirgi un caffe', dargli
tutti i tuoi averi, offrirti come vittima sacrificale in caso costui sia un
po' alterato, magari drogato........insomma, tu puoi scegliere di rinunciare
alla tua difesa, altri invece non la pensano come te. Ed e' giusto che
ognuno si comporti come crede, il ladro di rubare , tu di alzare le braccia,
altri di reagire.


Ci americanizziamo? Negli USA sparano anche i bambinbi e uccidono anche
i loro compagni di scuola e i loro insegnanti. Bell'esempio
Post by l***@libero.it
daseguire!!! Luigi Melilli
...scusa Melilli, ma queste sono sparate da osteria. Dove sta scritto che
la Legge nuova autorizza a cio'? Nonnscivoliamo nel faceto.

Itzcoatl
l***@libero.it
2006-01-31 09:08:25 UTC
Permalink
Non c'è peggior sordo di colui che non vuol sentire. Io non ho detto
che in Arica viene autorizzata con norma l'uccisione; ho solo detto che
non ponendo la legge americana un limite alla legittima difesa e
all'acquisto delle armi, queste cadonoi anche in mano di bambini. Tutto
qui.
DDEL RESTO L'INCRIMINAZIONE PER ECCESSO DI LEGITTIMA DIFESA E' SANCITO
DAL CODICE FASCISTA ROCCO.... sEMBRA LOTICO E ONOREVOLE ALLA "PATRIA
DEL DIRITTO" TORNARE INDIETRO DA UNA MIISURA COSì PRUDENZIALE E
GIUSTA? iL FASCISMO NON ERA DEMOCRAZIA, COME INVECE NOI DICIAMO DI
ESSERE, DUNQUE? LA CAPZIOSITA' MPM èAGA
ED E' UN INSULTO ALLA VERITA'. SU QUESTA SI PUO' SEMPRE DISCUTERE, ME
NELL'ALVEO DEL LOGICO E DEL RISPETTO DELL'OPINIONE ALTRUI, ALTRIMENTI
E' GIUNGLA. lUIGI mELIOLLI, che con questo risponde anche Google Alert
Porfirio
2006-01-31 14:02:34 UTC
Permalink
<***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@g43g2000cwa.googlegroups.com...
Non c'è peggior sordo di colui che non vuol sentire. Io non ho detto
che in Arica viene autorizzata con norma l'uccisione; ho solo detto che
non ponendo la legge americana un limite alla legittima difesa e
all'acquisto delle armi, queste cadonoi anche in mano di bambini. Tutto
qui.


.......... Caro Melilli, siamo in Italia, dove l'acquisto di un'arma non e'
cosi' facile. Anche la semplice detenzione casalinga deve essere autorizzata
dall'autorita' pubblica, previo ricerche sul richiedente. In Italia, poi,
per tua norma, un'arma tenuta in casa non puo' essere lasciata a portata di
mano , ma custodita in cassaforte o armadio blindato. E tali norme non sono
state abrogate.





DDEL RESTO L'INCRIMINAZIONE PER ECCESSO DI LEGITTIMA DIFESA E' SANCITO
DAL CODICE FASCISTA ROCCO.... sEMBRA LOTICO E ONOREVOLE ALLA "PATRIA
DEL DIRITTO" TORNARE INDIETRO DA UNA MIISURA COSì PRUDENZIALE E
GIUSTA? iL FASCISMO NON ERA DEMOCRAZIA, COME INVECE NOI DICIAMO DI
ESSERE, DUNQUE? LA CAPZIOSITA' MPM èAGA



.....scusa, ma chi se frega della sottile distinzione tra democrazia e
dittature , di fronte ad una pistola spianata? Tu vorresti dire che per
onorare una democrazie e' doveroso farsi piantare una coltellata in pancia,
mentre una eventuale legittima e preventiva reazione favorirebbe una
dittatura, o richiamerebbe uno spirito normativo autoritario? Ben venga
quest' ultimo, se finalmente si potra' dormire con la porta aperta. MI
sembra che tu voglia spostare l'argomento in un piano che non gli compete.
Di fronte ad una minaccia, dittatura o democrazia imperante, non c'e' santo
che tenga, la prevenzione nei fatti ( non nelle intemzioni) e' l'unico
deterrente.



ED E' UN INSULTO ALLA VERITA'. SU QUESTA SI PUO' SEMPRE DISCUTERE, ME
NELL'ALVEO DEL LOGICO E DEL RISPETTO DELL'OPINIONE ALTRUI, ALTRIMENTI
E' GIUNGLA. lUIGI mELIOLLI, che con questo risponde anche Google Alert


..................perche'? non sto rispettando le tue opinioni, pur
dissentendone totalmente?


Itzcoatl
l***@libero.it
2006-01-31 15:03:37 UTC
Permalink
No, non è per capriccio ma per onestà di pensiero che non posso
seguirti, indipendentemente da ogni altra riflessione e circostanza.
Eravòamo nel 1945, Io avevo uno zio fratello di mamma, Guido Marella,
maresciallo dei carabinieri in via Nomentana in Roma. Bene, una mattina
suonai il campanello, essendo andato a Roma e chi mi venne ad aprire?
il suo figliuolo di sei anni che impugnava la pistola dpordinanza del
padre. Mi ci volle del bello e del buono per convincerlo di
consegnarmela.... Lo zio - forse per l'unica volta - aveva
dimenticato, uscendo in borghese, di mettere la pistola in luogo
sicuro.E questa è verità sacrosanta
E se è vero chetrqa dittatura fascista e democrazias c'è un abisso,
non facciamo che sia a svantaggio del bene. Anche gli apostoli erano
armati di spada dici tu, ma dimentichi che Cristo disse a Pietro:
"Rimetti la spada nel fodero, perché chi di spada ferisce di spada
perisce." Cristo non era un dittatore o un dogmatico come i suoi
sedicenti vicari.Per questo disse al giovane ricco che se voleva essere
"perfetto" non normale o giusto vendesse tutto e desse tutto ai poveri.
Guarda Storace: più rigido di un papa, vieta l'acquisto di pillole
abortive, nopn si rifà alle coscienze consigliando di non farlo. In
paradiso ope legis non ci si va e Cristo lo sapevaperché se voleva
essere solo giustizia non sarebbe venuto a farsi crocifiggere ma è che
voleva essere anche e soprattutto misericordia. Per questo posto a
segno di contraddiz<ione, c ome dice il VecchiioSimeone. Questo senza
dire delle manomissioni che i libri scelti in un concilio non certo
gradito a Dio, in quanto presieduto da un imperatore di questo mondo,
do cio CRisto non era re, e da un presunto suo vicario, Silvestro, che
lo indusse a guerreggiare. Da allora lo stragismo papista supera ogni
altro esempio storico.
Che vuoi dirmi? credi che mi faccia piacere tutto questo? DCio ci ha
creatolibero di qui il merito, perché nel farlo sapeva già che
"L'uomo giusto pecca sette volte al giorno"
Il mio unico occhio da due decimi con correzione di lenti mi ha fartto
fare un casino: se ne è accorta mia moglie e poi ho controllato anche
io, che ho scritto in due spzzoni. Prima di fare altri casini non
presidenti dcella Camera chiudo salutandoti, s permetti,
affettuosamente,Luigi Melilli
Porfirio
2006-02-01 13:03:17 UTC
Permalink
<***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@g47g2000cwa.googlegroups.com...


.


E se è vero chetrqa dittatura fascista e democrazias c'è un abisso,
non facciamo che sia a svantaggio del bene. Anche gli apostoli erano
armati di spada dici tu, ma dimentichi che Cristo disse a Pietro:
"Rimetti la spada nel fodero, perché chi di spada ferisce di spada
Post by l***@libero.it
perisce."
...........se Cristo fosse stato davvero contrario ad una * giusta *
reazione avrebbe ordinato di gettarla alle ortiche, non di rimetterla nel
fodero, anzi, non avrebbe mai accettato * scorte* armate.
Post by l***@libero.it
Cristo non era un dittatore o un dogmatico come i suoi
sedicenti vicari.




..........su questo dissento molto, in quanto le soluzioni ai problemi
terreni erano rimandati all'aldila'.
Ricorda poi che fin troppo dogmantica e' la famosa massima di Cristo, *
guai ai ricchi, perche' di essi non sara' il regno dei cieli*, unita a
quella < date ai poveri>....ora devi sapermi dire come si puo' *donare* se
non si ha in piu' rispetto a cio' che serve., ossia se non si e' * ricchi *
. Cristo disse, si' cose buone ( peraltro gia' da secoli dette in ogni
angolo della terra), ma ahime', solo appl,icabili in un piccolo contesto,
ossia in un ambiente tribale, poche persone.....quella di mettere i beni in
comune e dividerli in proporzione, e' una regola che per societa' evolute
non puo' valere, ne e' testimonianza ogni stato comunitario che ha voluto
seguire una tale strada.
Post by l***@libero.it
Per questo disse al giovane ricco che se voleva essere
"perfetto" non normale o giusto vendesse tutto e desse tutto ai poveri.


