Discussione:
Un pianeta al suicidio di massa! [la foto dal satellite]
(troppo vecchio per rispondere)
L
2010-04-30 23:15:23 UTC
Permalink
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avanzata-della-marea-nera/46401?video

Ora qualcuno ci venga a raccontare che è un incidente imprevedibile che
una piattaforma petrolifera possa prendere fuoco o una centrale nucleare
possa subire un attentato ..

Sono situazioni che sono nell'orizzonte degli eventi possibili o siamo
nella fantascienza?

Perché -allora- non sono state previste procedure per tutelarsi da ciò?

Perché se rubi una mela vai in galera.

Se distruggi un pianeta .. è stata una disgrazia ..

Ci aspetta però una notte buia in cui cominceremo a scontare la nostra
ignavia e avere avuto il culto del potere anziché quello della
giustizia.


Salute e felicità (mistica), la materia ormai è andata .. (non tanto per
la chiazza attuale, ma per l'impunità verso coloro che ritengo
ammissibili di tutti i disastri ambientali che quindi continueranno fino
alla dissoluzione completa)

Non siete su scherzi a parte!

State osservando un pianeta al suicidio di massa!

.. la foto dal satellite:

http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avanzata-della-marea-nera/46401?video

L
shellenberg
2010-04-30 23:23:10 UTC
Permalink
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avan...
Ora qualcuno ci venga a raccontare che è un incidente imprevedibile che
una piattaforma petrolifera possa prendere fuoco o una centrale nucleare
possa subire un attentato ..
Sono situazioni che sono nell'orizzonte degli eventi possibili o siamo
nella fantascienza?
Perché -allora- non sono state previste procedure per tutelarsi da ciò?
Perché se rubi una mela vai in galera.
Se distruggi un pianeta .. è stata una disgrazia ..
Ci aspetta però una notte buia in cui cominceremo a scontare la nostra
ignavia e avere avuto il culto del potere anziché quello della
giustizia.
Salute e felicità (mistica), la materia ormai è andata .. (non tanto per
la chiazza attuale, ma per l'impunità verso coloro che ritengo
ammissibili di tutti i disastri ambientali che quindi continueranno fino
alla dissoluzione completa)
Non siete su scherzi a parte!
State osservando un pianeta al suicidio di massa!
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avan...
SOTTOSCRIVO FINO ALL'ULTIMA RIGA
MA DOBBIAMO TUTTI FARE UN PASSO INDIETRO PER FERMARE QUESTO SCHIFO
L
2010-04-30 23:45:35 UTC
Permalink
Post by shellenberg
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avan...
Ora qualcuno ci venga a raccontare che è un incidente imprevedibile che
una piattaforma petrolifera possa prendere fuoco o una centrale nucleare
possa subire un attentato ..
Sono situazioni che sono nell'orizzonte degli eventi possibili o siamo
nella fantascienza?
Perché -allora- non sono state previste procedure per tutelarsi da ciò?
Perché se rubi una mela vai in galera.
Se distruggi un pianeta .. è stata una disgrazia ..
Ci aspetta però una notte buia in cui cominceremo a scontare la nostra
ignavia e avere avuto il culto del potere anziché quello della
giustizia.
Salute e felicità (mistica), la materia ormai è andata .. (non tanto per
la chiazza attuale, ma per l'impunità verso coloro che ritengo
ammissibili di tutti i disastri ambientali che quindi continueranno fino
alla dissoluzione completa)
Non siete su scherzi a parte!
State osservando un pianeta al suicidio di massa!
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avan...
SOTTOSCRIVO FINO ALL'ULTIMA RIGA
MA DOBBIAMO TUTTI FARE UN PASSO INDIETRO PER FERMARE QUESTO SCHIFO
Shellenberg ti ringrazio della solidarietà e della sensibilità, ma
scusami se ti dico con franchezza la mia idea:

"Non è più tempo dei passi indietro, ma di fare dei passi in avanti".

La cosa pubblica non è della banda del buco (in questo caso in mare) e
presto nel nostro cervello.

La cosa pubblica è pubblica.

E' anche un problema nostro, di ciascuno, come _primo_ problema.

Se permetti che passino con in carri armati sopra i ragazzi stesi per
terra a Piazza Tienanmen, non hai ragioni di lamentarti quando la Cina
reintroduce la schiavitù come mezzo di concorrenza sui mercati mondiali
con la desertificazione dal diritto al lavoro, alla casa, al futuro.

Perché gli schiavi non hanno diritto di parola.

E noi abbiamo permesso che la schiavitù fosse usata come mezzo di
"ottimizzazione" della produzione e dell'accumulo del capitale.

Ora possiamo solo pagare per la corsa al ribasso che ha il suo limite
solo sulla morte di chi è sfruttato per mancanza di cibo, delle garanzie
minime di convivenza civile. (.. se lasciamo le cose alla loro inerzia
del modo attuale di fare).

Abbiamo una società da _ri-progettare_ se ne avremo ancora il tempo.

E molta strada -quindi- da fare, se ne avremo ancora il tempo.

Ma non è più il tempo di "lasciare che il ladrone imperversi" come dice
Ivano Fossati nella guerra dell'acqua.

I ladri sanno solo fare razzia, non sanno costruire ricchezza.

Lasciare il potere in mano dei ladri ecco il delitto che non può
lasciarci un futuro.

Ciao,

L


shellenberg
2010-05-01 12:21:33 UTC
Permalink
Post by L
Post by shellenberg
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avan...
Ora qualcuno ci venga a raccontare che è un incidente imprevedibile che
una piattaforma petrolifera possa prendere fuoco o una centrale nucleare
possa subire un attentato ..
Sono situazioni che sono nell'orizzonte degli eventi possibili o siamo
nella fantascienza?
Perché -allora- non sono state previste procedure per tutelarsi da ciò?
Perché se rubi una mela vai in galera.
Se distruggi un pianeta .. è stata una disgrazia ..
Ci aspetta però una notte buia in cui cominceremo a scontare la nostra
ignavia e avere avuto il culto del potere anziché quello della
giustizia.
Salute e felicità (mistica), la materia ormai è andata .. (non tanto per
la chiazza attuale, ma per l'impunità verso coloro che ritengo
ammissibili di tutti i disastri ambientali che quindi continueranno fino
alla dissoluzione completa)
Non siete su scherzi a parte!
State osservando un pianeta al suicidio di massa!
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avan...
SOTTOSCRIVO FINO ALL'ULTIMA RIGA
MA DOBBIAMO TUTTI FARE UN PASSO INDIETRO PER FERMARE QUESTO SCHIFO
Shellenberg ti ringrazio della solidarietà e della sensibilità, ma
"Non è più tempo dei passi indietro, ma di fare dei passi in avanti".
La cosa pubblica non è della banda del buco (in questo caso in mare) e
presto nel nostro cervello.
Perché gli schiavi non hanno diritto di parola.
E noi abbiamo permesso che la schiavitù fosse usata come mezzo di
"ottimizzazione" della produzione e dell'accumulo del capitale.
Consentimi di esprimere la mia opinione al riguardo, certo che non la
condividerai ma almeno potrai capire cosa io considero errato nel tuo
approccio alla realtà.
Naturalmente non pretendo di convincerti ne penso che tu sia il
burattino di chissa quali complotti,
sono certo che tu creda fermamente a quello che vai sostenendo e sono
altrettanto certo che ti anima uno spirito di compassione nei
confronti di coloro che consideri schiavi, non di meno voglio esporti
il mio pensiero sperando che tu capisca che le stesse le mie ragioni.

Tu vai sostenendo, e con te tutti coloro che vedono nel capitalismo il
peggiore dei mali, che il dramma della nostra epoca è la
massimizzazione del profitto ed il conseguente sfruttamento delle
masse ridotte per questo in schiavitù, come ulteriore conseguenza esso
avrebbe comportato drammatici danni all'ambiente e forse anche
un'imbarbarimento delle società.

Ora cerchiamo di analizzare i fatti uno per volta.
Il capitalismo, pur nella consapevolezza che una definizione esaustiva
del termine prevede diverse possibili accezioni possiamo dire che con
questo termine intendiamo la concentrazione di grandi ricchezze in
relativamente poche mani.
Ora io osservo che questo fenomeno non è nuovo, la propensione
all'accumulo di risorse personali è connaturato all'individuo, e
probabilmente anche in epoche non storiche questo fenomeno sia stato
sempre largamente diffuso.
Lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo, anche questo non è un fenomeno
nuovo anzi direi che salvo qualche eccezione oggi il fenomeno è
abbastanza limitato.
Sfruttamento può significare molte cose, dalla schiavitù alla
collaborazione in diversa misura essa è e sarà sempre presente, quello
che eventualmente cambia è appunto il grado di sfruttamento ed il
numero di individui che nel bilancio dare avere hanno un saldo
attivo.
Non intendo in questa sede discutere se tutto questo sia giusto o sia
sbagliato, e non credo nemmeno che abbia molto senso, inoltre questi
sono argomenti che richiedono uno spazio maggiore e molto tempo per
essere analizzati. Quello che mi preme è invece discutere di come
questi fenomeni incidano sulla nostra attuale condizione e delle
conseguenze che tutto ciò ha sull'ambiente.
In altra sede ho sostenuto che il vero socialismo si realizza
compiutamente solo in un sistema capitalistconsumistico, perché se
pure è vero che il socialismo individua nella equa ridistribuzione del
profitto uno dei suoi obbiettivi è altrettanto vero, ma molto più
importante, che la vera questione verte sull'accesso alle risorse in
maniera equa per tutti.
Ora tu capisci che questo è il nodo della questione, poichè se un tale
sistema viene ottimizzato, sulla base della ricerca del profitto,
consentendo ad un relativamente piccolo numero di individui di
accumulare ricchezze, è ancora più vero che la produzione per
soddisfare l'enorme richiesta di beni delle persone comuni, è di
diversi ordini di grandezza maggiore ed è chiaro a chiunque lo voglia
capire che anche eliminando qualche decina di migliaia di Yacht o di
elicotteri o macchine di lusso ecc.. il problema rimarrebbe tale e
quale, anzi forse sarebbe anche peggio.
Perché vedi le piattaforme petrolifere scavano pozzi ed estraggono
miliardi di barili di greggio, dalle miniere si estraggono milioni di
tonnellate di materie prime, e tutto questo non serve per fare il
pieno alle barche del miliardario di turno ma serve nella la
stragrande maggioranza dei casi a soddisfare la richiesta di beni di
coloro che tu definisci schiavi.
Quindi caro L il comunismo è la madre di tutte le nostre tragedie e si
realizza compiutamente solo attraverso le società consumistiche, mi
rendo conto che potresti rimanere turbato da una simile affermazione
ma io la penso in questo modo e fino a quando nessuno mi dimostrerà
dove sbaglio, continuerò a pensarla così.

ps
io una soluzione l'avrei trovata ma o è una stupidata(visto che non se
la è filata nessuno in questo pur dotto ng) oppure non sono maturi i
tempi, ma questo lo sapremo solo vivendo.
Post by L
Abbiamo una società da _ri-progettare_ se ne avremo ancora il tempo.
E molta strada -quindi- da fare, se ne avremo ancora il tempo.
Ma non è più il tempo di "lasciare che il ladrone imperversi" come dice
Ivano Fossati nella guerra dell'acqua.
I ladri sanno solo fare razzia, non sanno costruire ricchezza.
Lasciare il potere in mano dei ladri ecco il delitto che non può
lasciarci un futuro.
Ciao,
L
http://youtu.be/bBkkmeQIgu4
L
2010-05-01 14:48:26 UTC
Permalink
Post by shellenberg
Post by L
Post by shellenberg
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avan...
Ora qualcuno ci venga a raccontare che è un incidente imprevedibile che
una piattaforma petrolifera possa prendere fuoco o una centrale nucleare
possa subire un attentato ..
Sono situazioni che sono nell'orizzonte degli eventi possibili o siamo
nella fantascienza?
Perché -allora- non sono state previste procedure per tutelarsi da ciò?
Perché se rubi una mela vai in galera.
Se distruggi un pianeta .. è stata una disgrazia ..
Ci aspetta però una notte buia in cui cominceremo a scontare la nostra
ignavia e avere avuto il culto del potere anziché quello della
giustizia.
Salute e felicità (mistica), la materia ormai è andata .. (non tanto per
la chiazza attuale, ma per l'impunità verso coloro che ritengo
ammissibili di tutti i disastri ambientali che quindi continueranno fino
alla dissoluzione completa)
Non siete su scherzi a parte!
State osservando un pianeta al suicidio di massa!
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avan...
SOTTOSCRIVO FINO ALL'ULTIMA RIGA
MA DOBBIAMO TUTTI FARE UN PASSO INDIETRO PER FERMARE QUESTO SCHIFO
Shellenberg ti ringrazio della solidarietà e della sensibilità, ma
"Non è più tempo dei passi indietro, ma di fare dei passi in avanti".
La cosa pubblica non è della banda del buco (in questo caso in mare) e
presto nel nostro cervello.
Perché gli schiavi non hanno diritto di parola.
E noi abbiamo permesso che la schiavitù fosse usata come mezzo di
"ottimizzazione" della produzione e dell'accumulo del capitale.
Consentimi di esprimere la mia opinione al riguardo, certo che non la
condividerai ma almeno potrai capire cosa io considero errato nel tuo
approccio alla realtà.
Naturalmente non pretendo di convincerti ne penso che tu sia il
burattino di chissa quali complotti,
sono certo che tu creda fermamente a quello che vai sostenendo e sono
altrettanto certo che ti anima uno spirito di compassione nei
confronti di coloro che consideri schiavi, non di meno voglio esporti
il mio pensiero sperando che tu capisca che le stesse le mie ragioni.
Tu vai sostenendo, e con te tutti coloro che vedono nel capitalismo il
peggiore dei mali, che il dramma della nostra epoca è la
massimizzazione del profitto ed il conseguente sfruttamento delle
masse ridotte per questo in schiavitù, come ulteriore conseguenza esso
avrebbe comportato drammatici danni all'ambiente e forse anche
un'imbarbarimento delle società.
Ora cerchiamo di analizzare i fatti uno per volta.
Il capitalismo, pur nella consapevolezza che una definizione esaustiva
del termine prevede diverse possibili accezioni possiamo dire che con
questo termine intendiamo la concentrazione di grandi ricchezze in
relativamente poche mani.
Ora io osservo che questo fenomeno non è nuovo, la propensione
all'accumulo di risorse personali è connaturato all'individuo, e
probabilmente anche in epoche non storiche questo fenomeno sia stato
sempre largamente diffuso.
Lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo, anche questo non è un fenomeno
nuovo anzi direi che salvo qualche eccezione oggi il fenomeno è
abbastanza limitato.
Sfruttamento può significare molte cose, dalla schiavitù alla
collaborazione in diversa misura essa è e sarà sempre presente, quello
che eventualmente cambia è appunto il grado di sfruttamento ed il
numero di individui che nel bilancio dare avere hanno un saldo
attivo.
Non intendo in questa sede discutere se tutto questo sia giusto o sia
sbagliato, e non credo nemmeno che abbia molto senso, inoltre questi
sono argomenti che richiedono uno spazio maggiore e molto tempo per
essere analizzati. Quello che mi preme è invece discutere di come
questi fenomeni incidano sulla nostra attuale condizione e delle
conseguenze che tutto ciò ha sull'ambiente.
In altra sede ho sostenuto che il vero socialismo si realizza
compiutamente solo in un sistema capitalistconsumistico,
condivido sul concetto di post-qualchecosa

necessita però specificare cosa sia il "post-qualchecosa"
Post by shellenberg
perché se
pure è vero che il socialismo individua nella equa ridistribuzione del
profitto uno dei suoi obbiettivi è altrettanto vero, ma molto più
importante, che la vera questione verte sull'accesso alle risorse in
maniera equa per tutti.
..e fin qui siamo all'analisi..
Post by shellenberg
Ora tu capisci che questo è il nodo della questione, poichè se un tale
sistema viene ottimizzato, sulla base della ricerca del profitto,
consentendo ad un relativamente piccolo numero di individui di
accumulare ricchezze, è ancora più vero che la produzione per
soddisfare l'enorme richiesta di beni delle persone comuni, è di
diversi ordini di grandezza maggiore ed è chiaro a chiunque lo voglia
capire che anche eliminando qualche decina di migliaia di Yacht o di
elicotteri o macchine di lusso ecc.. il problema rimarrebbe tale e
quale, anzi forse sarebbe anche peggio.
Perché vedi le piattaforme petrolifere scavano pozzi ed estraggono
miliardi di barili di greggio, dalle miniere si estraggono milioni di
tonnellate di materie prime, e tutto questo non serve per fare il
pieno alle barche del miliardario di turno ma serve nella la
stragrande maggioranza dei casi a soddisfare la richiesta di beni di
coloro che tu definisci schiavi.
Quindi caro L il comunismo è la madre di tutte le nostre tragedie e si
realizza compiutamente solo attraverso le società consumistiche, mi
rendo conto che potresti rimanere turbato da una simile affermazione
ma io la penso in questo modo e fino a quando nessuno mi dimostrerà
dove sbaglio, continuerò a pensarla così.
ps
io una soluzione l'avrei trovata ma o è una stupidata(visto che non se
la è filata nessuno in questo pur dotto ng) oppure non sono maturi i
tempi, ma questo lo sapremo solo vivendo.
Dunque:

Io non sono né per il comunismo e né per il capitalismo e né per
qualunque -ismo.

Necessita la _progettazione_ di un (qualunque) processo.

Necessita un COME.

Costruire una centrale nucleare o un pozzo di petrolio si può fare
rispettivamente come a Chernobyl e al largo della Luisiana dalla British
Petrolium, ergo generare un disastro.

Il problema non è in *chi* la costruisce: ma in _come_.

Ho l'impressione di vivere in una società de-cerebrata, che oltre
all'analisi non sa vedere il futuro.

Per il futuro se voglio attraversare un fiume devo spiegare "COME".

Altrimenti posso correre il rischio di annegare se lo passo sempre a
nuoto e anche se sono un bravo nuotare c'è sempre il caso che non tutti
lo siano e attraversarlo a nuoto sia sempre la cosa più razionale.

Ma possibile mai che siamo ancora alle categorie del '900 con
comunismo/capitalismo.

Quella è l'analasi storica.

Ora c'è da progettare il futuro!

Si parte dalla analisi ma una analisi fine a se stessa è merda, serve
solo per occupare spazio/tempo inutilmente, o fare dire a Mr B che è
tutta colpa del complotto dei comunisti se qualcosa va male, e poi
comprare tecnologia nucleare da un comunista ed ex capo dei servizi
segreti russi (kgb).

E' la fiera degli stereotipi, la canzoncina per il popolo bue.

Il livello della politica è dire "come si risolvono i problemi" .. non
solo per gli amici della Polverini, ma per tutti, ciascuno con il suo
specifico, ciascuno con il suo diritto a uno spazio espressivo.

Partiamo dai fatti:



E poi non produciamo chiacchiere.

I pozzi di petrolio -ad esempio- vanno progettati con un sistema di
controllo primario e secondario di sicurezza telecomandato per la
chiusura delle valvole di flusso.

E così le centrali potrebbero pure essere installate, ma con gente ha il
concetto di responsabilità delle loro azioni.

Non con gente che grida al complotto anziché spiegare come mai dopo il
restauro della Impregilo è crollata la casa dello studente a L'Aquila in
testa agli studenti e la cricca di Bertolaso rideva per gli appalti.





Ci vuole uno stomaco a parte per guardare la fognatura che è oggi la
politica italiana, ma se non si parte dalla verità che ci risulta non
andiamo da nessuna parte e presto la storia farà giustizia della specie
umana non adatta a vivere su un pianeta vivente, poiché non amava la
vita -ma la morte- (se così si permetterà ad una ciurma che è nella
stanza dei bottoni) come una delle possibilità di organizzazione sociale
applicata ai minus habens, il popolo bue.

La massificazione miope di tali strategie di distruzione presto uscirà
fuori controllo senza possibilità di rimedio, salvo accedere al concetto
di stare ai fatti e rendere inoffensivi i mitomani e i criminali.


Salute e felicità,

L
Raffaele Benzi
2010-05-01 15:44:39 UTC
Permalink
Post by L
Ci vuole uno stomaco a parte per guardare la fognatura che è oggi la
politica italiana, ma se non si parte dalla verità che ci risulta non
andiamo da nessuna parte e presto la storia farà giustizia della specie
umana non adatta a vivere su un pianeta vivente, poiché non amava la
vita -ma la morte- (se così si permetterà ad una ciurma che è nella
stanza dei bottoni) come una delle possibilità di organizzazione sociale
applicata ai minus habens, il popolo bue.
La massificazione miope di tali strategie di distruzione presto uscirà
fuori controllo senza possibilità di rimedio, salvo accedere al concetto
di stare ai fatti e rendere inoffensivi i mitomani e i criminali.
Per un miliardo di abitanti a crescita zero, io ho tutte le soluzioni per
tutti
i problemi.

Temo che non ti piaccia la soluzione del COME farli diventare un miliardo.
Direi che sia molto ...marina.


Raffaele
shellenberg
2010-05-01 16:49:08 UTC
Permalink
Post by shellenberg
Post by shellenberg
Post by L
Post by shellenberg
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avan...
SOTTOSCRIVO FINO ALL'ULTIMA RIGA
MA DOBBIAMO TUTTI FARE UN PASSO INDIETRO PER FERMARE QUESTO SCHIFO
Shellenberg ti ringrazio della solidarietà e della sensibilità, ma
"Non è più tempo dei passi indietro, ma di fare dei passi in avanti".
La cosa pubblica non è della banda del buco (in questo caso in mare) e
presto nel nostro cervello.
Perché gli schiavi non hanno diritto di parola.
E noi abbiamo permesso che la schiavitù fosse usata come mezzo di
"ottimizzazione" della produzione e dell'accumulo del capitale.
Non intendo in questa sede discutere se tutto questo sia giusto o sia
Post by shellenberg
sbagliato, e non credo nemmeno che abbia molto senso, inoltre questi
sono argomenti che richiedono uno spazio maggiore e molto tempo per
essere analizzati. Quello che mi preme è invece discutere di come
questi fenomeni incidano sulla nostra attuale condizione e delle
conseguenze che tutto ciò ha sull'ambiente.
In altra sede ho sostenuto che il vero socialismo si realizza
compiutamente solo in un sistema capitalistconsumistico,
condivido sul concetto di post-qualchecosa
necessita però specificare cosa sia il "post-qualchecosa"
Post by shellenberg
perché se
pure è vero che il socialismo individua nella equa ridistribuzione del
profitto uno dei suoi obbiettivi è altrettanto vero, ma molto più
importante, che la vera questione verte sull'accesso alle risorse in
maniera equa per tutti.
..e fin qui siamo all'analisi..
Post by shellenberg
Ora tu capisci che questo è il nodo della questione, poichè se un tale
sistema viene ottimizzato, sulla base della ricerca del profitto,
consentendo ad un relativamente piccolo numero di individui di
accumulare ricchezze, è ancora più vero che la produzione per
soddisfare l'enorme richiesta di beni delle persone comuni, è di
diversi ordini di grandezza maggiore ed è chiaro a chiunque lo voglia
capire che anche eliminando qualche decina di migliaia di Yacht o di
elicotteri o macchine di lusso ecc.. il problema rimarrebbe tale e
quale, anzi forse sarebbe anche peggio.
Perché vedi le piattaforme petrolifere scavano pozzi ed estraggono
miliardi di barili di greggio, dalle miniere si estraggono milioni di
tonnellate di materie prime, e tutto questo non serve per fare il
pieno alle barche del miliardario di turno ma serve nella la
stragrande maggioranza dei casi a soddisfare la richiesta di beni di
coloro che tu definisci schiavi.
Quindi caro L il comunismo è la madre di tutte le nostre tragedie e si
realizza compiutamente solo attraverso le società consumistiche, mi
rendo conto che potresti rimanere turbato da una simile affermazione
ma io la penso in questo modo e fino a quando nessuno mi dimostrerà
dove sbaglio, continuerò a pensarla così.
ps
io una soluzione l'avrei trovata ma o è una stupidata(visto che non se
la è filata nessuno in questo pur dotto ng) oppure non sono maturi i
tempi, ma questo lo sapremo solo vivendo.
Io non sono né per il comunismo e né per il capitalismo e né per
qualunque -ismo.
Chiariscimi bene questa parte, tu condividi la mia analisi?
Se la condividi anche solo in parte sei d'accordo sul fatto che il
problema non stà tanto in CHI governa ma in COSA si governa?
Perchè vedi una cosa è certa lo insegna la storia, la politica non ha
idee e non può averne, al massimo governa, più o meno bene, le idee
che la società produce.
Post by shellenberg
Necessita la _progettazione_ di un (qualunque) processo.
Necessita un COME.
Costruire una centrale nucleare o un pozzo di petrolio si può fare
rispettivamente come a Chernobyl e al largo della Luisiana dalla British
Petrolium, ergo generare un disastro.
Il problema non è in *chi* la costruisce: ma in _come_.
Può essere ma allora in questo caso non si tratta di rifondare il
sistema ma semplicemente di migliorarlo.
Ed io non credo che questa sia una soluzione definitiva, io credo che
siamo pronti a progettare qualche cosa di completamente nuovo, che sia
in grado di superare tutte le contraddizioni che il mondo di oggi
presenta.
Post by shellenberg
Ho l'impressione di vivere in una società de-cerebrata, che oltre
all'analisi non sa vedere il futuro.
Per il futuro se voglio attraversare un fiume devo spiegare "COME".
Altrimenti posso correre il rischio di annegare se lo passo sempre a
nuoto e anche se sono un bravo nuotare c'è sempre il caso che non tutti
lo siano e attraversarlo a nuoto sia sempre la cosa più razionale.
Ma possibile mai che siamo ancora alle categorie del '900 con
comunismo/capitalismo.
Consentimi una piccola nota polemica, se condividi la mia analisi
non puoi non ammettere che si è individuato nel capitalismo un nemico
che tale in realtà non è,
visto che credo di aver dimostrato esso(il capitalismo) abbia
esclusivamente una funzione ottimizzatrice di ciò che in realtà è
funzionale alla realizzazione del socialismo.
Post by shellenberg
Quella è l'analasi storica.
OK passiamo oltre
Post by shellenberg
Ora c'è da progettare il futuro!
Si parte dalla analisi ma una analisi fine a se stessa è merda, serve
solo per occupare spazio/tempo inutilmente, o fare dire a Mr B che è
tutta colpa del complotto dei comunisti se qualcosa va male, e poi
comprare tecnologia nucleare da un comunista ed ex capo dei servizi
segreti russi (kgb).
Lascia stare berlusconi, il problema non è italiano e come ti ho detto
non è un problema politico
mr B non è il demonio e non è un'intellettuale, egli è solo il
risultato migliore di una modello che fa del successo economico
la misura di tutte le cose.
Probabilmente per portarci a questo punto della storia umana era
necessario che uomini come lui potessero perseguire le proprie
ambizioni, ora è giunto il momento di andare oltre, come ti ho detto è
dalla società che devono arrivare nuove idee.
Post by shellenberg
E' la fiera degli stereotipi, la canzoncina per il popolo bue.
Il popolo è sempre bue e non perchè segua il berlusconi o il prodi di
turno ma perchè quella è la sua natura, fattene una ragione.
Post by shellenberg
Il livello della politica è dire "come si risolvono i problemi" .. non
solo per gli amici della Polverini, ma per tutti, ciascuno con il suo
specifico, ciascuno con il suo diritto a uno spazio espressivo.
Sbagli, la politica,quella dei palazzi, può amministrare(+ o - bene)
l'ordinario e può cercare di
affrontare piccoli problemi ma non è per sua natura in grado di
cambiare il mondo.
E noi di questo stiamo parlando.
Post by shellenberg
http://youtu.be/e4XDxk28VCw
E allora ti meravigli? certo si può fare di meglio ma questo non vale
solo per la politica, vale anche per lo
schiavetto che timbra in ufficio e poi va a fare la spesa, vale per il
cassintegrato in casa popolare che piange in diretta ad annozero
mentre sullo sfondo campeggia il TV al plasma ed il pc, vale per il
vigile del mio comune che alle 11 è al ristorante in pausa pranzo,
vale per il falso cieco che guida la macchina, vale per il prof che va
in vacanza alle bermuda per riprendersi dallo stress, vale per il
carabiniere che mi multa perché non ho il cartellino dell'orario di
apertura dell'esercizio su UNA delle tre porte di ingresso(300€),
mentre all'esterno 3 poveri extracomunitari vendono merce taroccata e
senza licenza, devo andare avanti...
Post by shellenberg
E poi non produciamo chiacchiere.
I pozzi di petrolio -ad esempio- vanno progettati con un sistema di
controllo primario e secondario di sicurezza telecomandato per la
chiusura delle valvole di flusso.
Ma se i pozzi saranno migliaia inevitabilmente prima o poi il disastro
avverrà,
Le centrali nucleari, anche di ottava generazione, saranno sempre
soggette ad incidenti e se saranno migliaia prima o poi avrai comunque
altre Chernobyl
Post by shellenberg
E così le centrali potrebbero pure essere installate, ma con gente ha il
concetto di responsabilità delle loro azioni.
Non con gente che grida al complotto anziché spiegare come mai dopo il
restauro della Impregilo è crollata la casa dello studente a L'Aquila in
testa agli studenti e la cricca di Bertolaso rideva per gli appalti.
http://youtu.be/W5MxegbDRfk
http://youtu.be/5Ebwe2-f7G0
Ci vuole uno stomaco a parte per guardare la fognatura che è oggi la
politica italiana, ma se non si parte dalla verità che ci risulta non
andiamo da nessuna parte e presto la storia farà giustizia della specie
umana non adatta a vivere su un pianeta vivente, poiché non amava la
vita -ma la morte- (se così si permetterà ad una ciurma che è nella
stanza dei bottoni) come una delle possibilità di organizzazione sociale
applicata ai minus habens, il popolo bue.
Scusa L ma sei monotono ed oltretutto fuori tema, stiamo parlando di
un futuro diverso, stiamo discutendo di
un mondo migliore e tu tiri in ballo bertolaso e compagnia bella?
Ti ho già detto che il popolo è bue per sua natura, non puoi
commiserarlo quando in quanto bue alcuni lo sfruttano e insultarlo
quando non condivide le tue opinioni.
Bello mio il democratico e secondo me anche comunista:-) sei tu mica
io.
Post by shellenberg
La massificazione miope di tali strategie di distruzione presto uscirà
fuori controllo senza possibilità di rimedio, salvo accedere al concetto
di stare ai fatti e rendere inoffensivi i mitomani e i criminali.
Se l'umanità non fosse bue avrebbe gia' adottato il Neo-Razionalismo
ed introdotto il Limite di Massa Antropica ed io ora sarei a Stoccolma
e sulle banconote da 500€:-))
Post by shellenberg
Salute e felicità,
Altrettanto
Raffaele Benzi
2010-05-01 19:19:00 UTC
Permalink
Post by L
La massificazione miope di tali strategie di distruzione presto uscirà
fuori controllo senza possibilità di rimedio, salvo accedere al concetto
di stare ai fatti e rendere inoffensivi i mitomani e i criminali.
Se l'umanità non fosse bue avrebbe gia' adottato il Neo-Razionalismo
ed introdotto il Limite di Massa Antropica ed io ora sarei a Stoccolma
e sulle banconote da 500€:-))
Post by L
Salute e felicità,
Attento, con Lparmenide non caverai un ragno dal buco,
per lui i problemi si risolvono all'interno del sistema che li ha generati.