...............Forse non ti e' chiara una cosa. Se doni * tutto * ai poveri,
non puoi successivamente creare quel plusvalore che un domani, appena i
poveri avranno finito la donazione ricevuta, ti permettera' di elargire loro
nuovamente. Applicando tale massima cristica, la poverta' verra'
irrimediabilmente incrementata, ossia i poveri * cronici*, permarranno, e
ad essi si aggiungeranno i ricchi * svuotati * dei loro averi,
impossibilitati ad investire per creare nuova ricchezza.
Post by l***@libero.it
fare un casino: se ne è accorta mia moglie e poi ho controllato anche
io, che ho scritto in due spzzoni. Prima di fare altri casini non
presidenti dcella Camera chiudo salutandoti, s permetti,
affettuosamente,Luigi Melilli


..............niente problemi, ricambio i saluti



Itzcoatl
Yang-Karmantze'
2006-02-01 15:41:56 UTC
Permalink
Post by l***@libero.it
.
E se è vero chetrqa dittatura fascista e democrazias c'è un abisso,
non facciamo che sia a svantaggio del bene. Anche gli apostoli erano
"Rimetti la spada nel fodero, perché chi di spada ferisce di spada
Post by l***@libero.it
perisce."
E poi aggiunse.
" E dopo averla rimessa, .fatti pure inkulare..tanto tu sei Pietro e devi
prendertela nel..Didietro.))
( Da un recentissimo papiro di "NQUL..RAN"..che e' in fase..di studio.).

Yang karmantze'
Post by l***@libero.it
Post by l***@libero.it
Itzcoatl
l***@libero.it
2006-02-01 18:05:02 UTC
Permalink
Il fatto che non si possa donare se non si è ricchi è una cavolata
antistorica e antic ristiana. L'obolo della vedova di cui al Vangelo di
Luca lo dice apertamente. Al cap. 2 degli Atti si legge che i seguaci
di Gesù venbdevano quello che avevano e lo mettevano in comune. Ma al
di là di questo, bisognerà pur ricordare che quando gli apostoli
scandalizzati dal datto di gesù "E' più ffacile che un cammello passi
per la cruna di un ago che un ricco vada in paradiso". Gesù rispose
loro: "Nulla è impossibile a Dio. Gesù tutto era meno che un
dogmatico, nè ha fondato la sua chiesa sui "cristiani": in Givanni 10
si legge: "Io ho anche altre pecore a cui pensare: esse riconosceranno
la mia voce e si avrà un solo ovile sotto un solo pastore." Questo è+
ecumenismo.Ci si salva per fede, e ogni fede, se è sincera, è accetta
a Dio, perché è l'interiore che conta, e non solo perché "in
interiore homines habitat verita" di Agostino, ma perché lo dice anche
Paolo nella lettera ai Romani, e in tal senso va letto anche il "sola
fide sufficit, di Tommaso d'Aquino. Voi soiete dei dogmatici perché
seguaci di quelli che prpagandano dogmi e non li rispettano: quale
altro caso in tutta la storia umana si verifica ciò che accade tra i
cattolici? Adorano allo stesso modo il patibolo e chi vi è stato
immolato. Pensate se i salvati da Salvo d'Acquisto adorassero il mitra
con cui fu ucciso! Dio è verità, e la verità non è delimitabile, ma
immenza perchè è Dio stessoche non si adora in chiesa perché secondo
Isaia, Stefano Protomartire (atti 7 e Paolo di Tarso (Atti 17, 2non
abita in templio costruiti da mano di uomo. e qui finisco. Chi vuole
potrè ricominciare un'altra thread, questa è già troppo lunga e
incasinata per una discussione piana e sinceramente dedita alla ricerca
della verità che è in noi e non perché infusa da uomini. Luigi
Melilli
Porfirio
2006-02-02 10:15:56 UTC
Permalink
Post by l***@libero.it
Il fatto che non si possa donare se non si è ricchi è una cavolata
antistorica e antic ristiana. L'obolo della vedova di cui al Vangelo di
Luca lo dice apertamente. Al cap. 2 degli Atti si legge che i seguaci
di Gesù venbdevano quello che avevano e lo mettevano in comune.



......................Ossia si vuotavano le tasche del singolo per creare
una cassa comune ( non certo per darlo ai poveri....) che aveva come scopo
il sostentamento del gruppo, non certo una finalizzata elargizione a pioggia
ai piu' bisognosi, il che avrebbe avuto la logica conseguenza di trovare
le casse *sempre * vuote * . Il fatto che una persona fosse preposta a
gestire il patrimonio, e' indice di * saggia accumulazione*, non certo di *
distribuzione*. Peraltro un dubbietto mi sorge, che bisogno aveva il Cristo
di danaro e di un gestore, lui che poteva a mo' di vino e pesci,
moltiplicarlo con un semplice cenno? Ma aparte questa logica considerazione,
anche oggi ci sono tanti gruppi religiosi ( anche cristiani) che mettono in
comune, ma di fatto per tirare avanti hanno bisogno dell'eccesso, della
ricchezza che per volonta' o per legge viene loro donata. ( 8 per mille , e
contributi varii.) Ora ripeto ancora, essere ricchi non e' un peccato, ne'
preclude la salvezza, era una semplice frase demagogica , ad effetto,
populista, per attirare la simpatia della moltitudine, povera, ( occorreva
consenso di base al buon Cristo) e un chiaro segno di disturbo al tempio che
di poverta' non ne voleva certo sapere. In sostanza l'azione di
arricchimento del Tempio e quella di Cristo si equivalevano. L'uno per i
sicli ottenuti * coattivamente, con finalita' di autoconservazione, l'altro
per le stesse identiche ragioni.
Post by l***@libero.it
Ma al
di là di questo, bisognerà pur ricordare che quando gli apostoli
scandalizzati dal datto di gesù "E' più ffacile che un cammello passi
per la cruna di un ago che un ricco vada in paradiso". Gesù rispose
loro: "Nulla è impossibile a Dio. Gesù tutto era meno che un
dogmatico,

........... la frase e' gia' chiara di per se', Dio a questo punto avrebbe
solo potuto sconfessare Cristo, con un agire diverso.
Post by l***@libero.it
in Givanni 10
si legge: "Io ho anche altre pecore a cui pensare: esse riconosceranno
la mia voce e si avrà un solo ovile sotto un solo pastore." Questo è+
ecumenismo.Ci si salva per fede, e ogni fede, se è sincera, è accetta
a Dio,




.................* ogni* fede? Beh, allora a che serve la Conversione? I
cosiddetti pagani, sinceramente illuminati dalla propria fede, di fatto
sono gia' salvi....!! Un Satanista, profondamente fedele in Satan, ha gia'
la Salvezza. A che scopo allora la predicazione di Cristo, se non per
creare discordia e ulteriore separazione nell'ambiente ebraico?
Post by l***@libero.it
perché è l'interiore che conta, e non solo perché "in
interiore homines habitat verita" di Agostino,


.......detto da Agostino e' sempre piu' credibile...:-) lui che fu *
profondamente * manicheo, poi * profondamente* cristiano......insomma, era
sempre * profondamente* immerso nella verita'.




ma perché lo dice anche
Paolo nella lettera ai Romani, e in tal senso va letto anche il "sola
Post by l***@libero.it
fide sufficit, di Tommaso d'Aquino.
..............scusa, sai, ma io non citerei personaggi simili a
consolidamento della propria tesi. L'uno, perche' faceva anche della
menzogna un veicolo per convertire, l'altro perche' chiaramente paranoico
( o santo, secondo i punti di vista)


Voi soiete dei dogmatici perché
...............non certo io, Itzcoatl sono seguace di autorita'
autoincensantesi....:-)


quale
altro caso in tutta la storia umana si verifica ciò che accade tra i
cattolici? Adorano allo stesso modo il patibolo e chi vi è stato
immolato. Pensate se i salvati da Salvo d'Acquisto adorassero il mitra
Post by l***@libero.it
con cui fu ucciso!
.......Basta che leggi Isaia 45/5.......e vedrai che il seguace di Yhwh
adora sia l'assassino che il salvatore. Tutti e due in una unica entita',
ovvero Yhwh.