Ma questa non e' una regola valida per risolvere i problemi che ci troviamo
di fronte.
Io, non ho figli ed ho capacita' e soldi sufficienti a trovare un'isolotto
od un angolo di savana dove finire i miei giorni, ma il resto della mandria
sta
seguendo il capobranco, in corsa verso il precipizio.
Perche' e percome non mi interessano, so bene da trenta anni che
il tutto sta andando verso la discarica, questi sono gli anni delle
cornacchie,
degli uccelli saprofagi, che banchetteranno delle citta'.

Ora, qualsiasi siatema tu abbia in mente per ridurre la massa antropica,
implica
la presenza di volontari capaci di eseguire un lavoro sporco.
Qualora ti trovassi nella condizione di realizzare anche in parte il
Progetto,
fai un fischio, avrai gente capace al prezzo piu' basso della piazza.

Raffaele
L
2010-05-01 20:47:15 UTC
Permalink
Post by shellenberg
Post by L
La massificazione miope di tali strategie di distruzione presto uscirà
fuori controllo senza possibilità di rimedio, salvo accedere al concetto
di stare ai fatti e rendere inoffensivi i mitomani e i criminali.
Se l'umanità non fosse bue avrebbe gia' adottato il Neo-Razionalismo
ed introdotto il Limite di Massa Antropica ed io ora sarei a Stoccolma
e sulle banconote da 500€:-))
Post by L
Salute e felicità,
Attento, con Lparmenide non caverai un ragno dal buco,
per lui i problemi si risolvono all'interno del sistema che li ha generati.
Ma questa non e' una regola valida per risolvere i problemi che ci troviamo
di fronte.
Io, non ho figli ed ho capacita' e soldi sufficienti a trovare un'isolotto
od un angolo di savana dove finire i miei giorni, ma il resto della mandria
sta
seguendo il capobranco, in corsa verso il precipizio.
Perche' e percome non mi interessano, so bene da trenta anni che
il tutto sta andando verso la discarica, questi sono gli anni delle
cornacchie,
degli uccelli saprofagi, che banchetteranno delle citta'.
Ora, qualsiasi siatema tu abbia in mente per ridurre la massa antropica,
implica
la presenza di volontari capaci di eseguire un lavoro sporco.
Qualora ti trovassi nella condizione di realizzare anche in parte il
Progetto,
fai un fischio, avrai gente capace al prezzo piu' basso della piazza.
Raffaele
Ciao Raffaele.

Io individuerei qual'è il ragno e qual'è il buco ..

: - )

Penso che concordiamo che senza un cambio di rotta ci stiamo agevolando
un disastro, ormai lo capiscono anche i bambini.

Tu dici che ti basterà un isolotto a qualcosa del genere per "arrivare
(in salute) al gran finale", come dice Lucio Dalla in una della sue
canzoni.

Ed anche qui è una questione di prospettiva: perché darsi tanto da fare
per avviarsi verso una storia indegna di essere vissuta e che comunque
si conclude e diventa senza che ci sia nessuno che si accorgerà che sia
successo?

Siamo forse piante o animali inferiori tanto da non avere coscienza di
stare vivendo e spinti -quindi- da una spinta a vivere di cui non ci
rendiamo conto?

Un semplice lotta tra Bios & Tantos finché la donna con la falce non
abbia sopravvento al bambino che vuole conoscere e cerca la vita?

Io sento sempre di più la realtà di ciò che non è considerato
-usualmente- reale e non perché mi astraggo dalla materia, ma perché gli
chiedo di spiegarmi -alla materia- il suo modo ordinato di comportarsi e
-la materia- non mi sa rispondere .. perché abbandoni il disordine e
tenda a instaurare delle regole.

La vedo sempre più ordinata tanto più è inconsulta (pensa al moto
ordinato dei pianeti attorno a una stella o al movimento delle
galassie), perché l'arbìtrio è della mistica di ciò che si ipotizzi
(almeno in parte) *incausato*.

"Mi dirai di no o mi dirai di sì" .. c'è molto di più del nascere e del
morire e in questa breve bolla di stato coscienziale io non accetterò
nulla che non sia una risposta al diritto di cercare i perché anziché
lasciarsi morire..



Ciao

Lino
Raffaele Benzi
2010-05-01 22:03:34 UTC
Permalink
Post by L
Ciao Raffaele.
Io individuerei qual'è il ragno e qual'è il buco ..
: - )
Penso che concordiamo che senza un cambio di rotta ci stiamo agevolando
un disastro, ormai lo capiscono anche i bambini.
Tu dici che ti basterà un isolotto a qualcosa del genere per "arrivare
(in salute) al gran finale", come dice Lucio Dalla in una della sue
canzoni.
No, non al gran finale , alla fine. E' ben diverso...
Post by L
Ed anche qui è una questione di prospettiva: perché darsi tanto da fare
per avviarsi verso una storia indegna di essere vissuta e che comunque
si conclude e diventa senza che ci sia nessuno che si accorgerà che sia
successo?
Carpe diem. Ed un foie gras tartufato ed una bottiglia di chateaou d'Iqem,
danno significato a qualsiasi vita.
Basta saperli cucinare.:-))))))
Prova, almeno una volta, lo spirito, in fondo ,
e' molto piu' debole della carne......
Post by L
Siamo forse piante o animali inferiori tanto da non avere coscienza di
stare vivendo e spinti -quindi- da una spinta a vivere di cui non ci
rendiamo conto?
Un semplice lotta tra Bios & Tantos finché la donna con la falce non
abbia sopravvento al bambino che vuole conoscere e cerca la vita?
Perche' donna ? La mietitrice e' asessuata...
Io la vita la conosco,
sono i mondi dietro al mondo che non mi interessano piu'.
Post by L
Io sento sempre di più la realtà di ciò che non è considerato
-usualmente- reale e non perché mi astraggo dalla materia, ma perché gli
chiedo di spiegarmi -alla materia- il suo modo ordinato di comportarsi e
-la materia- non mi sa rispondere .. perché abbandoni il disordine e
tenda a instaurare delle regole.
La vedo sempre più ordinata tanto più è inconsulta (pensa al moto
ordinato dei pianeti attorno a una stella o al movimento delle
galassie), perché l'arbìtrio è della mistica di ciò che si ipotizzi
(almeno in parte) *incausato*.
Ordinata sulla scala temporale umana...la matrice reale e' caotica.
Post by L
"Mi dirai di no o mi dirai di sì" .. c'è molto di più del nascere e del
morire e in questa breve bolla di stato coscienziale io non accetterò
nulla che non sia una risposta al diritto di cercare i perché anziché
lasciarsi morire..
Don Chisciotte ha insegnato tutto quello che c'era da insegnare.

Torno a dire: Carpe Diem, magari senza il Falerno,
ma con un buon vino, adatto al giorno d'oggi.....


Sono curioso, di vedervi andare tutti quanti assieme,
a fare la spesa con il fucile....Alla fine ne rimarra' uno solo.


Raffaele
L
2010-05-01 23:16:04 UTC
Permalink
Post by Raffaele Benzi
Post by L
Un semplice lotta tra Bios & Tantos finché la donna con la falce non
abbia sopravvento al bambino che vuole conoscere e cerca la vita?
Perche' donna ? La mietitrice e' asessuata...
Io la vita la conosco,
sono i mondi dietro al mondo che non mi interessano piu'.
Mi sono chiesto anch'io perché avessi detto così dopo aver spedito il
mex.

La prima associazione mentale è ad una vecchia canzone (di circa 30
anni fa (avevo venti anni allora) di cui scrissi la musica e il testo
era di un sensitivo carismatico) .. diceva, ti scrivo solo un brano:

Comandante il mare pare una ragnatela non riesci a cavarti fuori da
questo oceano di cera ..

Comandante è l'ultimo viaggio, in un mare pieno di foschia .. Comandante
Saro -come dici tu- così alla via ..

E dondola e dondola ..

E dondola la tua nave ..

Cullata .. cullata .. dal suono del mare ..

E gli astri sono candele ..

E le stelle scappano sulle vele ..

Questo è un viaggio amaro .. Comandante Saro ..

E non si vede uno schifo di faro .. né un porto che ti metta al riparo
..

.. da quel gorgo che ti aspetta .. assieme a quella _donna_ .. con la
falce in mano .. Comandate Saro ..

.. io sono sicuro .. che dal mare tu volevi solo una cosa ..

.. che una sua onda a forma di mano .. ti rubasse dal gorgo e ti
portasse via .. lontano ..

lontano .. lontano ..

Da dai da .. da da da da da da da .. tara tara ta .. tara tara ta ..

: - )

Insomma questa è la prima associazione logica che mi è venuta in mente e
poi ho pensato perché io l'avessi sempre condivisa nel profondo ..

La morte è femmina nel senso di gorgo che presuppone un vuoto.

Lo stesso sesso maschile è una esplorazione di un vuoto che cerchiamo di
colmare perché soffriamo che sia vuoto, senza futuro.

Noi stessi cerchiamo di superare il vuoto della morte andandoci ad
infilare nel vuoto del futuro cercando di colmarlo perché ci sia un
figlio, "un noi stessi"(meglio però di noi, che sentiamo di meritare la
morte), che vinca Dio facendoci -anche noi- immortali.

La stessa donna accetta più facilmente dell'uomo la morte pur di far
nascere -durante il pericolo del parto- una vita.

La donna è una matrice che da la vita accettando il rischio di poter
morire per fare sì che vi sia un futuro.

La parte ombra, oscura della donna, la parte propriamente senza futuro è
femminile, archetipicamente femminile.

Di quel tipo di femminilità che può avere anche un uomo .. quando oltre
che cercare uno spazio .. accetta di potere morire e lasciare uno spazio
purché sia Bios.. Un Dios(maschile) + Dios(femminile) .. (basta guardare
bene cosa dica Bios se non sia doppiamente Dios, nella forma della B, la
B di B-numerale, la B che implica il due perché solo dopo il due ci può
essere il tre, il figlio, il futuro).

Ciao

Lino (e dove allora?)
L
2010-05-01 23:28:24 UTC
Permalink
L wrote:

L
2010-05-01 23:26:17 UTC
Permalink
Post by L
http://youtu.be/djwIe4u4npk
(1:39)

Errata:
Dios no se muda

Corrige:
-> Dios se muda

ogni cosa che è vivente è Dios

Dalle galassie e alla materia subatomica
shellenberg
2010-05-01 20:55:50 UTC
Permalink
Post by shellenberg
Post by L
La massificazione miope di tali strategie di distruzione presto uscirà
fuori controllo senza possibilità di rimedio, salvo accedere al concetto
di stare ai fatti e rendere inoffensivi i mitomani e i criminali.
Se l'umanità non fosse bue avrebbe gia' adottato il Neo-Razionalismo
ed introdotto il Limite di Massa Antropica ed io ora sarei a Stoccolma
e sulle banconote da 500€:-))
Post by L
Salute e felicità,
Attento, con Lparmenide non caverai un ragno dal buco,
per lui i problemi si risolvono all'interno del sistema che li ha generati.
Ma questa  non e' una regola valida per risolvere i problemi che ci troviamo
di fronte.
Io, non ho figli ed ho capacita' e soldi sufficienti a trovare un'isolotto
od un angolo di savana dove  finire i miei giorni, ma il resto della mandria
sta
seguendo il capobranco, in corsa verso il precipizio.
Perche' e percome non mi interessano, so bene da trenta anni che
 il tutto sta andando verso la discarica, questi sono gli anni delle
cornacchie,
degli uccelli saprofagi, che banchetteranno delle citta'.
Ora, qualsiasi siatema tu abbia in mente per ridurre la massa antropica,
implica
la presenza di volontari  capaci di eseguire  un lavoro sporco.
Qualora ti trovassi nella condizione di realizzare anche in parte il
Progetto,
fai un fischio, avrai gente capace al prezzo piu' basso della piazza.
Raffaele
Ok, ad occhio e croce siamo già almeno in tre o quattro, la grana non
è un problema neanche per me,
certo un'isola non me la posso permettere e poi tengo famiglia:-(
Raffaele Benzi
2010-05-01 21:45:44 UTC
Permalink
Post by Raffaele Benzi
Ora, qualsiasi siatema tu abbia in mente per ridurre la massa antropica,
implica
la presenza di volontari capaci di eseguire un lavoro sporco.
Qualora ti trovassi nella condizione di realizzare anche in parte il
Progetto,
fai un fischio, avrai gente capace al prezzo piu' basso della piazza.
Raffaele
Ok, ad occhio e croce siamo già almeno in tre o quattro, la grana non
è un problema neanche per me,
certo un'isola non me la posso permettere e poi tengo famiglia:-(



Ai, ai ai, la famiglia.....dio, patria e famiglia, riducono l'uomo in
poltiglia..:-)))

Io ho una compagna che anela all'atollo, e' pratica di grotte e montagne,
( purtroppo per lei, detesta sole ed insetti...) quindi, considerato
il fatto che non ho intenzione di
"salvare "
il mondo, che poi sara' di qualcun altro.
Potremmo ricreare una microcomunita' delle origini,
cosi' tanto per non essere sepolto assieme a certa gente...

A me basta sapere che nelle acque dell'isola
ci siano pesci palla o polipi blu, in modo da avere una tossina efficace
come uscita di sicurezza.
Come si distilla dal pesce lo so, quanto sia efficace pure,
una cassa di Pomerol Petrus me la porto,
e poi fate come vi pare...

Il lavoro sporco sarebbe un semplice contrappasso, un piacere prima della
fine...

Raffaele
Karman
2010-05-01 06:43:05 UTC
Permalink
Post by L
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avanzata-della-marea-nera/46401?video
Ora qualcuno ci venga a raccontare che è un incidente imprevedibile che
una piattaforma petrolifera possa prendere fuoco o una centrale nucleare
possa subire un attentato ..
Sono situazioni che sono nell'orizzonte degli eventi possibili o siamo
nella fantascienza?
Perché -allora- non sono state previste procedure per tutelarsi da ciò?
Perché se rubi una mela vai in galera.
Se distruggi un pianeta .. è stata una disgrazia ..
Ci aspetta però una notte buia in cui cominceremo a scontare la nostra
ignavia e avere avuto il culto del potere anziché quello della
giustizia.
Salute e felicità (mistica), la materia ormai è andata .. (non tanto per
la chiazza attuale, ma per l'impunità verso coloro che ritengo
ammissibili di tutti i disastri ambientali che quindi continueranno fino
alla dissoluzione completa)
Non siete su scherzi a parte!
State osservando un pianeta al suicidio di massa!
http://tv.repubblica.it/dossier/marea-nera-louisiana/louisiana-l-avanzata-della-marea-nera/46401?video
Caro Lino
Proprio ieri sera facevo le tue stesse considerazioni.
Come? Siamo andati sulla luna..inventiamo armi sempre piu' potenti, abbiam
creato i Droni, Hubble.. che indaga l'infinito, missili, atomiche,
fusione fredda, fusione calda, strumenti di guerra che scrutano
nell'infrarosso,riusciamo a manipolare i geni,e magari a mettere una testa
umana su un corpo di pesce.(Horazio,nell'pistola ai Pisoni diceva "desinat
in piscem mulier formosa superne ? ".)).. . e non riusciamo ancora a trovare
un meccanismo che disinneschi tali catastrofi ambientali?Se l'uomo mi sta a
cuore, i pesci innocenti ancora di piu!...
Ma loro li uccidiamo gia' da decenni con la plastica! Il pianeta e'
diventato un utricolo pieno di veleni! I nostri discendenti mangeranno
metallo..e plastica ?
Berranno Idrocarburi?Sempre che i vulcani non si incazzino..perche' se lo
faranno, in barba alle "Moderne e Belle Sorti Progressive", gli aeroplani
resteranno tutti negli hangars..e la gente riscoprira' il piacere di andare
a cavallo..o
a dorso di mulo.E se la loro incazzatura persistera', cenere e lapilli
oscureranno davvero il sole...e ne basteranno na ventina come quello
dell'islanda a far cambiare il clima.Altro che effetto serra..se il cielo
diventera' una coltre di cenere e nubi ovunque! Osservavo la terra su un
atlante:La
Crosta terrestre e' solo un piccolissimo strato di nulla,e noi dei licheni
con sotto il fuoco perenne.! .
Possibile che siano "possibili" tali catastrofi? E che non esista nulla per
arginarle quando sono accadute? Magari un super solvente.. che in pochi
istanti renda ancora "vivibili" i mari, le piu' grandi risorse della vita?Ed
allora mi chiedo:Uomo chi sei tu perche' Dio se ne ricordi?????
Ciao.

Mimmo
Post by L
L
Aanselm
2010-05-03 16:10:41 UTC
Permalink
Post by Karman
Possibile che siano "possibili" tali catastrofi?
Possibili, accadute e imminenti.
Post by Karman
E che non esista nulla per
arginarle quando sono accadute? Magari un super solvente.. che in pochi
istanti renda ancora "vivibili" i mari, le piu' grandi risorse della vita?Ed
allora mi chiedo:Uomo chi sei tu perche' Dio se ne ricordi?????
Qui rilevo una sottile fiducia nella scienza,
soprattutto dopo che essa stessa determnina immani catastrofi.
Credo che l'uomo debba recuperare i valori etici e morali
contro quelli scientisti, materialisti ed economici
se vuole davvero evitare altre catastrofi.

Ciao Karman
--
A
Raffaele Benzi
2010-05-03 22:04:53 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Credo che l'uomo debba recuperare i valori etici e morali
contro quelli scientisti, materialisti ed economici
se vuole davvero evitare altre catastrofi.
Cosa c'entrerebbero i valori etici?
Essi sono parte del contesto, quindi di questo mondo.
Eticamente, la rottura del tubo e' sopportabile,
la perdita del risarcimento meno.
Dal punto di vista morale ,
sarebbe doveroso, per prima cosa mettere al centro delle attenzoni,
gli interessi degli azionisti,
poi quelli dei consumatori e solo in ultimo quello del sistema ecologico:
esso non produce petrolio, quindi, per la morale dell'estrattore ,
e' assolutamente inutile , quando non dannoso.

La diffusione della peste nera, svuoto' due terzi dell'europa,
ma fu diffusa da pregiudizi e false conoscenze,
oltre che dal timore di apparire irriverente nei confronti del santo
uffizio.

Non capisco perche' mescolare concetti non omogenei.

Rafafele
Aanselm
2010-05-04 06:23:57 UTC
Permalink
Post by Raffaele Benzi
Post by Aanselm
Credo che l'uomo debba recuperare i valori etici e morali
contro quelli scientisti, materialisti ed economici
se vuole davvero evitare altre catastrofi.
Cosa c'entrerebbero i valori etici?
Mi pare di ricordare di averti già parlato
di valori etici, evidentemente senza successo.
Si può intendere etica come filosofia pratica,
la capacità dell'uomo di usare la phronesis,
la saggezza pratica per risolvere problemi.
Post by Raffaele Benzi
Essi sono parte del contesto, quindi di questo mondo.
E cosa c'entra questa osservazione?
La saggezza è forse una prerogativa extramondana?
Post by Raffaele Benzi
Eticamente, la rottura del tubo e' sopportabile,
la perdita del risarcimento meno.
Questi che fai che tipo di esempi sono, li intendi etici?
Riduci l'etica ad un tubo rotto?
Mah.
Post by Raffaele Benzi
Dal punto di vista morale ,
sarebbe doveroso, per prima cosa mettere al centro delle attenzoni,
gli interessi degli azionisti,
esso non produce petrolio, quindi, per la morale dell'estrattore ,
e' assolutamente inutile , quando non dannoso.
Quindi per te la morale si riduce in primis
al profitto degli azionisti,
e questo fatto la chiami morale?
A me sembra che stai parlando
di rapporti economici accostati a considerazioni ecologiche
ma non vedo l'utilità di modificare i significati
usuali descritti dai dizionari della lingua italiana.
Post by Raffaele Benzi
La diffusione della peste nera, svuoto' due terzi dell'europa,
ma fu diffusa da pregiudizi e false conoscenze,
oltre che dal timore di apparire irriverente nei confronti del santo
uffizio.
E questo cosa c'entra con la phronesis?
Post by Raffaele Benzi
Non capisco perche' mescolare concetti non omogenei.
Spero che adesso siano chiari i significati dei termini.

Cordiali saluti
--
A
Raffaele Benzi
2010-05-04 19:56:45 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Credo che l'uomo debba recuperare i valori etici e morali
contro quelli scientisti, materialisti ed economici
se vuole davvero evitare altre catastrofi.
Maestro Anselmo,
leggere i Suoi saccenti messaggi, ha risvegliato in me la stessa
irritazionee la stessa intolleranza che suscitavano, 50 anni fa,
i presuntuosi, stupidi e sommamente inutili, insegnamenti che l'ordinamento
scolastico di un paese ancora mediovale, costringeva dei pover'uomini ad
impartire
ai loro allievi.
Per mia fortuna, e loro sfortuna, in casa ho sempre avuto
informazione ed istruzione molto piu' concrete e reali, correlate con il
contesto
in cui si vive e non ad un ipotetico mondo teorico,
i cui riferimenti sono assolutamente inutili per affrontare la vita reale.

Cosi', dai miei genitori e dai loro parenti, ho acquisito
gli insegnamenti necessari a saper sopravvivere, comunque e nonostante
tutto,
senza dovermi piegare a nessun Ordine Superiore, di qualsiasi genere esso
sia.

So accendere un fuoco sotto la pioggia, cacciare, pescare, cucinare su di un
fuoco,
( per inciso, so anche essere un cuoco di altissimo livello ed un sapiente
sommelier,
ma questi sono fronzoli inutili, legati al piacere del vivere, non alla
sopravvivenza)
sono capace di riparare un motore, tornire un pezzo, fare il falegname, il
contadino,
il boscaiolo, fare un punto nave con il sestante, ( imparai ben prima che i
GPS
lo rendessero un oggetto di antiquariato) ricaricare le munizioni con la
giusta dose di polvere,
usare la maggior parte delle armi conosciute, cucire , fare il fabbro,
costruirmi una casa con calce e mattoni, conosco molto bene
i comportamenti di emergenza per il Pronto Soccorso
.So fare anche altre moltissime cose,
molte delle quali non interessano affatto,
un gruppo in cui si dovrebbe parlare di religione.

Quest'ultima , l'ho incontrata e gli sono sopravvissuto,
facendo collezione di religioni, sulla base degli insegnamenti paterni,
che consideravano lo specifico oggetto, un male da sopportare,
piu' che altro per motivi sociali.
( ma era tanto tempo fa, oggi saprebbe farne a meno anche lui...)
Dagli alieni dei dell'antica Ur, al presente semita demone delle sabbie,
ho analizzato con cura ed attenzione, i culti che hanno afflitto il genere
umano fin dalla
sua prima evoluzione dalla felicita' dell'incoscienza, ( di questa dovremmo
parlarne
assieme alla storia del periodo trascorso che ho trascorso in coma),
ma non e' con Lei che ho intenzione di condividere, Lei E' il NEMICO,
quindi, non solo non posso condividere nulla, ma neanche posso permettere
che il
MIO contesto, sia solo sfiorato da una persona come Lei.

In pratica, nonostante i reiterati, quanto inutili,
tentativi dei miei presunti maestri di scuola,
sono diventato un uomo.
Soprassiedo alla descrizione della impari lotta sostenuta, ma posso,
con orgoglio, dire che nulla di loro e' entrato nel mio cerchio.