Saludos


Itzcoatl
Yang-Karmantze'
2006-02-03 14:18:36 UTC
Permalink
Post by l***@libero.it
Post by l***@libero.it
Il fatto che non si possa donare se non si è ricchi è una cavolata
antistorica e antic ristiana. L'obolo della vedova di cui al Vangelo di
Luca lo dice apertamente. Al cap. 2 degli Atti si legge che i seguaci
di Gesù venbdevano quello che avevano e lo mettevano in comune.
......................Ossia si vuotavano le tasche del singolo per creare
una cassa comune ( non certo per darlo ai poveri....)
No, Si vuotavano le tasche dei Poveri ( loro stessi) , per mettere in
comune, come solo i poveri, senza risorse, sanno fare con amore, affinche'
altri piu poveri di loro potessero servirsene.
Non e' un dare ai poveri, il mettere le risorse in comune affinche' chi
vuole possa attingerne?






che aveva come scopo
Post by l***@libero.it
il sostentamento del gruppo, non certo una finalizzata elargizione a
pioggia ai piu' bisognosi, il che avrebbe avuto la logica conseguenza di
trovare le casse *sempre * vuote * . Il fatto che una persona fosse
preposta a gestire il patrimonio, e' indice di * saggia accumulazione*,
non certo di * distribuzione*.
Gesu e gli apostoli per
spostarsi, per poter predicare, dovevano pur vivere,
E dovevano pur avere una cassa che consentisse loro di accedervi, per le
necessita piu urgenti.
" ma il figlio dell'uomo non ha una tana dove posare il capo.
.
, .


Peraltro un dubbietto mi sorge, che bisogno aveva il Cristo
Post by l***@libero.it
di danaro e di un gestore, lui che poteva a mo' di vino e pesci,
moltiplicarlo con un semplice cenno? Ma aparte questa logica
considerazione
ILLOGICA.))

i MAESTRI " autorealizzati, fanno uso delle loro facolta'( di cui non
possono, usufruirne se non in casi ultra estremi, e motivatissimi), appunto
raramente.
(e' nella stessa natura dei " Doni"..dei karismi.))
Gesu aveva da cibarsi, oggi frugalmente, domani magari bene se invitato a
casa di ricchi epuloni.))..e d'altronde invita i suoi apostoli a fare sempre
cosi".
" Andate nelle case che pensate siano degne di rispetto, ed entrando dite
:" Pace a questa casa" ( cito a braccio) se vi riceveranno, la benedizione
ricadra su di loro altrimenti tornera' a voi. fermatevi solo li , ." Non
portate con voi ne' bastone, ne' bisaccia, ne' sandali, mondate i lebbrosi
guarite gli storpi...." Gratis avete ricevuto ( i doni..i carismi..), gratis
date!
Come vedi, loro andavano in giro predicavano, accettavano i regali o
l'ospitalita' altrui,, COSA ,MI PARE OVVIA.E del tutto normale.

( l'ospite gia presso i Greci era sacro., del resto, come ben sappiamo.)
.



,
Post by l***@libero.it
anche oggi ci sono tanti gruppi religiosi ( anche cristiani) che mettono
in comune, ma di fatto per tirare avanti hanno bisogno dell'eccesso,
della ricchezza che per volonta' o per legge viene loro donata. ( 8 per
mille , e contributi varii.) Ora ripeto ancora, essere ricchi non e' un
peccato, ne' preclude la salvezza, era una semplice frase demagogica , ad
effetto, populista, per attirare la simpatia della moltitudine, povera,
( occorreva consenso di base al buon Cristo) e un chiaro segno di disturbo
al tempio che di poverta' non ne voleva certo sapere. In sostanza l'azione
di arricchimento del Tempio e quella di Cristo si equivalevano. L'uno per
i sicli ottenuti * coattivamente, con finalita' di autoconservazione,
l'altro per le stesse identiche ragioni.
MICA VERO.
iL TEMPIO LUCRAVA !. GESU DONAVA( SE STESSO E , LA SUA VITA )
IL TEMPIO ACCUMULAVA RICCHEZZE PER I SUOI SACERDOTI, CHE DIFENDEVANO
GELOSAMENTE LA LORO CASTA , GESU' SE NE ANDAVA IN GIRO A PREDICARE LA
POVERTA, SIA MATERIALE, CHE DELLO SPIRITO.
GESU NON AVEVA NE' PORPORA, NE' BENI, NE' PRIVILEGI, NE IL" SANTO DEI SANTI"
CUI ATTINGERE, , NE' I MILLE E MILLE DONI IMPOSTI DALLA CASTA SACERDOTALE
ALLA POVERA GENTE, ( E LUI NON IMPONEVA INVECE PROPRIO NIENTE), MA SOLO
QUALCUNO CHE OGNI TANTO, ATTRATTO DALLA SUA AUSTERA ED ASCETICA ,
NOBILISSIMA FIGURA, DEL SUO CANDORE, DELLA SUA DOLCEZZA, DEL SUO ODIO PER I
DISCORSI FARISAICHI ED IPOCRITI, DIMOSTRAVA CHE L'UOMO ERA FIGLIO DI DIO, E
CHE POTEVA AVER TUTTO DAL PADRE SENZA MORTIFICARE. SFRUTTARE,ED ANGARIARE
CON GABLLE E SACRIFICI IMPOSTI LA POVERA GENTE!
" Guardate i gigli dei campi.." Non lavorano..Non mietono..eppure io vi dico
che nemmeno Salomone ebbe vesti cosi belle.."
Non pensate a cosa vestirete, a cosa mangerete.Il Padre vostro che sa gia'
tutto prima che voi glielo chiediate..ci pensera' Lui Non accumulate tesori
sulla terra , dove la tignola e la ruggine li corrodono, accumulate tesori
incielo perche' lio dove c'e il vostro tesoro, ci sara' anche il vostro
cuore"
" Gesu' ci dice che non la quantita la la qualita rendo l'uomo degno del
Cielo.La Vedova che pur avendo dato, una moneta,
dono' TUTTO CIO CHE POSSEDEVA,e l'esempio da imitare.
GESU DICE AL RICCO: SE VUOI ESSERE PERFETTO VENDI TUTTO CIO CHE HAI, DALLO
AI POVERI ( bada bene non dice dallo a Me o al Giuda"!| Dallo ai POVERI,
Poi prendi la tua croce e seguimi.
Porfi' perche non mi capisci??
E' cosi bello..cosi Puro..il messaggio del Crsito..!
Bon..!
Un giorno..lo incontrerai.)))...
Si si si si.)))

* § K A R M A N * §
Post by l***@libero.it
Saludos
Itzcoatl
l***@libero.it
2006-02-01 19:01:19 UTC
Permalink
Il fatto che non si possa donare se non si è ricchi è una cavolata
antistorica e antic ristiana. L'obolo della vedova di cui al Vangelo di
Luca lo dice apertamente. Al cap. 2 degli Atti si legge che i seguaci
di Gesù venbdevano quello che avevano e lo mettevano in comune. Ma al
di là di questo, bisognerà pur ricordare che quando gli apostoli
scandalizzati dal datto di gesù "E' più ffacile che un cammello passi
per la cruna di un ago che un ricco vada in paradiso". Gesù rispose
loro: "Nulla è impossibile a Dio. Gesù tutto era meno che un
dogmatico, nè ha fondato la sua chiesa sui "cristiani": in Givanni 10
si legge: "Io ho anche altre pecore a cui pensare: esse riconosceranno
la mia voce e si avrà un solo ovile sotto un solo pastore." Questo è+
ecumenismo.Ci si salva per fede, e ogni fede, se è sincera, è accetta
a Dio, perché è l'interiore che conta, e non solo perché "in
interiore homines habitat verita" di Agostino, ma perché lo dice anche
Paolo nella lettera ai Romani, e in tal senso va letto anche il "sola
fide sufficit, di Tommaso d'Aquino. Voi soiete dei dogmatici perché
seguaci di quelli che prpagandano dogmi e non li rispettano: quale
altro caso in tutta la storia umana si verifica ciò che accade tra i
cattolici? Adorano allo stesso modo il patibolo e chi vi è stato
immolato. Pensate se i salvati da Salvo d'Acquisto adorassero il mitra
con cui fu ucciso! Dio è verità, e la verità non è delimitabile, ma
immenza perchè è Dio stessoche non si adora in chiesa perché secondo
Isaia, Stefano Protomartire (atti 7 e Paolo di Tarso (Atti 17, 2non
abita in templio costruiti da mano di uomo. e qui finisco. Chi vuole
potrè ricominciare un'altra thread, questa è già troppo lunga e
incasinata per una discussione piana e sinceramente dedita alla ricerca
della verità che è in noi e non perché infusa da uomini. Luigi
Melilli
l***@libero.it
2006-01-31 15:03:39 UTC
Permalink
No, non è per capriccio ma per onestà di pensiero che non posso
seguirti, indipendentemente da ogni altra riflessione e circostanza.
Eravòamo nel 1945, Io avevo uno zio fratello di mamma, Guido Marella,
maresciallo dei carabinieri in via Nomentana in Roma. Bene, una mattina
suonai il campanello, essendo andato a Roma e chi mi venne ad aprire?
il suo figliuolo di sei anni che impugnava la pistola dpordinanza del
padre. Mi ci volle del bello e del buono per convincerlo di
consegnarmela.... Lo zio - forse per l'unica volta - aveva
dimenticato, uscendo in borghese, di mettere la pistola in luogo
sicuro.E questa è verità sacrosanta
E se è vero chetrqa dittatura fascista e democrazias c'è un abisso,
non facciamo che sia a svantaggio del bene. Anche gli apostoli erano
armati di spada dici tu, ma dimentichi che Cristo disse a Pietro:
"Rimetti la spada nel fodero, perché chi di spada ferisce di spada
perisce." Cristo non era un dittatore o un dogmatico come i suoi
sedicenti vicari.Per questo disse al giovane ricco che se voleva essere
"perfetto" non normale o giusto vendesse tutto e desse tutto ai poveri.
Guarda Storace: più rigido di un papa, vieta l'acquisto di pillole
abortive, nopn si rifà alle coscienze consigliando di non farlo. In
paradiso ope legis non ci si va e Cristo lo sapevaperché se voleva
essere solo giustizia non sarebbe venuto a farsi crocifiggere ma è che
voleva essere anche e soprattutto misericordia. Per questo posto a
segno di contraddiz<ione, c ome dice il VecchiioSimeone. Questo senza
dire delle manomissioni che i libri scelti in un concilio non certo
gradito a Dio, in quanto presieduto da un imperatore di questo mondo,
do cio CRisto non era re, e da un presunto suo vicario, Silvestro, che
lo indusse a guerreggiare. Da allora lo stragismo papista supera ogni
altro esempio storico.
Che vuoi dirmi? credi che mi faccia piacere tutto questo? DCio ci ha
creatolibero di qui il merito, perché nel farlo sapeva già che
"L'uomo giusto pecca sette volte al giorno"
Il mio unico occhio da due decimi con correzione di lenti mi ha fartto
fare un casino: se ne è accorta mia moglie e poi ho controllato anche
io, che ho scritto in due spzzoni. Prima di fare altri casini non
presidenti dcella Camera chiudo salutandoti, s permetti,
affettuosamente,Luigi Melilli
l***@libero.it
2006-01-31 09:08:28 UTC
Permalink
Non c'è peggior sordo di colui che non vuol sentire. Io non ho detto
che in Arica viene autorizzata con norma l'uccisione; ho solo detto che
non ponendo la legge americana un limite alla legittima difesa e
all'acquisto delle armi, queste cadonoi anche in mano di bambini. Tutto
qui.
DDEL RESTO L'INCRIMINAZIONE PER ECCESSO DI LEGITTIMA DIFESA E' SANCITO
DAL CODICE FASCISTA ROCCO.... sEMBRA LOTICO E ONOREVOLE ALLA "PATRIA
DEL DIRITTO" TORNARE INDIETRO DA UNA MIISURA COSì PRUDENZIALE E
GIUSTA? iL FASCISMO NON ERA DEMOCRAZIA, COME INVECE NOI DICIAMO DI
ESSERE, DUNQUE? LA CAPZIOSITA' MPM èAGA
ED E' UN INSULTO ALLA VERITA'. SU QUESTA SI PUO' SEMPRE DISCUTERE, ME
NELL'ALVEO DEL LOGICO E DEL RISPETTO DELL'OPINIONE ALTRUI, ALTRIMENTI
E' GIUNGLA. lUIGI mELIOLLI, che con questo risponde anche Google Alert
l***@libero.it
2006-01-31 09:08:29 UTC
Permalink
Non c'è peggior sordo di colui che non vuol sentire. Io non ho detto
che in Arica viene autorizzata con norma l'uccisione; ho solo detto che
non ponendo la legge americana un limite alla legittima difesa e
all'acquisto delle armi, queste cadonoi anche in mano di bambini. Tutto
qui.
DDEL RESTO L'INCRIMINAZIONE PER ECCESSO DI LEGITTIMA DIFESA E' SANCITO
DAL CODICE FASCISTA ROCCO.... sEMBRA LOTICO E ONOREVOLE ALLA "PATRIA
DEL DIRITTO" TORNARE INDIETRO DA UNA MIISURA COSì PRUDENZIALE E
GIUSTA? iL FASCISMO NON ERA DEMOCRAZIA, COME INVECE NOI DICIAMO DI
ESSERE, DUNQUE? LA CAPZIOSITA' MPM èAGA
ED E' UN INSULTO ALLA VERITA'. SU QUESTA SI PUO' SEMPRE DISCUTERE, ME
NELL'ALVEO DEL LOGICO E DEL RISPETTO DELL'OPINIONE ALTRUI, ALTRIMENTI
E' GIUNGLA. lUIGI mELIOLLI, che con questo risponde anche Google Alert
l***@libero.it
2006-01-31 09:08:32 UTC
Permalink
Non c'è peggior sordo di colui che non vuol sentire. Io non ho detto
che in Arica viene autorizzata con norma l'uccisione; ho solo detto che
non ponendo la legge americana un limite alla legittima difesa e
all'acquisto delle armi, queste cadonoi anche in mano di bambini. Tutto
qui.
DDEL RESTO L'INCRIMINAZIONE PER ECCESSO DI LEGITTIMA DIFESA E' SANCITO
DAL CODICE FASCISTA ROCCO.... sEMBRA LOTICO E ONOREVOLE ALLA "PATRIA
DEL DIRITTO" TORNARE INDIETRO DA UNA MIISURA COSì PRUDENZIALE E
GIUSTA? iL FASCISMO NON ERA DEMOCRAZIA, COME INVECE NOI DICIAMO DI
ESSERE, DUNQUE? LA CAPZIOSITA' MPM èAGA
ED E' UN INSULTO ALLA VERITA'. SU QUESTA SI PUO' SEMPRE DISCUTERE, ME
NELL'ALVEO DEL LOGICO E DEL RISPETTO DELL'OPINIONE ALTRUI, ALTRIMENTI
E' GIUNGLA. lUIGI mELIOLLI, che con questo risponde anche Google Alert
l***@libero.it
2006-01-31 10:27:10 UTC
Permalink
No, sono verità sacrosante e non inventate da me. Io all'osteria non
ci sono mai stato, anche se ho scritto circa tremila sonetti isotto il
titolo "'LOSTERIA NAZIONALE NELL'ERA...."
rIPETO: ERA MOLTO PIù GIURIDICAMENTE E UMANAMENTE NOBILE LA NORMA
rOCCOSULL'ECCESSO DI LEGITTIMA DIFESA, CHE TUTTE LE FORZATURE LOMBARDE.
Ma quando si è al potere e non si conta per quel che si sa, bisognerà
lasciare traccia almeno della propria insipienza. Questo è usccesso e
il capo non poteva capirlo, perché non è un uomo comune ma uno
scrigno con forme umane. Luigi Melilli
Porfirio
2006-01-30 15:07:36 UTC
Permalink
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Post by Annarella
Post by Varg
Post by Porfirio
................la legge non * obbliga * a rispondere alla violenza
con
la
violenza. Chi ha spirito masochistico puo' sempre continuare a subire
senza reagire, sperando nella misericordia dell'aggressore.
Quoto.
Cazzate e scusate se esprimo cosi' bruscamente il termine. L'Italia e' uno
stato di diritto dove la legge dovrebbe regolare i rapporti tra i
cittadini.
Stato di diritto e' una parola da
* azzeccagarbugli*,
Stato di diritto e' una nozione che appartiene al linguaggio della
sociologia e della filosofia politica, gli azzeccarbugli di solito si
occupano di diritto nel senso legale.
Appunto, la drammaticita' della situazione non richiede nozionismo becero e
accademico, linguaggi piu' o meno * sociologici * o * filosofici *, ma
fatti concreti.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
il diritto di fronte all'emergenza di attimi vitali va a
farsi benedire.
La legge? Messa cosi' vuol dire che il tuo diritto alla difesa ed il
diritto del ladro ad entrarti in casa si equivalgono.
Non vale, non barare cosi' spudoratamente. Non occorrono copiosi codici e
cavilli giuridici per capire la differenza tra le due condizioni. Anche se
non esistesse codice alcuno, i due fatti sono su piani moralmente diversi.
Uno subisce una violenza, l'altro ( il ladro) la mette in pratica. Nei
fatti il ladro non ci sente da un punto di vista giuridico, fa quel che gli
pare e nelle condizioni che ritiene piu' efficaci per la sua volonta' di
opprimere. Ovvio che di fronte a emergenze simili devi almeno avere parita'
di opportunita' di risposta ad una condizione non voluta. Il diritto giusto
non era quello appena abrogato ( di fatto accettazione passiva o rischio di
accusa di omicidio), ma quello attuale, ovvero un salto di qualita' che
tiene conto della realta' delle cose, ossia che per entrare in casa altrui
non e' sempre consigliabile sfondare la porta.