Ora, ipotizzare che Lei possa esprimere un qualsiasi giudizio, parere
o qualsivoglia censura, sul mio pensare e sul mio vivere, e' per me fonte di
disgusto.
Lei vive in un mondo morto, anzi , morto da tanto tempo
che non e' neanche piu' morto.
Il suo arcaico, presunto, " umanesimo" ha insanguinato il pianeta, in nome
di
leggi volute da uomini perversi, in tempi oscuri e per motivi abietti.
Lei, e tutti i Suoi simili, non vi accorgete di trascorrere una vita
biologica
totalmente disconnessa dai sensi del corpo umano, trascorrento i trentamila
giorni
di vita fisiologica in una prigione di carne , di cui patite tutti i dolori
e
non percepite nessuno dei piaceri, possibili od ipotizzabili con i sensi .
Il tutto nell'illusione di un ipotetico, remotissimo futuro di gloria ed
annichilazione.
Non solo patetico, e' proprio un insulto alla Vita.

Pensa davvero che l'esposizione delle Sue tesi , possa suscitare qualcosa
di diverso dall'ilarita', nei comuni interlocutori?
Sapere che gente come Lei , sia reclusa in
un inferno come quello che si e' costruito attorno,
non puo' essere altro che fonte di sollievo,
almeno, noi vivi,
sappiamo che Voi morti,
non condividete con noi il nostro mondo.

Con profondo cordoglio per la Sua non vita

Raffaele Benzi
Gigio
2010-05-05 01:59:50 UTC
Permalink
Post by Raffaele Benzi
Post by Aanselm
Credo che l'uomo debba recuperare i valori etici e morali
contro quelli scientisti, materialisti ed economici
se vuole davvero evitare altre catastrofi.
Maestro Anselmo,
leggere i Suoi saccenti messaggi, ha risvegliato in me la stessa
irritazionee  la stessa intolleranza che suscitavano, 50 anni fa,
i presuntuosi, stupidi e sommamente inutili, insegnamenti che l'ordinamento
scolastico di un paese ancora mediovale, costringeva dei pover'uomini ad
impartire
ai loro allievi.
Per mia fortuna,  e loro sfortuna, in casa ho sempre avuto
 informazione ed istruzione  molto piu' concrete e reali, correlate con il
contesto
in cui si vive e non ad un ipotetico mondo teorico,
 i cui riferimenti sono assolutamente inutili per affrontare la vita reale.
Cosi', dai miei genitori e dai loro parenti, ho acquisito
gli insegnamenti necessari a saper sopravvivere, comunque e nonostante
tutto,
senza dovermi piegare a nessun Ordine Superiore, di qualsiasi genere esso
sia.
So accendere un fuoco sotto la pioggia, cacciare, pescare, cucinare su di un
fuoco,
( per inciso, so anche essere un cuoco di altissimo livello ed un sapiente
sommelier,
ma questi sono fronzoli inutili, legati al piacere del vivere, non alla
sopravvivenza)
sono capace di riparare un motore, tornire un pezzo, fare il falegname, il
contadino,
 il boscaiolo, fare un punto nave con il sestante, ( imparai ben prima che i
GPS
 lo rendessero un oggetto di antiquariato) ricaricare le munizioni con la
giusta dose di polvere,
usare la maggior parte delle armi conosciute, cucire , fare il fabbro,
costruirmi una casa con calce e  mattoni, conosco molto bene
 i comportamenti di emergenza per il Pronto Soccorso
.So fare anche altre moltissime cose,
molte delle quali non interessano affatto,
 un gruppo in cui si dovrebbe parlare di religione.
Quest'ultima , l'ho incontrata e gli sono sopravvissuto,
facendo collezione di religioni, sulla base degli insegnamenti paterni,
che consideravano lo specifico oggetto, un male da sopportare,
piu' che altro per motivi sociali.
( ma era tanto tempo fa, oggi saprebbe farne a meno anche lui...)
Dagli alieni dei dell'antica Ur, al presente semita demone delle sabbie,
ho analizzato con cura ed attenzione, i culti che hanno afflitto il genere
umano fin dalla
sua prima evoluzione dalla felicita' dell'incoscienza, ( di questa dovremmo
parlarne
assieme alla storia del periodo trascorso che ho trascorso in coma),
 ma non e' con Lei che ho intenzione di condividere, Lei E' il NEMICO,
quindi, non solo non posso condividere nulla, ma neanche posso permettere
che il
MIO contesto, sia solo sfiorato da una persona come Lei.
In pratica, nonostante i reiterati, quanto inutili,
tentativi dei miei presunti maestri di scuola,
sono diventato un uomo.
Soprassiedo alla descrizione della impari lotta sostenuta, ma posso,
con orgoglio, dire che nulla di loro e' entrato nel mio cerchio.
Ora, ipotizzare che Lei possa esprimere un qualsiasi giudizio, parere
o qualsivoglia censura, sul mio pensare e sul mio vivere, e' per me fonte di
disgusto.
Lei vive in un mondo morto, anzi , morto da tanto tempo
 che non e' neanche piu' morto.
Il suo arcaico, presunto, " umanesimo" ha insanguinato il pianeta, in nome
di
leggi volute da uomini perversi, in tempi oscuri e per motivi abietti.
Lei, e tutti i Suoi simili, non vi accorgete di trascorrere una vita
biologica
totalmente disconnessa dai sensi del corpo umano, trascorrento i trentamila
giorni
di vita fisiologica in una prigione di carne , di cui patite tutti i dolori
e
non percepite nessuno dei piaceri, possibili od ipotizzabili con i sensi .
Il tutto nell'illusione di un ipotetico, remotissimo futuro di gloria ed
annichilazione.
Non solo patetico, e' proprio un insulto alla Vita.
Pensa davvero che l'esposizione delle Sue tesi , possa suscitare qualcosa
di diverso dall'ilarita', nei comuni interlocutori?
Sapere che gente come Lei , sia reclusa in
 un inferno come quello che si e' costruito attorno,
non puo' essere altro che fonte di sollievo,
almeno, noi vivi,
sappiamo che Voi morti,
non condividete con noi il nostro mondo.
Con profondo cordoglio per la Sua non vita
Raffaele Benzi
Bravo! Mi hai tolto le parole di bocca. Proprio cio' che volevo dire
io al trolletto anselmo. ;-))
Penso che con questo messaggio tu gli abbia tolto il piacere del
trollaggio. Troppe nozioni insieme gli avranno mandato il cervello in
overflow...
Ciao!
Gigio c'e'
Aanselm
2010-05-05 07:38:11 UTC
Permalink
Post by Raffaele Benzi
Maestro Anselmo,
leggere i Suoi saccenti messaggi, ha risvegliato in me la stessa
irritazionee la stessa intolleranza che suscitavano, 50 anni fa,
i presuntuosi, stupidi e sommamente inutili, insegnamenti che l'ordinamento
scolastico di un paese ancora mediovale, costringeva dei pover'uomini ad
impartire
ai loro allievi.
Se non erro
tu ascoltavi radio radicale...
e non dico altro.
Post by Raffaele Benzi
Per mia fortuna, e loro sfortuna, in casa ho sempre avuto
informazione ed istruzione molto piu' concrete e reali, correlate con il
contesto
in cui si vive e non ad un ipotetico mondo teorico,
i cui riferimenti sono assolutamente inutili per affrontare la vita reale.
Puoi vivere come ti pare
ma ciò non giustifica alterare i termini del linguaggio.
Mi chiedo cosa c'entri la tua storia privata
con la phronesis.
Ma forse proprio a causa della tua intolleranza
verso la conoscenza
non hai potuto approfondire
cosa significhi la phronesis per la vita dell'uomo.
Post by Raffaele Benzi
Cosi', dai miei genitori e dai loro parenti, ho acquisito
gli insegnamenti necessari a saper sopravvivere, comunque e nonostante
tutto,
senza dovermi piegare a nessun Ordine Superiore, di qualsiasi genere esso
sia.
E mi chiedo ancora cosa c'entra ciò
con quello di cui si discute.
Post by Raffaele Benzi
So accendere un fuoco sotto la pioggia, cacciare, pescare, cucinare su di un
fuoco,
( per inciso, so anche essere un cuoco di altissimo livello ed un sapiente
sommelier,
ma questi sono fronzoli inutili, legati al piacere del vivere, non alla
sopravvivenza)
sono capace di riparare un motore, tornire un pezzo, fare il falegname, il
contadino,
il boscaiolo, fare un punto nave con il sestante, ( imparai ben prima che i
GPS
lo rendessero un oggetto di antiquariato) ricaricare le munizioni con la
giusta dose di polvere,
usare la maggior parte delle armi conosciute, cucire , fare il fabbro,
costruirmi una casa con calce e mattoni, conosco molto bene
i comportamenti di emergenza per il Pronto Soccorso
.So fare anche altre moltissime cose,
molte delle quali non interessano affatto,
un gruppo in cui si dovrebbe parlare di religione.
Meno male che hai anche il rispetto e il gusto
di capire cos'è un ng.
Post by Raffaele Benzi
Quest'ultima , l'ho incontrata e gli sono sopravvissuto,
facendo collezione di religioni, sulla base degli insegnamenti paterni,
che consideravano lo specifico oggetto, un male da sopportare,
piu' che altro per motivi sociali.
( ma era tanto tempo fa, oggi saprebbe farne a meno anche lui...)
Dagli alieni dei dell'antica Ur, al presente semita demone delle sabbie,
ho analizzato con cura ed attenzione, i culti che hanno afflitto il genere
umano fin dalla
sua prima evoluzione dalla felicita' dell'incoscienza, ( di questa dovremmo
parlarne
assieme alla storia del periodo trascorso che ho trascorso in coma),
ma non e' con Lei che ho intenzione di condividere, Lei E' il NEMICO,
Ahhh, questo è il risultato delle tue esperienze?
Ragionare in termini di nemico/amico?
Ma come non si può non pensare al nazista Schmitt?
E poi vuoi relazionare questo tuo risultato
con l'aver "incontrato" le religioni?
Da come parli, da estremista antidemocratico,
intollerante e seguace della violenza civile,
non vedo cosa si possa aver da condividere.
Post by Raffaele Benzi
quindi, non solo non posso condividere nulla, ma neanche posso permettere
che il
MIO contesto, sia solo sfiorato da una persona come Lei.
Non ci penso nemmeno,
inoltre visto che mostri solo esternazioni animalesche,
con una violenza senza un briciolo di argomento razionale,
non vedo proprio come possa accadere.
Post by Raffaele Benzi
In pratica, nonostante i reiterati, quanto inutili,
tentativi dei miei presunti maestri di scuola,
sono diventato un uomo.
Immaturo,
se questo intervento è frutto della tua intelligenza.
Post by Raffaele Benzi
Soprassiedo alla descrizione della impari lotta sostenuta, ma posso,
con orgoglio, dire che nulla di loro e' entrato nel mio cerchio.
Ora, ipotizzare che Lei possa esprimere un qualsiasi giudizio, parere
o qualsivoglia censura, sul mio pensare e sul mio vivere, e' per me fonte di
disgusto.
Sei in grado di argomentare, di fornire giustificazioni
invece di blaterare con un sensismo bieco e irrazionale?
Torno a chiederti, ma sai cos'è la phronesis?
Prima di criticarla dovresti sapere di cosa si sta parlando.
Le tue storie personali non vedo che interesse possono avere.
Post by Raffaele Benzi
Lei vive in un mondo morto, anzi , morto da tanto tempo
che non e' neanche piu' morto.
Il suo arcaico, presunto, " umanesimo" ha insanguinato il pianeta, in nome
di
leggi volute da uomini perversi, in tempi oscuri e per motivi abietti.
A me risulta che barbari e trogloditi
oscurano la civiltà umana.
A me risulta,
e basta avere la decenza di studiare
la storia delle civiltà,
che sono l'ignoranza e la violenza
le fonti su cui si basano le società chiuse
e tiranniche.
Il totalitarismo del XX secolo è un esempio chiarissimi
ùper chi non ha paraocchi
quanto siano terribili le politiche prive di phronesis.
Senza cultura non si ha l'intelligenza di capire
l'utilità delle buone leggi che regolano il pacifico vivere
degli uomini giusti.
Ma i rozzi ignoranti preferiscono
la violenza alla pace.
Post by Raffaele Benzi
Lei, e tutti i Suoi simili, non vi accorgete di trascorrere una vita
biologica
totalmente disconnessa dai sensi del corpo umano, trascorrento i trentamila
giorni
di vita fisiologica in una prigione di carne , di cui patite tutti i dolori
e
non percepite nessuno dei piaceri, possibili od ipotizzabili con i sensi .
Il tutto nell'illusione di un ipotetico, remotissimo futuro di gloria ed
annichilazione.
Non solo patetico, e' proprio un insulto alla Vita.
Ma cosa c'entrano queste lamentele?
Mi sembra un pastrocchio di luoghi comuni
privo di ogni razionalità.
Post by Raffaele Benzi
Pensa davvero che l'esposizione delle Sue tesi , possa suscitare qualcosa
di diverso dall'ilarita', nei comuni interlocutori?
Sapere che gente come Lei , sia reclusa in
un inferno come quello che si e' costruito attorno,
non puo' essere altro che fonte di sollievo,
almeno, noi vivi,
sappiamo che Voi morti,
non condividete con noi il nostro mondo.
Ormai stai delirando
e non ti accorgi nemmeno le capre che insultano
e che hanno comportamenti incivili,
ma, certo, tu vivi fuori dalla civiltà,
tu sei un primitivo che odia e distingue gli altri
secondo la categoria violenta del nemico.
Nulla di buono si può cavare dalle tue farneticazioni
estremiste e violente.
--
A
Mimmo
2010-05-05 12:51:08 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
Maestro Anselmo,
leggere i Suoi saccenti messaggi, ha risvegliato in me la stessa
irritazionee la stessa intolleranza che suscitavano, 50 anni fa,
i presuntuosi, stupidi e sommamente inutili, insegnamenti che
l'ordinamento
scolastico di un paese ancora mediovale, costringeva dei pover'uomini ad
impartire
ai loro allievi.
Anselm..
Non lo onorare della tua amicizia,!Non ti merita!
Io l'ho gettato nel Cess file da una vita!
Non ti curar di lui..ma guarda e passa!

karman..
Post by Aanselm
tu sei un primitivo che odia e distingue gli altri
secondo la categoria violenta del nemico.
Nulla di buono si può cavare dalle tue farneticazioni
estremiste e violente.
--
A
Aanselm
2010-05-05 14:11:05 UTC
Permalink
Post by Mimmo
Anselm..
Non lo onorare della tua amicizia,!Non ti merita!
Io l'ho gettato nel Cess file da una vita!
Non ti curar di lui..ma guarda e passa!
... per me si va tra la perduta gente,
per me si va nell'etterno dolore
giustizia mosse il mio alto fattore.