Saltando il diritto,
Post by Annarella_by_the_web
salta anche il fatto che esista una punibilita' o meno.
Balle, ad azione ingiusta si reagisce quando si puo' con la forza per
imporre una giustizia, quella vera, una etica di autodifesa. Non occorrono
sentenze di alti papaveri per sancire un diritto morale vecchio quanto
l'uomo.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Coloro che si riempiono la bocca di simili altasonanti
parolone sono i primi a usare le scorte personali, invitando poi i cittadini
in caso di emergenza a chiamare telefonicamente * lo Stato*....garante
delle istituzioni.
Oh la', una bella tirata che non fa mai male. Guarda che lo stato di
solito lo si invita a chiamare nei casi di mafia, truffe, taglieggiamento.
...........non sembrano d'accordo con te i vari quaqquaraqua' che parlano in
questi momenti dagli schermi, giacche' invitano a non farsi giustizia da
soli, ma di ricorrere alle * Istituzioni*. Bene, che fare di fronte ad un
intruso che armeggia in camera tua ? Ovvio, rispondono i benpensanti,
occorre invocare l'aiuto delle * forze preposte*. Ogni tanto, cambiare
termine fa piu' chic, aiuta i quaqquaraqua' a dare piu' lustro e carisma
alle proprie tesi. Peccato, pero' che costoro siano i primi a baipassare
tale tanto caldeggiato consiglio al semp'lice cittadino, circondandosi di *
guardie del corpo* o difese preventive. Insomma, neppure i predicatori
ipocriti della tutela statale credono piu' in cio' che dicono.
Post by Annarella_by_the_web
Stranamente dove c'e' la mafia non c'e' microdelinquenza perche' lo stato
e' assente e l'ordine lo amministra la mafia.
.....infatti, a Napoli, piena di camorra non esiste microdelinquenza......e'
sparita......ma dai, in che mondo vivi?
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Tale legge finalmente ha inteso regolare in maniera
logica i rapporti tra aggressore e aggredito.
Tale legge non regola una minchia perche' i rapporti erano *gia'*
regolamentati prima. Che non vi fosse certezza della pena e' tutto un
altro paio di maniche
E dici poco? Oltre ad essere cornuto pure contento per legge si doveva
essere.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Post by Annarella
Oggi abbiamo una legge che, sulla base della presunzione di difesa, ti
concede di ammazzare qualcuno.
Un accidente * presunzione di difesa * Ma che vai dicendo? Ti trovi di notte
uno in casa, armato di un * innocente * coltello, o di un bastone e tu che
dovresti fare, a tuo dire? Chiedergli le sue reali intenzioni?
Sei convinto di riuscire ad avere la freddezza per tirare fuori un'arma,
prendere di sorpresa l'aggressore e mandarlo in fuga o stecchirlo?
La presunzioen di difesa implica che se c'e' un morto in casa tua, la
legge sulla base della tua testimonianza presume che tu lo abbia fatto per
difesa.
Sei rimasta indoetro. Oggi le cognizioni scientifiche vanno ben oltre alla
semplice deposizione dell'interessato.
Ci sono analisi chimiche, dna, ecc che smascherano in breve eventuali
deposizioni mendaci.
Post by Annarella_by_the_web
Se quello e' il vicino che si e' rotto i coglioni dello stereo altissimo
alle 4 del mattino fara' lo stesso.
.no, gioia, davvero sei prevenuta mentalmente. O sai di che parli, o taci.
Informati prima, la legge non e' cosi' sempliciotta come le tue
argomentazioni.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Certo, con la tua saggezza e quella dei tanti azzeccagarbugli che infestano
le aule di giustizia e il parlamento, una coltellata o una bastonata in
testa sono il viatico che bisogna pagare onde potere dichiarare giusta
l'eventuale ( sempre che rimanga il tempo ) legittima difesa.
ROTFL. Porfi dovresti conoscere un po' meglio i termini. Siamo partiti dal
concetto di risposta violenta a violenza considerata l'unico modo *SANO*
di reagire. Siamo finiti alle tirate populiste sul parlamento.
Perche', secondo te in parte di esso non albergano demagogia e disprezzo
per le condizioni del singolo in momenti di necessita' ?
Post by Annarella_by_the_web
Ciccio bello sappi che i furti in Italia sono in discesa, e' uno dei pochi
crimini che sono in discesa
...ahhhhh balle....., la gente comune si e' stancata di andare a
denunciarli, tanto e' solo tempo perso. Tra alzate di spalle dei
carabinieri, tra impunibilita' dei ladruncoli perche' minorenni, tra
franchigia assicurativa, ecc, se non sono in ballo patrimoni consistenti o
minacce o soprusi, e' solo tempo perso. Ma sicuramente cambiera', se la
merce di scambio tra aggressore e aggredito potra' essere interscambiabile.



e nei furti in casa credo di esserci passata
Post by Annarella_by_the_web
una decina di volte. Ti assicuro che questa legge che tanto ti rassicura
serve ad un cacchio e te lo dico per esperienza.
Senti, non essere volutamente ottusa, se vuoi far * ragionare* il violento,
devi parlare il suo linguaggio. Non servono giri di parole o metafore. Con
tale legge il salto di qualita' e' evidente, Occorre solo avere occhi per
vedere.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Presunzione perche' se l'altro e' morto, io
Post by Annarella
posso benissimo aver sparato perche' mi giravano quel giorno le balle o
perche' penso che a priori uno mi sta aggredendo e non sono punibile.
No, stai travisando il tutto. Ora puoi reagire per primo, senza dovere
aspettare una pallottola nel corpo , da mostrare ai giudici come prova
della necessita' della reazione ( sempre che te ne rimanga poi il tempo) e
la reazione non puo' essere a caso, ma da ben motivati, anche se non messi
in atto, intenti aggressivi.
Ho citato la legge che e' realmente essenziale tanto da rischiare
l'incostituzionalita' perche' non tiene conto del principio di
*ragionevolezza*.
Davvero? Non e' cosa ragionevole rispondere in egual misura ad una
aggressione? Beh, allora che siano disarmate le forze di polizia e siano
dotate di Vangeli onde convertire i rei. Guarda che se il cittadino si
sostituisce alle forze dell'ordine in caso di impossibilita' temporale di
intevento, e' cosa saggia e dovuta. Il resto sono fandonie.


La pallottola di prova c'entrava un cazzo gia' prima,
Post by Annarella_by_the_web
prima se lo stecchivi dovevi affrontare un processo, adesso no. La
differenza è essenzialmente questa.
Scusa, sai, ma non capisco in che mondo vivi. Affrontare un processo spesso
significa andare in * custodia cautelare*, spogliarsi di proprieta' o beni,
vendere appartamenti o casa di abitazione per dimostrare una verita' che e'
gia fin troppo evidente. Col risultato poi che , a sentenza conclusa, metti
di assoluzione, nessuno ti rimborsera' *mai * delle cifre spese e dei danni
subiti, morali e psicologici. Si sa, i delinquenti godono del pietismo di
larga parte dell'opinione pubblica, sono i paladini degli sfruttati, degli
emarginati, dei diseredati.......quindi nullatenenti ( almeno sulla carta )
. Doppia beffa quindi, detenzione, spogliazione del patrimonio per
dimostrare cio' che e' lapalissiano.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Insomma, uno che entra in casa di Tizio con la
pistola spianata e' giusto che si prenda la prima pallottola. Cosi' prima
non era, occorreva valutare le sue * reali intenzioni*.
Anche adesso ciccio. Perche' e' vero che puoi farlo ma se salta fuori che
l'altro non aveva non ti ha aggredito in nessun modo scatta sempre
l'accusa di omicidio. Il principio e' questo. Si parla di "difesa della
persona e dei beni" non di sparo a cazzo perche' ho visto un'ombra.
Cara la mia benpensante, a parte il fatto che spesso non si tratta di ombre
ma di persone in carne ed ossa spesso ben mascherate e armate.......ma
quando vedi un'ombra in casa tua, se l'ombra persiste, che ti rimane a fare?
Dimmi tu, con la tua saggezza taumaturgica come affrontare la situazione.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
La stupidita'
buonista e masochista e' dura da sconfiggere, a mio avviso.
Anche il non capirci un cazzo e non avere letto il testo o conoscere la
legge precedente.
Infatti, ho pensato subito cosi' di te......
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Post by Annarella
Abbiamo sancito la vittoria della paranoia, della paura, del fatto di
vivere nella jungla dove il principio e' mors tua, vita mea.
Certo, le garanzie per i delinquenti debbono essere mantenute ! Per non
essere * paranoici* occorre reagire * dopo* avere preso una coltellata,
oppure una pallottola in corpo, si sa, il delinquente poteva essere un
buontempone in vena di scherzi, che si divertiva a sfondare le porte altrui
tanto per ammazzare la noia.
ROTFL. La legge attuale gia' sancisce la colpa. Il problema non e' che
esistano garanzie per i delinquenti, fatte salve quelle che normalmente
esistono in una stato che si voglia civile, il problema e' che abbiamo un
governo di merda che depotenzia magistratura, polizia e fa gli indulti
perche' i soldi per i ponti ci sono ma non per le carceri nuove.
Senti, le tue ca**ate valle a dire altrove. Stiamo parlano di drammi di
povera gente, pensionati, lavoratori, operai, artigiani, che contro la
propria volonta' si trovano violenti intrusi in casa. E tu che dici? Che si
depotenzia la magistratura? Casomai le si tolgono processi inutili......La
magistratura, con le sue politicizzazioni, se proprio ti interessa una mia
opinione e' la prima causa del malessere che serpeggia. Non ti sara'
sfiuggita la icona che hanno sulle proprie teste i giudici dei tribunali *
la legge e' uguale per tutti*......Mai sciocchezza piu' grande e' stata
detta. I primi a non essere * uguali* sono proprio i giudici stessi ,
pubblici ministeri e c....i quali * MAI* rispondono dei propri errori (
anche drammatici) siano colpe o doli ( spero tu sappia in magistratura la
differenza tra dolo e colpa....) ......un artigiano mpaga se sbaglia, un
medico va in galera se fa morire un paziente......un magistrato......NO!! E
tu hai stima per una siffatta corporazione che usufruisce di leggi davvero *
ad personam * ?
Post by Annarella_by_the_web
Ti entra nel cervello o e' masochismo anche l'invocare che lo stato si
assuma i suoi oneri ? E' italiano questo ti faccio presente, se non lo
capisci ci sono ottimi dizionari.
Non e' questione di dizionari, gioia bella......ma di sapere riconoscere le
situazioni e di affrontarle nella dovuta maniera senza complessi di colpa.
Lo stato non puo' mettere un poliziotto ogni appartamento. Ci arrivi fino
qui o e' troppo per i tuoi assiomi?
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Forse non hai ancora capito che i campanelli
hanno uno scopo, e in mancanza di essi si bussa alla porta.
Ah Porfi per fare tirate populistiche sei un genio, per capire di cosa si
dibatta ed il principio era sempre la contrapposizione tra masochismo e
risposta violenta a violenta un po' meno.
Cara o caro, chiunque tu sia......non arrampicarti sugli specchi.....qui
c'e' in ballo la vita e i sacrifici di persone, di fronte alla violenza e al
disprezzo di invasori organizzati, i quali hanno votato la propria vita al
disprezzo di quella altrui. Chiaro? La risposta violenta, quando possibile,
e' * d'obbligo*, pena la sottomissione. Inutile che vai a cercare norme di
diritto che sanciscano o meno il grado di * cultura giuridica * che
esprimerebbe una tale legislazione. Sono solo sofismi e parole di chi ha il
culo al caldo e al coperto e dietro una scivania ben protetta e sigillata
dalle spesso giuste contestazioni.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Post by Annarella
Non abbiamo fatto nessun passo avanti, non abbiamo sancito nulla che
sia
in
direzione di uno stato liberale o meno, abbiamo semplicemente sancito il
fatto che oggi posso ammazzare uno in casa mia e non sono punibile purche'
mi sia sentita aggredita.
No, stai sbagliando, occorre la * reale* minaccia. Ovvio che e' reale la
minaccia di uno che a mano armata entra in casa altrui. Non occorre
chiedergli quali intenzioni ha. Ti e' poi sfuggito che i rigori di tale
legge non colpiscono il delinquente che desiste, che si arrende, o che
fugge, e' vietato in tali condizioni l'accanimento.
Ah Porfi sopra hai appena detto "Per non
Post by Porfirio
essere * paranoici* occorre reagire * dopo* avere preso una coltellata,
oppure una pallottola in corpo".
Questo e' quanto ho scritto..... non quanto tu mi attribuisci.
....< Ora puoi reagire per primo, senza dovere
aspettare una pallottola nel corpo , da mostrare ai giudici come prova
della necessita' della reazione ( sempre che te ne rimanga poi il tempo) e
la reazione non puo' essere a caso, ma da ben motivati, anche se non messi
in atto, intenti aggressivi. Insomma, uno che entra in casa di Tizio con la
...>



Se reagisci a cazzo non cambia niente
Post by Annarella_by_the_web
neppure adesso guarda un po'. E questo in presenza di "rischio di
aggressione". Come poi verra' valutato il rischio mi sfugge ma una cosa del
genere sembrerebbe dire che hai un'arma puntata addosso. Se non c'e' arma vai
sempre dentro per "eccesso di difesa".
...............no, gioia, si puo' uccidere un uomo anche a mani nude, ( e
non e' poi cosi' difficile, credimi, mia cara/o ) l'evidente sproporzione
tra un ladro di venti anni e un derubato di settanta giustificano il ricorso
alle armi di quest'ultimo . Se poi nella oscurita' uno * preventivamente*
spara, ha solo fatto cio' che era giusto fare. L'abitazione privata non e'
una pubblica piazza dove uno puo' entrare o uscire a suo piacimento. Occorre
ribadire questi essenziali principi per non dare linfa vitale e senso di
impunita' ai delinquenti.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Post by Annarella
Il secodno punto e' che la violenza non e' semplicemente sparare, come nel
caso della legge, la violenza in un'asserzione del genere puo' anche essere
quella che si vive ogni giorno per cui l'aggressione deve venire *punita*
con la reazione.
Questo non c'entra niente con la Legge appena varata.
Si parla di violenza ti faccio presente. Il punto di partenza e' sempre la
fatidica frase che chi non risponde a violenza con violenza e' masochista.
Senti, vabbe' che siamo in carnevale, ma non ancora nel bel mezzo della
festa. Se vuoi potremo aprire una discussione su tale tema che a te serve da
tampone,ma ti voglio far presente che la * risposta* verbale nei giusti
termini e' lecita e non comporta penalita' alcuna. Quindi argomenti non
mescolabili.
Post by Annarella_by_the_web
Post by Porfirio
Post by Annarella
Stante al pensiero su quotato, se io oggi mi sento aggredita dal fatto che
uno sul lavoro mi ha fatto girare le palle, sono autorizzata a rispondere
senza limiti e se non rispondo non e' che lo faccia perche' magari il buon
senso imporrebbe di darci un taglio alle ripicche da bambini, no sono un
masochista.
Messa come e' stata messa e' una cazzata.
Le ca**ate le vai dicendo tu e da un bel pezzo. Se ti va di farti uccidere
per dimostrare * accettazione* e tolleranza al diverso, fatti tuoi. La legge
attuale non ti punisce se non reagisci, ti lascia la liberta' di soccombere,
ma giustamente lascia pure la liberta' di difendersi a chi non vuole
soccombere. Mi sembra tanto evidente.
ROTFL Porfi sei bravissimo a dire cose che non sono state dette.
Dotto'......finora hai sostenuto cio'......in maniera esplicita o
velata.....ripassa la lezione, e correggi gli errori :-)


Ho
Post by Annarella_by_the_web
parlato di morte dello stato di diritto, di rinuncia dello stato a
garantire la sicurezza del cittadino.
Tu mi hai esposto teorie, ossia come * dovrebbe essere * se tutti, ladri
compresi viaggiassero col codice penale in tasca ( !! ) ..... . Io
semplicemente ti ho risposto su come vanno le cose......Mi sembra che
siamo su piani diametralmente opposti, ovvero tu sei su un piano teorico,
mentale, ( rispettabile, non dico), io sul piano concreto, ossia che * devi
* fare in certe situazioni se non vuoi finire tra i piu'.
Post by Annarella_by_the_web
Dove tu abbia letto tutte ste cose che stai emettendo non so ma suppongo
che ti vengano bene per la tirata.
?????????????
Post by Annarella_by_the_web
Taglio qui perche' sei sufficientemente noioso e che si parta dalla
concezione di rinuncia dello stato di diritto a garantire la sicurezza del
cittadino passandogli la palla per arrivare alle cazzate succitate mi
annoia ancora di plus.
Senti, cara Annarella, di quaqquaraqua' alla tua maniera l'Italia e' piena,
ma speriamo lo sara' sempre meno. Lo Stato deve essere di * diritto * nei
fatti, ossia nella liceita' , non nella punibilita' della Sacrosanta
Reazione. Chi se ne frega dei paroloni altisonanti, dei quali tu ami far
bella mostra, * stato di Diritto*, ecc, quando nei fatti l'unico diritto ad
essere tutelato e' quello di un delinquente spesso assassino spesso redento
< per Diritto > allo stato verginiale.?