Quando l'anima mal nata mi vien innanzi
tutta si confessa
e cerco di veder qual luogo d'inferno
e' d'essa.

O tu che vieni al doloroso ospizio
grazie per il consiglio propizio.
;)

Ciao Mimmo
--
Anselmo
Mimmo
2010-05-05 14:48:50 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Post by Mimmo
Anselm..
Non lo onorare della tua amicizia,!Non ti merita!
Io l'ho gettato nel Cess file da una vita!
Non ti curar di lui..ma guarda e passa!
... per me si va tra la perduta gente,
per me si va nell'etterno dolore
giustizia mosse il mio alto fattore.
Quando l'anima mal nata mi vien innanzi
tutta si confessa
e cerco di veder qual luogo d'inferno
e' d'essa.
O tu che vieni al doloroso ospizio
grazie per il consiglio propizio.
;)
Ciao Mimmo
E di che..?.))
Un kill file dato bene ci solleva dalle pene.)) ahahaha
Ciao ..

Mimmo
Post by Aanselm
--
Anselmo
Raffaele Benzi
2010-05-05 20:16:20 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
Maestro Anselmo,
sommamente inutili, insegnamenti che l'ordinamento
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
scolastico di un paese ancora mediovale, costringeva dei pover'uomini ad
impartire
ai loro allievi.
Se non erro
tu ascoltavi radio radicale...
e non dico altro.
Tutto il contrario, come al solito...
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
Per mia fortuna, e loro sfortuna, in casa ho sempre avuto
informazione ed istruzione molto piu' concrete e reali, correlate con il
contesto
in cui si vive e non ad un ipotetico mondo teorico,
i cui riferimenti sono assolutamente inutili per affrontare la vita reale.
Puoi vivere come ti pare
ma ciò non giustifica alterare i termini del linguaggio.
Mi chiedo cosa c'entri la tua storia privata
con la phronesis.
Come lo vogliamo tradurre: Saggezza del vivere , prudenza ,
cautela o PAURA dell'ignoto?
Post by Aanselm
Ma forse proprio a causa della tua intolleranza
verso la conoscenza
non hai potuto approfondire
cosa significhi la phronesis per la vita dell'uomo.
Presunzione di saccenza, visto che ho imparato in PRATICA
l'uso della saggezza del vivere, senza provocare gli altri..
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
Cosi', dai miei genitori e dai loro parenti, ho acquisito
gli insegnamenti necessari a saper sopravvivere, comunque e nonostante
tutto,
senza dovermi piegare a nessun Ordine Superiore, di qualsiasi genere esso
sia.
E mi chiedo ancora cosa c'entra ciò
con quello di cui si discute.
C'entra, c'entra, basta osservare con attenzione.
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
.So fare anche altre moltissime cose,
molte delle quali non interessano affatto,
un gruppo in cui si dovrebbe parlare di religione.
Meno male che hai anche il rispetto e il gusto
di capire cos'è un ng.
Ho detto si dovrebbe, perche' gli abituali frequentatori
di questo metaluogo sono altrove,
occupati in ben altre vicende..
Gli utenti rimasti, sono l'ombra del ricordo , di quanto e come si
discuteva in queste pagine...





( di questa dovremmo
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
parlarne
assieme alla storia del periodo trascorso che ho trascorso in coma),
ma non e' con Lei che ho intenzione di condividere, Lei E' il NEMICO,
Ahhh, questo è il risultato delle tue esperienze?
Ragionare in termini di nemico/amico?
Ma come non si può non pensare al nazista Schmitt?
E poi vuoi relazionare questo tuo risultato
con l'aver "incontrato" le religioni?
Da come parli, da estremista antidemocratico,
intollerante e seguace della violenza civile,
non vedo cosa si possa aver da condividere.
Certamente si. Casa mia e' piccolaa e ci entra solo chi dico io.
Chi vuole entrarci per forza, corre gran brutti rischi..
Se colpiscono la mia guancia io non li perdono,
se posso li uccido o muoio nel tentativo,
questo ho imparato dalla vita.

Stranamente, per un gioco di specchi, mi sento di valutarLa
allo stesso modo, un estremista talebano ed antidemocratico,
per quel che puo' valere la parola, visto che la democrazia e'
un concetto irrealizzabile in questo mondo.
(o forse considera il regime in cui viviamo una democrazia????)
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
quindi, non solo non posso condividere nulla, ma neanche posso permettere
che il
MIO contesto, sia solo sfiorato da una persona come Lei.
Non ci penso nemmeno,
inoltre visto che mostri solo esternazioni animalesche,
con una violenza senza un briciolo di argomento razionale,
non vedo proprio come possa accadere.
Argomenti "razionali" non li trovo nel Suo dire,
dogmatico, stantio e supponente, oltre che insultante.
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
In pratica, nonostante i reiterati, quanto inutili,
tentativi dei miei presunti maestri di scuola,
sono diventato un uomo.
Immaturo,
se questo intervento è frutto della tua intelligenza.
Gioiosa creatura, se io sono immaturo, e' in suo paragone,
perche' da cadavere, non puo' capire le ragioni dei vivi
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
Soprassiedo alla descrizione della impari lotta sostenuta, ma posso,
con orgoglio, dire che nulla di loro e' entrato nel mio cerchio.
Ora, ipotizzare che Lei possa esprimere un qualsiasi giudizio, parere
o qualsivoglia censura, sul mio pensare e sul mio vivere, e' per me fonte di
disgusto.
Sei in grado di argomentare, di fornire giustificazioni
invece di blaterare con un sensismo bieco e irrazionale?
Torno a chiederti, ma sai cos'è la phronesis?
La paura di vivere, dal mio punto di vista.
Vecchio concetto, quanto il tomo aristotelico da cui e' tratto....
Post by Aanselm
Prima di criticarla dovresti sapere di cosa si sta parlando.
Le tue storie personali non vedo che interesse possono avere.
VITA, non so se comprende il concetto, ma si tratta di VITA.
Vissuta, inoltre, non raccontata.
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
Lei vive in un mondo morto, anzi , morto da tanto tempo
che non e' neanche piu' morto.
Il suo arcaico, presunto, " umanesimo" ha insanguinato il pianeta, in nome
di
leggi volute da uomini perversi, in tempi oscuri e per motivi abietti.
A me risulta che barbari e trogloditi
oscurano la civiltà umana.
A me risulta,
e basta avere la decenza di studiare
la storia delle civiltà,
che sono l'ignoranza e la violenza
le fonti su cui si basano le società chiuse
e tiranniche.
Vogliamo parlare delle teocrazie?
Post by Aanselm
Il totalitarismo del XX secolo è un esempio chiarissimi
ùper chi non ha paraocchi
quanto siano terribili le politiche prive di phronesis.
Senza cultura non si ha l'intelligenza di capire
l'utilità delle buone leggi che regolano il pacifico vivere
degli uomini giusti.
Si vis pacem , para bellum, Si e' mai trovato a visitare la Svizzera,
o Singapore , o l'Australia?
Il pacifico vivere degli uomini giusti avviene sotto
la tutela di un poderoso e capillarmente diffuso apparato militare.
Il diritto di ogni cittadino elvetico a detenere la propria dotazione
militare,
munizioni ed esplosivi compresi, non comporta davvero un aumento della
criminalita', ed il sapere cche ogni galleria nasconde sia il cannone per
difenderla, che la carica per farla esplodere, rende il cittadino
consapevole di diritti e doveri, in maniera ben piu' completa,
di come avviene in una repubblica delle banane,
come quella in cui ci troviamo,
provvisoriamente, a vivere.
Post by Aanselm
Ma i rozzi ignoranti preferiscono
la violenza alla pace.
Non Ha la capacita' di comprendere la differenza, che intercorre
tra una pace conquistata ed una imposta.
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
Lei, e tutti i Suoi simili, non vi accorgete di trascorrere una vita
biologica
totalmente disconnessa dai sensi del corpo umano, trascorrento i trentamila
giorni
di vita fisiologica in una prigione di carne , di cui patite tutti i dolori
e
non percepite nessuno dei piaceri, possibili od ipotizzabili con i sensi .
Il tutto nell'illusione di un ipotetico, remotissimo futuro di gloria ed
annichilazione.
Non solo patetico, e' proprio un insulto alla Vita.
Ma cosa c'entrano queste lamentele?
Mi sembra un pastrocchio di luoghi comuni
privo di ogni razionalità.
Colpito nel vivo??? Possibile che nell'augusta carcassa
ci siano ancora delle larve viventi?
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
sappiamo che Voi morti,
non condividete con noi il nostro mondo.
Ormai stai delirando
e non ti accorgi nemmeno le capre che insultano
e che hanno comportamenti incivili,
ma, certo, tu vivi fuori dalla civiltà,
Defisca il termine " civilta' ". Non e' un concetto che appartiene alla
Sua specie, anzi, i Suoi simili ne hanno fatto scempio per millenni.
Post by Aanselm
tu sei un primitivo che odia e distingue gli altri
secondo la categoria violenta del nemico.
Nulla di buono si può cavare dalle tue farneticazioni
estremiste e violente.
Bene. Allora ho raggiunto l'obiettivo.