Con rispetto, ma senza simpatia , per le illusioni dalle quali ami
essere circondata



Itzcoatl


( Nehuatl nictlazothla in centzontotol icuicauh, nehuatl nictlazotla in
auiahmeh shocimeh, zenoccenca, noicniuh, in tlacatl, nehuatl nictlazotla )
Post by Annarella_by_the_web
Annarella
--
Il lavoro cresce esponenzialmente. Lo stipendio no.
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
Varg
2006-01-30 10:55:45 UTC
Permalink
Post by Annarella
Cazzate e scusate se esprimo cosi' bruscamente il termine. L'Italia e' uno
stato di diritto dove la legge dovrebbe regolare i rapporti tra i
cittadini.
Quindi se ho capito bene, nel caso in cui durante la notte in casa tua
dovesse entrare un ladro, tu preferisci non potergli sparare. Io invece
preferisco poterlo fare.
Karmantze'
2006-01-27 14:47:47 UTC
Permalink
Post by l***@libero.it
Carità cristiana e giustizia dei nostri politici cattolici
NON UCCIDERE
Questo il comandamento (Esodo 2)
Zibaldone di Luigi Melilli
Post by l***@libero.it
In questa nostra Italia che si ritiene culla di civiltà (e con molte
buone ragioni) ciò che non quadra è soprattutto quella parte di
italiani che contano, i quali si dicono "cristiani" e poi -
sull'esempio dei pontefici romani - agiscono come gli imperatori
romani, dimenticando quanto scritto nei testi che essi stessi
dichiarano sacri e ispirati dallo Spirito Santo.
L'ultimo caso è la legge che non pone più limiti alla legittima
difesa.
Mi domando: "Ma il concetto di "legittima difesa è veramente
cristiano di Cristo?
Hai ragione, lUIGI!!
Se uno ti entra in casa armato, l'unico Diritto Dovere del Cristiano e',
per
te, ) suppongo, )
quello di farsi ammazzare, o in alternativa dare il KULO, proprio o della
propria moglie e figlia, farsi seviziare stupraRe, farsi uccidere, e sperare
che i banditi si impietosiscano, E DOPO AVER SAZIATO LE LORO VOGLIE, "
POVERINI" che SE NE VADANO..CON MILLE SCUSE ( DA PARTE TUA PER NON AVER
SAPUTO "
DARE DI PIUUUUU''..".. COME DICE LA CANZONE )..Fossi stato tu al posto di
quelli che in tutto questo tempo hanno subito botte, violenze, stupri, da
gente penetrata loro incasa, avresti parlato cosi?
Che santo che sei mellilli, ti danno fastidio i cristiani che pregano le
statue,( lo abbiam capito) nel nome del tuo Geova, sanguinario, , che
istiga alla violenza, ( e che citi da mane a sera :leggiti l'Esodo ed i
massacri ordinati da Geova, , contro mille e mile popoli inermi) ) Ora vuoi
che la gente
continui a subire.?
Se uno penetra di notte a casa mia, ho il diritto DOVERE DI DIFENDERE I MIEI
BENE E LA MIA VITA, .
E COl MIO CARATTERE, PENSO CHE CI RIUSCIRO' BENISSIMO!GESU NON DISSE PERO'
: FATEVI UCCIDERE, GETTATE AL VENTO LA VOSTRA VITA, DATELA AL
PRIMO BALORDO CHE VIENE A MINACCIARLA,FATEVI PRENDERE A COLPI DI SPRANGA IN
TESTA PER AMOR MIO.NON DISSE, DI BARATTARE LA NOSTA PAZIENZA DANDO AI BRUTI
IL KULO,
O I NOSRTI AVERI, IN CASI COSI ATROCI E SPAVENTOSI COME QUNDO TI ENTRANO
IN CASA, !
SAREBBE BELLISSIMO, ( PER I BASTARDI FOTTUTI CHE OGNI SETTIMANA FANNO I
COLPI NELLE VILLE) SAPERE CHE LA GENTE DENTRO, NON PUO' NEMMENO SFIORARLI,
INVECE ORA SANNO CHE
LA PELLE LORO NON E' PIU 'TUTELATA DA UNA PATINA DI PERBENISMO IDIOTA ,E DI
GARANTISMO FOTTUTO, PER CUI, POI IL PROCESSO LO FAREBBERO AL POVERACCIO CHE
HA REAGITO..!
ORA SANNO CHE SE MI ENTRANO IN CASA, RISKIANO ANCHE LORO LA PELLACCIA!
QUESTO MI CONFORTA ENORMEMENTE!.O DOBBIAMO, POVERINI LORO ..PREOCCUPARCI DI
NON FAR LORO LA BUA, ? CI SONO TORME DI MASSACRATORI, CHE CIRCOLANO
IMPUNITI, PERCHE SFUGGONO AI CONTROLLI, COME AI TEMPI APPUNTO DEL FAR
WEST,.QUANDO METTEVANO A SOQQUADRO
INTERI VILLAGGI. E SAPENDOTI DISARMATO, COLPISCONO DURO., I PORCI! i VILI! i
BASTARDI! Il Cristo esige che la mia vita io la protegga. per me stesso, per
mia
figlia, per mia moglie. E che difenda le loro. Perche'
Io non vado di notte a sfondare le case altrui.Una cosa e' il topo
d'appartamento, che ti ripulisce, SE NON CI SEI, E SCAPPA. , UNA COSA SONO
COLORO CHE TI SEQUESTRANO , TI PICCHIANO, TI LEGANO, TIMINACCIANO DI MORTE,
OPPURE SEVIZIANO TE, TUA MOGLIE O TUA FIGLIA DAVANTI A TE,
MA LI LEGGI I GIORNALI TU?
STA MINKIA, LEGGI!!!MA " BRRAVO "( CON 2 RR) IL MIO MELILLI..COME SEI
BUONO.)) PIU' BUONO
DI UN CAPPONE. A NATALE...!
BEH E TU.NON REAGIRE..)!
CAZZI TUA !!!



* § K A R M A N -
T Z E * §
Post by l***@libero.it
................la legge non * obbliga * a rispondere alla violenza con la
violenza. Chi ha spirito masochistico puo' sempre continuare a subire
senza reagire, sperando nella misericordia dell'aggressore.
+
Oremus..!!! :((
Post by l***@libero.it
Itzcoatl
l***@libero.it
2006-01-27 20:29:29 UTC
Permalink
So leggere e so che non obboligqa, ma ha tolto anche il limite
precauzionale della legge precedente. Quanto a quel che precede non
rispondo: si tratta di persona che ragiona col buco Ejjuzzumél,lu
come dicono al mio paese: Io dico che non ragiona nè secondo la fede
cristiana -e quindi non papale - nè secondo ragione. Esisteva un
limite di legittima difesa per gli stati ma i primi cristiani si fecero
uccidere piuttosto che uccidere. Questo è il cristianesimo, non quello
stragista dei papi. Le fevole che mamma mi narrava finivano tutte
cossì "La abrutta strega fu abruciata in mezzo a poiazza e pure io ci
portai una fascina!" Bella tradizione e nbell'esempio di cristianesimo
insegnato agli umili! Luigi Melilli
l***@libero.it
2006-01-31 09:27:26 UTC
Permalink
Il tuo intervento è così chiaramente e stupidamente capzioso che non
merita risposta. Una discussione seria può non arrivare a conclusioni
concordi, ma non arriva mai al burattinismo di ritenersi autorizzato
alla presa in giro dell'ìavversario. Ma evidentemente la botte dà il
vino che ha, e tu chiaramente ne hai del pessimo. Raffinati con qualche
buona lettura. Luigi Melilli
Baryonyx Walkeri
2006-01-27 12:08:36 UTC
Permalink
Post by l***@libero.it
Carità cristiana e giustizia dei nostri politici cattolici
NON UCCIDERE
Questo il comandamento (Esodo 2)
se un tizio vuole porgere l'altra guancia é libero di farlo.
Ma io da libero cittadino preferisco difendere la mia famiglia, la mia
proprietá e la
mia persona da malintenzionati.

Il futuro dell'Italia é quello di un paese laico (nonostante i rigurgiti
cattolici) ergo la cavolata
dei comandamenti oppure dei discorsi religiosi tuoi conservali per chi
condivide la tua fede,
non cercare di sputare sul prossimo la tua religione! Che otterrai solo
l'effetto opposto!

capiche?
l***@libero.it
2006-01-28 08:37:34 UTC
Permalink
Beh, malgrado la tua sia un'aggressione e un insulto in piena regola,
vero è che mi fai dire quel che non ho detto:
Io sono un cristiano sì, ma appunto per questo non posso essere
cattolico: i cattolici ne hanno fatto di tutti i colori e soprattutto
sono stati nei secoli stragisti.
Se fossero autenticamente cristiani darebbero esecuzione alle norme
della scrittura. Tra l'altro i 72 lòibri del vecchiio e del nuovo
testamento sono stati scelti e dichiarati ispirati dallo Spirito Santo
dal Concilio di Nicea presidduto dall'imperatore Costantino - ancora
neppure battezzxato - e da papa Silvestro, che aveva ottenuto da
Costantino proprietà, prebende e onori, iniziando quel periodo di
potere temporale ancora così funesto e !"ruinoso."
Dunque è questa incoerenza che io rimprovero ai parlamentari
cattolici, non il fatto che non bisogna di fendersi. Vero è che
Cristo, secondo i testi evangalici resi canonici a Nicea, dica di
porgere l'altra guancia, non è proprio questo che io "predico". Io
sono un cristiano perché socialista: gli Atti degli Apostoli dicono
che i primi cristiani che avevano proprietàà le vendevano e mettevano
in comune il ricavato. Questa solidarietà tra uomini è più preziosa
di ogni tesoro conservato nelle banche o nelle basiliche. Questo è il
mio pensiero. Non giudico il tuo, nè il tuo modo di insultare a cuor
leggero,. Luigi Melilli
Baryonyx Walkeri
2006-01-28 10:45:03 UTC
Permalink
Post by l***@libero.it
Beh, malgrado la tua sia un'aggressione e un insulto in piena regola,
Io sono un cristiano sì, ma appunto per questo non posso essere
cattolico: i cattolici ne hanno fatto di tutti i colori e soprattutto
sono stati nei secoli stragisti.
io non sono cristiano e tanto meno tanti altri italiani.
Se si vuole contestare qualcosa allora non serve tirare in ballo la
propria religione. Lo stato deve essere laico PROPRIO perche rappresenta
tutti non solo
una manciata di persone...capisci?
Allora sei contro sta legge, in questo caso tira in ballo ragioni NON
religiose, altrimenti sará una
cosa limitata ad una ristretta elite.
Post by l***@libero.it
Dunque è questa incoerenza che io rimprovero ai parlamentari
cattolici, non il fatto che non bisogna di fendersi. Vero è che
Cristo, secondo i testi evangalici resi canonici a Nicea, dica di
porgere l'altra guancia, non è proprio questo che io "predico". Io
sono un cristiano perché socialista: gli Atti degli Apostoli dicono
che i primi cristiani che avevano proprietàà le vendevano e mettevano
in comune il ricavato. Questa solidarietà tra uomini è più preziosa
di ogni tesoro conservato nelle banche o nelle basiliche. Questo è il
mio pensiero. Non giudico il tuo, nè il tuo modo di insultare a cuor
leggero,. Luigi Melilli
Tu puoi giudicare dal tuo mero punto di vista quel che ti pare, siamo un
paese libero
quindi sono solo fatti tuoi. Tuttavia non hai il diritto di SPUTARE e
IMPORRE la tua religiositá
al prossimo. Questo é il peggior insulto che uno puó fare all'essere umano.
Se bisogna rimproverare un qualcosa ai parlamentari allora, sono propeio
questi rigurgiti religiosi (da qualsiasi parte che vengono).
Se poi sei socialista, capitalista, Berlusconista, buddista, wiccan ect é
solo un problema tutto tuo.

saluti.
l***@libero.it
2006-01-28 18:21:40 UTC
Permalink
Non vale la pena fare discorsi tra sordi. Io non impongo a nessuno la
mia religione, perché anche il cristianesimo vero è personale e non
ammette clero e gerarchie, ma solo riunione di coloro che credono.
Per cui la mia critica è rivolta a quelli che si dicono "Cristiani" e
agiscono come non cristiani. mMa ora basta. Luigi Melilli
l***@libero.it
2006-01-28 18:21:44 UTC
Permalink
Non vale la pena fare discorsi tra sordi. Io non impongo a nessuno la
mia religione, perché anche il cristianesimo vero è personale e non
ammette clero e gerarchie, ma solo riunione di coloro che credono.
Per cui la mia critica è rivolta a quelli che si dicono "Cristiani" e
agiscono come non cristiani. mMa ora basta. Luigi Melilli
l***@libero.it
2006-01-28 18:21:48 UTC
Permalink
Non vale la pena fare discorsi tra sordi. Io non impongo a nessuno la
mia religione, perché anche il cristianesimo vero è personale e non
ammette clero e gerarchie, ma solo riunione di coloro che credono.
Per cui la mia critica è rivolta a quelli che si dicono "Cristiani" e
agiscono come non cristiani. mMa ora basta. Luigi Melilli
l***@libero.it
2006-01-28 18:21:50 UTC
Permalink
Non vale la pena fare discorsi tra sordi. Io non impongo a nessuno la
mia religione, perché anche il cristianesimo vero è personale e non
ammette clero e gerarchie, ma solo riunione di coloro che credono.
Per cui la mia critica è rivolta a quelli che si dicono "Cristiani" e
agiscono come non cristiani. mMa ora basta. Luigi Melilli
Baryonyx Walkeri
2006-01-28 19:51:38 UTC
Permalink
Post by l***@libero.it
Non vale la pena fare discorsi tra sordi. Io non impongo a nessuno la
mia religione, perché anche il cristianesimo vero è personale e non
ammette clero e gerarchie, ma solo riunione di coloro che credono.
Peró a quando pare ti lamenti che i cosidetti politici cristiani NON si
comportano
tale ergo NON impongono la tua/vostra religiositá sul mondo!

Capisco
Post by l***@libero.it
Per cui la mia critica è rivolta a quelli che si dicono "Cristiani" e
agiscono come non cristiani. mMa ora basta. Luigi Melilli
secondo mé tu hai le idee confuse mio caro Melilli....
Ma alla fin dei conti dei conti di cosa ti lamenti? i tuoi cosidetti
parlamentari
crisitani si comportati bene, e hanno dato una possibilitá di scelta. Tutto
quá!
Cosa vorresti di piú? forse un'imposizione teologica? bho?

saluti
l***@libero.it
2006-01-28 08:37:40 UTC
Permalink
Beh, malgrado la tua sia un'aggressione e un insulto in piena regola,
vero è che mi fai dire quel che non ho detto:
Io sono un cristiano sì, ma appunto per questo non posso essere
cattolico: i cattolici ne hanno fatto di tutti i colori e soprattutto
sono stati nei secoli stragisti.
Se fossero autenticamente cristiani darebbero esecuzione alle norme
della scrittura. Tra l'altro i 72 lòibri del vecchiio e del nuovo
testamento sono stati scelti e dichiarati ispirati dallo Spirito Santo
dal Concilio di Nicea presidduto dall'imperatore Costantino - ancora
neppure battezzxato - e da papa Silvestro, che aveva ottenuto da
Costantino proprietà, prebende e onori, iniziando quel periodo di
potere temporale ancora così funesto e !"ruinoso."
Dunque è questa incoerenza che io rimprovero ai parlamentari
cattolici, non il fatto che non bisogna di fendersi. Vero è che
Cristo, secondo i testi evangalici resi canonici a Nicea, dica di
porgere l'altra guancia, non è proprio questo che io "predico". Io
sono un cristiano perché socialista: gli Atti degli Apostoli dicono
che i primi cristiani che avevano proprietàà le vendevano e mettevano
in comune il ricavato. Questa solidarietà tra uomini è più preziosa
di ogni tesoro conservato nelle banche o nelle basiliche. Questo è il
mio pensiero. Non giudico il tuo, nè il tuo modo di insultare a cuor
leggero,. Luigi Melilli
Continua a leggere su narkive:
Loading...