Ave, atque vale

Raffaele
Aanselm
2010-05-06 06:34:38 UTC
Permalink
Post by Raffaele Benzi
La paura di vivere, dal mio punto di vista.
Vecchio concetto, quanto il tomo aristotelico da cui e' tratto....
Ecco, questa è una prova che di concetti tu non capisci un tubo,
sai solo rapportare i significati ai sensi,
proprio come fanno i primitivi.
Duemila anni di civiltà sono stati inutili per te.
Per quanto riguarda la "vecchiaia" commetti un altro errore
perché il principio di non contraddizione di Aristotele
è ancora valido e vegeto (uso un termine improprio ma che puoi capire).
La validità dell'essere si basa su criteri razionali e non sul tempo.
Non aver compreso questa banale verità
riflette in modo evidente quali siano le tue competenze
per discutere di phronesis.
Post by Raffaele Benzi
VITA, non so se comprende il concetto, ma si tratta di VITA.
Vissuta, inoltre, non raccontata.
Il livello animalesco vede solo attraverso i sensi
ma la saggezza del vivere gli sfugge.
L'interrogarsi per capire
quali siano le forme civili
di convivenza pacifica
non ha nulla a che vedere
con la banalissima osservazione che i cittadini vivono.
Anzi, direi che tale osservazione è fuorviante
se rapportata ai diritti delle generazioni future
verso cui noi abbiamo precisi obblighi etici
che consistono principalmente
nel preservare il pianeta affinché
chi verrà dopo di noi abbia una vita dignitosa.
Molti, invece, pensano solo a vivere oggi
violentando quanto più è possibile l'ambiente circostante,
senza porsi seriamente il problema ecologico.
Non è sufficiente pensare al vivere come tu dici,
bisogna pensare anche a chi verrà dopo di noi
che ancora non vive
e sicuramente non vivrà mai
se non eviteremo al più presto la catastrofe ecologica.
Ma chi resta al livello sensistico
ha gravi carenze per capire le argomentazioni giuste
ed ha difficoltà a trovare soluzioni a questi gravissimi problemi.
Ovviamente è insufficiente anche un'etica formalistica
perché non ha la forza per contrastare
il predominio del paradigma tecno-economico.
Nel tuo piccolo mondo arcaico
ti sarà difficile, non dico comprendere,
ma trovare rimedi efficaci affinché
il pianeta non dissolva le sue ricchezze vitali
in sperperi consumistici dannosissimi per l'intero genere umano.
Post by Raffaele Benzi
Vogliamo parlare delle teocrazie?
Prima dovresti capire la teologia
e che cosa implichi sul piano della phronesis.
Partiamo dal motore immobile aristotelico
visto che hai citato questo vecchio saggio greco.
Post by Raffaele Benzi
Si vis pacem , para bellum, Si e' mai trovato a visitare la Svizzera,
o Singapore , o l'Australia?
Il pacifico vivere degli uomini giusti avviene sotto
la tutela di un poderoso e capillarmente diffuso apparato militare.
Il diritto di ogni cittadino elvetico a detenere la propria dotazione
militare,
munizioni ed esplosivi compresi, non comporta davvero un aumento della
criminalita', ed il sapere cche ogni galleria nasconde sia il cannone per
difenderla, che la carica per farla esplodere, rende il cittadino
consapevole di diritti e doveri, in maniera ben piu' completa,
di come avviene in una repubblica delle banane,
come quella in cui ci troviamo,
provvisoriamente, a vivere.
Le realizzazioni pratiche dei diritti civili
hanno una differenza ontologica rispetto i concetti
individuati dalla phronesis.
Un conto è sapere cosa sia la libertà e la pace,
altra cosa è realizzare in concreto una democrazia giusta.
Infatti l'ingiustizia è purtroppo ancora presente in tutti gli Stati moderni,
la lotta per il potere politico è ancora basata sulla forza
e spesso sulla violenza. C'è ancora molto da migliorare,
ma disconoscere i valori della phronesis peggiora la situazione.
Senza la conoscenza di un criterio razionale
che guidi la vita pratica,
e basandosi solo sul sensismo,
il peggioramento della situazione attuale è garantito.
Quindi riassumendo,
tu sostieni un ritorno alla vita arcaica
con un maggior contatto con la natura
dove la lotta selvaggia contro il nemico
arriva fino all'omicidio,
io propongo un continuo miglioramento
della tradizione occidentale basata sulla phronesis
che ha già determinato
la carta dei diritti universali dell'uomo
sottoscritta da tutti gli Stati moderni democratici
ma ciò non è ancora sufficiente per risolvere
i gravissimi problemi della nostra civiltà.
--
A
Gigio
2010-05-06 07:26:02 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
La paura di vivere, dal mio punto di vista.
Vecchio concetto, quanto il tomo aristotelico da cui e' tratto....
Ecco, questa è una prova che di concetti tu non capisci un tubo,
sai solo rapportare i significati ai sensi,
proprio come fanno i primitivi.
Duemila anni di civiltà sono stati inutili per te.
Per quanto riguarda la "vecchiaia" commetti un altro errore
perché il principio di non contraddizione di Aristotele
è ancora valido e vegeto (uso un termine improprio ma che puoi capire).
La validità dell'essere si basa su criteri razionali e non sul tempo.
Non aver compreso questa banale verità
riflette in modo evidente quali siano le tue competenze
per discutere di phronesis.
Post by Raffaele Benzi
VITA, non so se comprende il concetto, ma si tratta di VITA.
Vissuta, inoltre, non raccontata.
Il livello animalesco vede solo attraverso i sensi
ma la saggezza del vivere gli sfugge.
L'interrogarsi per capire
quali siano le forme civili
di convivenza pacifica
non ha nulla a che vedere
con la banalissima osservazione che i cittadini vivono.
Anzi, direi che tale osservazione è fuorviante
se rapportata ai diritti delle generazioni future
verso cui noi abbiamo precisi obblighi etici
che consistono principalmente
nel preservare il pianeta affinché
chi verrà dopo di noi abbia una vita dignitosa.
Molti, invece, pensano solo a vivere oggi
violentando quanto più è possibile l'ambiente circostante,
senza porsi seriamente il problema ecologico.
Non è sufficiente pensare al vivere come tu dici,
bisogna pensare anche a chi verrà dopo di noi
che ancora non vive
e sicuramente non vivrà mai
se non eviteremo al più presto la catastrofe ecologica.
Ma chi resta al livello sensistico
ha gravi carenze per capire le argomentazioni giuste
ed ha difficoltà a trovare soluzioni a questi gravissimi problemi.
Ovviamente è insufficiente anche un'etica formalistica
perché non ha la forza per contrastare
il predominio del paradigma tecno-economico.
Nel tuo piccolo mondo arcaico
ti sarà difficile, non dico comprendere,
ma trovare rimedi efficaci affinché
il pianeta non dissolva le sue ricchezze vitali
in sperperi consumistici dannosissimi per l'intero genere umano.
Post by Raffaele Benzi
Vogliamo parlare delle teocrazie?
Prima dovresti capire la teologia
e che cosa implichi sul piano della phronesis.
Partiamo dal motore immobile aristotelico
visto che hai citato questo vecchio saggio greco.
Post by Raffaele Benzi
Si vis pacem , para bellum, Si e' mai trovato a visitare la Svizzera,
o Singapore , o l'Australia?
Il pacifico vivere degli uomini giusti avviene sotto
la tutela di un poderoso e capillarmente diffuso apparato militare.
Il diritto di ogni cittadino elvetico a detenere la propria dotazione
militare,
munizioni ed esplosivi compresi, non comporta davvero un aumento della
criminalita', ed il sapere cche ogni galleria nasconde sia il cannone per
difenderla, che la carica per farla esplodere, rende il cittadino
 consapevole di diritti e doveri, in maniera ben piu' completa,
di come avviene in una repubblica delle banane,
 come  quella in cui ci troviamo,
provvisoriamente, a vivere.
Le realizzazioni pratiche dei diritti civili
hanno una differenza ontologica rispetto i concetti
individuati dalla phronesis.
Un conto è sapere cosa sia la libertà e la pace,
altra cosa è realizzare in concreto una democrazia giusta.
Infatti l'ingiustizia è purtroppo ancora presente in tutti gli Stati moderni,
la lotta per il potere politico è ancora basata sulla forza
e spesso sulla violenza. C'è ancora molto da migliorare,
ma disconoscere i valori della phronesis peggiora la situazione.
Senza la conoscenza di un criterio razionale
che guidi la vita pratica,
e basandosi solo sul sensismo,
il peggioramento della situazione attuale è garantito.
Quindi riassumendo,
tu sostieni un ritorno alla vita arcaica
con un maggior contatto con la natura
dove la lotta selvaggia contro il nemico
arriva fino all'omicidio,
io propongo un continuo miglioramento
della tradizione occidentale basata sulla phronesis
che ha già determinato
la carta dei diritti universali dell'uomo
sottoscritta da tutti gli Stati moderni democratici
ma ciò non è ancora sufficiente per risolvere
i gravissimi problemi della nostra civiltà.
--
A
Domanda: ma uno che scrive cosi' puo' essere un emerito imbecille?
Risposta: si' certo! Perche' no?
Gigio c'e'
Raffaele Benzi
2010-05-06 12:04:36 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Post by Raffaele Benzi
La paura di vivere, dal mio punto di vista.
Vecchio concetto, quanto il tomo aristotelico da cui e' tratto....
Ecco, questa è una prova che di concetti tu non capisci un tubo,
sai solo rapportare i significati ai sensi,
proprio come fanno i primitivi.
Duemila anni di civiltà sono stati inutili per te.
Per quanto riguarda la "vecchiaia" commetti un altro errore
perché il principio di non contraddizione di Aristotele
è ancora valido e vegeto (uso un termine improprio ma che puoi capire).
La validità dell'essere si basa su criteri razionali e non sul tempo.
Non aver compreso questa banale verità
riflette in modo evidente quali siano le tue competenze
per discutere di phronesis.
Post by Raffaele Benzi
VITA, non so se comprende il concetto, ma si tratta di VITA.
Vissuta, inoltre, non raccontata.
Il livello animalesco vede solo attraverso i sensi
ma la saggezza del vivere gli sfugge.
L'interrogarsi per capire
quali siano le forme civili
di convivenza pacifica
non ha nulla a che vedere
con la banalissima osservazione che i cittadini vivono.
Anzi, direi che tale osservazione è fuorviante
se rapportata ai diritti delle generazioni future
verso cui noi abbiamo precisi obblighi etici
che consistono principalmente
nel preservare il pianeta affinché
chi verrà dopo di noi abbia una vita dignitosa.
Molti, invece, pensano solo a vivere oggi
violentando quanto più è possibile l'ambiente circostante,
senza porsi seriamente il problema ecologico.
Non è sufficiente pensare al vivere come tu dici,
bisogna pensare anche a chi verrà dopo di noi
che ancora non vive
e sicuramente non vivrà mai
se non eviteremo al più presto la catastrofe ecologica.
Ma chi resta al livello sensistico
ha gravi carenze per capire le argomentazioni giuste
ed ha difficoltà a trovare soluzioni a questi gravissimi problemi.
Ovviamente è insufficiente anche un'etica formalistica
perché non ha la forza per contrastare
il predominio del paradigma tecno-economico.
Nel tuo piccolo mondo arcaico
ti sarà difficile, non dico comprendere,
ma trovare rimedi efficaci affinché
il pianeta non dissolva le sue ricchezze vitali
in sperperi consumistici dannosissimi per l'intero genere umano.
Post by Raffaele Benzi
Vogliamo parlare delle teocrazie?
Prima dovresti capire la teologia
e che cosa implichi sul piano della phronesis.
Partiamo dal motore immobile aristotelico
visto che hai citato questo vecchio saggio greco.
Post by Raffaele Benzi
Si vis pacem , para bellum, Si e' mai trovato a visitare la Svizzera,
o Singapore , o l'Australia?
Il pacifico vivere degli uomini giusti avviene sotto
la tutela di un poderoso e capillarmente diffuso apparato militare.
Il diritto di ogni cittadino elvetico a detenere la propria dotazione
militare,
munizioni ed esplosivi compresi, non comporta davvero un aumento della
criminalita', ed il sapere cche ogni galleria nasconde sia il cannone per
difenderla, che la carica per farla esplodere, rende il cittadino
consapevole di diritti e doveri, in maniera ben piu' completa,
di come avviene in una repubblica delle banane,
come quella in cui ci troviamo,
provvisoriamente, a vivere.
Le realizzazioni pratiche dei diritti civili
hanno una differenza ontologica rispetto i concetti
individuati dalla phronesis.
Un conto è sapere cosa sia la libertà e la pace,
altra cosa è realizzare in concreto una democrazia giusta.
Infatti l'ingiustizia è purtroppo ancora presente in tutti gli Stati moderni,
la lotta per il potere politico è ancora basata sulla forza
e spesso sulla violenza. C'è ancora molto da migliorare,
ma disconoscere i valori della phronesis peggiora la situazione.
Senza la conoscenza di un criterio razionale
che guidi la vita pratica,
e basandosi solo sul sensismo,
il peggioramento della situazione attuale è garantito.
Quindi riassumendo,
tu sostieni un ritorno alla vita arcaica
con un maggior contatto con la natura
dove la lotta selvaggia contro il nemico
arriva fino all'omicidio,
io propongo un continuo miglioramento
della tradizione occidentale basata sulla phronesis
che ha già determinato
la carta dei diritti universali dell'uomo
sottoscritta da tutti gli Stati moderni democratici
ma ciò non è ancora sufficiente per risolvere
i gravissimi problemi della nostra civiltà.
--
A
Domanda: ma uno che scrive cosi' puo' essere un emerito imbecille?
Risposta: si' certo! Perche' no?
Gigio c'e'

Due ipotesi:
1) Ha il calendario fermo ad un tempo precedente la comparsa del
cristianesimo.
2) Si illude che in un mondo senza regole, si possa ,
miracolosamente, creare una qualche oasi di regole ideali.
Magari senza l'uso di armi nucleari.

Pero' e' pericoloso. Farebbe qualsiasi cosa per imporre le SUE regole,
che tragicamente coincidono con le peggiori di nostra matrigna chiesa.

Meglio un po' di caos medioevale, per arrivare ad un ipotetico,
quanto improbabile, nuovo rinascimento.
Le nuove regole , imposte dal contesto, saranno qualcosa di mai conosciuto
prima.

Raffaele
U***@ukar.net
2010-05-06 12:28:55 UTC
Permalink
On Thu, 6 May 2010 14:04:36 +0200, "Raffaele Benzi"
Post by Gigio
Domanda: ma uno che scrive cosi' puo' essere un emerito imbecille?
Risposta: si' certo! Perche' no?
Gigio c'e'
1) Ha il calendario fermo ad un tempo precedente la comparsa del
cristianesimo.
2) Si illude che in un mondo senza regole, si possa ,
miracolosamente, creare una qualche oasi di regole ideali.
Magari senza l'uso di armi nucleari.
Pero' e' pericoloso. Farebbe qualsiasi cosa per imporre le SUE regole,
che tragicamente coincidono con le peggiori di nostra matrigna chiesa.
Meglio un po' di caos medioevale, per arrivare ad un ipotetico,
quanto improbabile, nuovo rinascimento.
Le nuove regole , imposte dal contesto, saranno qualcosa di mai conosciuto
prima.
Raffaele
Aanselm non è pericoloso.
E' un pover uomo, confinato in un comune di meno di 2.000 abitanti
net taburnese irpino.
Questo la dice tutta.
Tu Raffaele vivi a Roma, che non sarà più il caput mundi, ma sempre
una metropoli rimane, io vivo vicino ad una città toscana viva, meta
del turismo internazionale.
Prima di oggi ho trascorso la mia vita in varie città la più piccola
delle quali superava i 200.000 abitanti.
Se anch'io fossi stato costretto a vivere arroccato in un comune del
"profondo sud" (e nei piccoli comuni il "profondo sud" esiste ancora
oggi) probabilmente sarei un sosia, magari meno moralista, di Aanselm.
Non potendo soddisfare le mie smanie erotiche come invece l'habitat in
cui ho vissuto mi ha sempre concesso, anch'io esopicamente (nondum
matura est) avrei disprezzato la libidine, la libertinità.
Anch'io se la prospettiva di vita, dopo la pensione, fosse stata come
quella del povero Aanselm, avrei cercato rifugio in etiche, morali e
soprannaturalità che, in qualche modo, potessero compensarmi e dare
uno scopo alla mia grigia previsione di futuro immanente.
Non essere pertanto crudele.
Oltre al patrimonio genetico, anche l'ambiente contribuisce molto nel
determinare l'orientamento mentale di una persona.
Pertanto per Aanselm ICF od ICR rappresentano una valvola di sfogo
virtuale, ma indispensabile per sopportare la realtà.
Si, talvoltà è un po' didascalico, quasi professorale, nelle sue
esposizioni, troppo perentorio nelle sue affermazioni, ma le abitudini
di una vita non sono facili da perdere.
Pertanto personalmente, anche se le nostre visioni esistenziali sono
agli antipodi, non lo ritengo affatto né pericoloso, né dissennato.
IMO naturalmente!
Ukar
Aanselm
2010-05-06 13:22:27 UTC
Permalink
Post by U***@ukar.net
Aanselm non è pericoloso.
E' un pover uomo, confinato in un comune di meno di 2.000 abitanti
net taburnese irpino.
Ma che cavolo di fesserie dici,
e tu saresti quello che parla di oggettività?
--
A
Raffaele Benzi
2010-05-06 20:52:27 UTC
Permalink
Post by U***@ukar.net
On Thu, 6 May 2010 14:04:36 +0200, "Raffaele Benzi"
Post by Raffaele Benzi
Pero' e' pericoloso. Farebbe qualsiasi cosa per imporre le SUE regole,
che tragicamente coincidono con le peggiori di nostra matrigna chiesa.
Meglio un po' di caos medioevale, per arrivare ad un ipotetico,
quanto improbabile, nuovo rinascimento.
Le nuove regole , imposte dal contesto, saranno qualcosa di mai conosciuto
prima.
Raffaele
Aanselm non è pericoloso.
E' un pover uomo, confinato in un comune di meno di 2.000 abitanti
net taburnese irpino.
Questo la dice tutta.
Conoscendo la zona , i suoi abitanti attuali ed i loro genitori,
la considero un'aggravante.
Ricordo il padre del sindaco di un paese della zona ,
proclamare pubblicamente che gli omosessuali devono
essere presi a calci in culo sulla pubblica via, suscitando il
pavloviano consenso di figli e nuore, dimenticando che i figli,
quando erano lontano dalla famiglia, magari qui in citta',
erano rinomati frequentatori di bordelli di lusso,
( con spese a carico del cittadino...) accorti mantenutori di
costosissime amanti, frequentatori di locali di non candida reputazione.
Questa dicotomia morale, ubiquitaria nelle tre regioni che
costituiscono il piede dell'italico stivale, ( a proposito, sapete perche'
l'itaglia
ha la forma di uno stivale da moschettiere?
Perche' in una scarpa tanta merda non c'entrava...)
rende le esternazioni dei pover'uomini che non hanno
trovato il coraggio di fuggire da cola', non solo orrifiche nel suono ,
ma deprecabili nel contenuto.
Post by U***@ukar.net
Tu Raffaele vivi a Roma, che non sarà più il caput mundi, ma sempre
una metropoli rimane, io vivo vicino ad una città toscana viva, meta
del turismo internazionale.
Prima di oggi ho trascorso la mia vita in varie città la più piccola
delle quali superava i 200.000 abitanti.
Direi che un pochino meglio di qui riesci a cavartela, questo non e' piu' il
caput di niente ,
se non caput latrones...
Post by U***@ukar.net
Se anch'io fossi stato costretto a vivere arroccato in un comune del
"profondo sud" (e nei piccoli comuni il "profondo sud" esiste ancora
oggi) probabilmente sarei un sosia, magari meno moralista, di Aanselm.
In quello sta il suo pericolo, nella banalita' dell'orrore quotidiano del
vivere represso.
Nel tentativo di considerare preferibile QUELLA condizione, al punto da
auspicarla
univoca ed universale, indiscutibilmente dogmatica.
Post by U***@ukar.net
Non potendo soddisfare le mie smanie erotiche come invece l'habitat in
cui ho vissuto mi ha sempre concesso, anch'io esopicamente (nondum
matura est) avrei disprezzato la libidine, la libertinità.
Anch'io se la prospettiva di vita, dopo la pensione, fosse stata come
quella del povero Aanselm, avrei cercato rifugio in etiche, morali e
soprannaturalità che, in qualche modo, potessero compensarmi e dare
uno scopo alla mia grigia previsione di futuro immanente.
Come Grande Grigio del Settimo Cerchio, ti vedo bene , con sacri fica le
altare ad altezza bacino...
Post by U***@ukar.net
Non essere pertanto crudele.
Non lo sono quasi mai, per entita' del genere auspico la scomparsa
subitanea, magari aiutata da una neurotossina efficace....al suo posto
la considererei una liberazione, se davvero vive sugli altipiani
lucani.
Post by U***@ukar.net
Oltre al patrimonio genetico, anche l'ambiente contribuisce molto nel
determinare l'orientamento mentale di una persona.
Pertanto per Aanselm ICF od ICR rappresentano una valvola di sfogo
virtuale, ma indispensabile per sopportare la realtà.
IMHO, la cura migliore, sarebbe una escort da 12.000 euro a settimana,
regalatagli per sei mesi....
Post by U***@ukar.net
Si, talvoltà è un po' didascalico, quasi professorale, nelle sue
esposizioni, troppo perentorio nelle sue affermazioni, ma le abitudini
di una vita non sono facili da perdere.
He, tutti i feldmarescialli e tutti i cardinali hanno la stessa prerogativa:
la perentorieta'. Che nasconde solo paura.
Post by U***@ukar.net
Pertanto personalmente, anche se le nostre visioni esistenziali sono
agli antipodi, non lo ritengo affatto né pericoloso, né dissennato.
IMO naturalmente!
Guarda, a me personalmente, ha ricordato un maestro delle elementari,
un mesto personaggio, triste e rattristante, incapace di coinvolgere i suoi
discepoli
nella sete della Conoscenza.
E cio' ha fatto scattare la molla della mia reazione.

Se pensi che la pietas debba essere applicata, per motivi umanitari,
torno al mio Falerno, ed alle tettute coppiere...:-)))))

Raffaele
Post by U***@ukar.net
Ukar
Aanselm
2010-05-06 13:22:28 UTC
Permalink
Post by Raffaele Benzi
1) Ha il calendario fermo ad un tempo precedente la comparsa del
cristianesimo.
2) Si illude che in un mondo senza regole, si possa ,
miracolosamente, creare una qualche oasi di regole ideali.
Magari senza l'uso di armi nucleari.
Possibile che non capisci proprio nulla di cultura,
di valori civili e quindi di phronesis?
Hai proprio bisogno di stare con gli idioti come il topogigio.
Post by Raffaele Benzi
Pero' e' pericoloso. i
Ecco che rispuntano le tue categorie violente
che solo tu hai appreso
con le tue "esperienze" da uommo primitivo.
Post by Raffaele Benzi
Farebbe qualsiasi cosa per imporre le SUE regole,
Lo vedi che non hai capito un tubo
e che ragioni solo con termini violenti?
Te ne rendi conto?
Basta analizzare le parole che usi, non è difficile.
--
A
Aanselm
2010-05-06 13:09:57 UTC
Permalink
Post by Gigio
Domanda: ma uno che scrive cosi' puo' essere un emerito imbecille?
Invece di continuare a fare l'idiota
pensa a quando chiederai scusa per gli insulti gratuiti
di cui sei pienamente responsabile.
--
A
Mimmo
2010-05-05 14:25:04 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Post by Karman
Possibile che siano "possibili" tali catastrofi?
Possibili, accadute e imminenti.
Post by Karman
E che non esista nulla per
arginarle quando sono accadute? Magari un super solvente.. che in pochi
istanti renda ancora "vivibili" i mari, le piu' grandi risorse della vita?Ed
allora mi chiedo:Uomo chi sei tu perche' Dio se ne ricordi?????
Qui rilevo una sottile fiducia nella scienza,
soprattutto dopo che essa stessa determnina immani catastrofi.
Credo che l'uomo debba recuperare i valori etici e morali
Post by Aanselm
contro quelli scientisti, materialisti ed economici
se vuole davvero evitare altre catastrofi.
Certo, caro Aanselm.
mai avuto fiducia nella scienza ..che uccide..altre vite..ma solo in quella
che le salva.Mai avuto fiducia in unfarmaco, quando leggo (Fui appassionato
di medicina..) nel "bugiardino" che una tavor..che dovrebbe aiutarti a
dormire(ed e considerata una delle benzodiazepine piu innocue..)..ha
centomila controindicazioni!
ma a proposito di valori etici( che condivido in toto)..purtroppo ognuno di
noi ha i propri "tempi".
Una volta pescavo in apnea ,col fucile..( o con la canna, dal molo..)
ora per me e un delitto sopprimere anche la vita di un vermetto.
ieri , che un amico mi porto' delle bietole,ne vidi uno, fuori dal suo
abitat..che..esplorava la mia tazza del te'.!
Con infinita delicatezza lo rimisi su una foglia che posi poi in luogo
adeguato..
Mia moglie uccide le formiche..col baigon..sara una discendente del
Fhurer..??
Ecco perche mi incantano i vulcani...perche'.. di fronte ad essi..
siamo inermi!
E sulla crosta terrestre noi umani siam men che piccoli vermetti delle
bietole...)))
Al cospetto di una galassia poi siamo il niente..!
E la nostra vita e' un lieve battito di ciglia al cospetto di un albero
secolare che magari vive ottocento anni..o piu'.!

Ciao

Mimmo

..
....
Post by Aanselm
Ciao Karman
--
A
Aanselm
2010-05-05 15:59:04 UTC
Permalink
Post by Mimmo
Ecco perche mi incantano i vulcani...perche'.. di fronte ad essi..
siamo inermi!
Messer Karmagma saggie parole profferite,
possa lo cielo risplendere sempre di più sul vostro core.
--
A
Mimmo
2010-05-05 16:41:57 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Post by Mimmo
Ecco perche mi incantano i vulcani...perche'.. di fronte ad essi..
siamo inermi!
Messer Karmagma saggie parole profferite,
Messere karmangma...?? Bello come Nik..))
.
Post by Aanselm
possa lo cielo risplendere sempre di più sul vostro core.
E etiandio sul vostro..,,Messere Anselmo, perche' lo meritate...
Or mi diparto a coccolar la micia...che brama le sue crocche....
"Croccarum sacra Fames"..:((

karmagma..
Post by Aanselm
--
A
Gigio
2010-05-07 08:31:42 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Post by Mimmo
Ecco perche mi incantano i vulcani...perche'.. di fronte ad essi..
siamo inermi!
Messer Karmagma saggie parole profferite,
possa lo cielo risplendere sempre di più sul vostro core.
--
A
SAGGE, si scrive SAGGE (Senza la "i"). Vedi quanto sei ignorante? Vuoi
poetizzare, filosofeggi e poi non conosci la grammatica italiana! Sei
proprio un pisquano! Poveraccio..
Ciao
Gigio c'e'
Aanselm
2010-05-07 10:14:15 UTC
Permalink
Post by Gigio
Post by Aanselm
Messer Karmagma saggie parole profferite,
possa lo cielo risplendere sempre di più sul vostro core.
--
A
SAGGE, si scrive SAGGE (Senza la "i"). Vedi quanto sei ignorante? Vuoi
poetizzare, filosofeggi e poi non conosci la grammatica italiana! Sei
proprio un pisquano! Poveraccio..
Ciao
Gigio c'e'
Innanzitutto non vedi che si scherzava dileggiando,
anche stuzzicando l'interlocutore sul suo terreno,
ma quello che più da' fastidio
è che il fatto veramente grave resta sempre lo stesso:
in un qualsiasi paese civile chi insulta gratuitamente
chiede scusa quando capisce che ha sbagliato,
ma tu evidentemente ritieni di offendere gli altri, centomila persone,
e pensi di non sentire minimamente il bisogno di fare marcia indietro,
continui a far finta di nulla.
Vedi un po' tu, se sei una persona seria
e degna di una società civile
basata su regole democratiche.
--
A
Gigio
2010-05-07 12:00:09 UTC
Permalink
Gigio:>> Messer Karmagma saggie parole profferite,
Post by Gigio
Post by Aanselm
possa lo cielo risplendere sempre di più sul vostro core.
--
A
SAGGE, si scrive SAGGE (Senza la "i"). Vedi quanto sei ignorante? Vuoi
poetizzare, filosofeggi e poi non conosci la grammatica italiana! Sei
proprio un pisquano! Poveraccio..
Ciao
Gigio c'e'
Innanzitutto non vedi che si scherzava dileggiando,
anche stuzzicando l'interlocutore sul suo terreno,
ma quello che più da' fastidio
in un qualsiasi paese civile chi insulta gratuitamente
chiede scusa quando capisce che ha sbagliato,
ma tu evidentemente ritieni di offendere gli altri, centomila persone,
e pensi di non sentire minimamente il bisogno di fare marcia indietro,
continui a far finta di nulla.
Vedi un po' tu, se sei una persona seria
e degna di una società civile
basata su regole democratiche.
--
A
Io non ho insultato nessuno. Il perche' te lo avevo spiegato in un mio
post. Vattelo a cercare.
Poi se ti fa piacere non vedere e fingere di non capire, non me ne
puo' fregare di meno.
Gigio c'e'
Aanselm
2010-05-07 12:23:25 UTC
Permalink
Post by Gigio
Io non ho insultato nessuno.
Tu hai scritto "centomila pecoroni",
(tra cui ci sono molti miei amici e conoscenti).
Post by Gigio
Il perche' te lo avevo spiegato in un mio
post. Vattelo a cercare.
Niente giustifica un insulto gratuito alla società civile.
Ti avevo anche già scritto
che ripetere frasi (supposte) di altri,
in questo caso gravemente ingiuriose,
è ancora più grave
perché non se ne prende le distanze.
Post by Gigio
Poi se ti fa piacere non vedere e fingere di non capire, non me ne
puo' fregare di meno.
Qui non c'è nulla da vedere o da capire,
il fatto è banalissimo.

Ma vediamo se sei giunto alle giuste conclusioni:
ritiri quella frase, scusandoti,
sì o no?
--
A
Gigio
2010-05-07 14:42:09 UTC
Permalink
Gigio:> Io non ho insultato nessuno.
Tu hai scritto "centomila pecoroni",
(tra cui ci sono molti miei amici e conoscenti).
Post by Gigio
Il perche' te lo avevo spiegato in un mio
post. Vattelo a cercare.
Niente giustifica un insulto gratuito alla società civile.
Ti avevo anche già scritto
che ripetere frasi (supposte) di altri,
in questo caso gravemente ingiuriose,
è ancora più grave
perché non se ne prende le distanze.
Post by Gigio
Poi se ti fa piacere non vedere e fingere di non capire, non me ne
puo' fregare di meno.
Qui non c'è nulla da vedere o da capire,
il fatto è banalissimo.
ritiri quella frase, scusandoti,
sì o no?
--
A
Io non ho insultato nessuno. Il perche' te lo avevo spiegato in un
mio
post. Vattelo a cercare.
Poi se ti fa piacere non vedere e fingere di non capire, non me ne
puo' fregare di meno.
Gigio c'e'
Aanselm
2010-05-07 16:14:22 UTC
Permalink
Post by Gigio
Io non ho insultato nessuno.
Hai scritto o no quella frase?
--
A
Gigio
2010-05-08 02:18:03 UTC
Permalink
Post by Aanselm
Post by Gigio
Io non ho insultato nessuno.
Hai scritto o no quella frase?
--
A
Io non ho insultato nessuno. Il perche' te lo avevo spiegato in un
mio post. Vattelo a cercare.
Lo hai letto? Hai capito?
Poi se ti fa piacere non vedere e fingere di non capire, non me ne
puo' fregare di meno.
Gigio c'e'
Aanselm
2010-05-08 09:49:49 UTC
Permalink
Post by Gigio
Io non ho insultato nessuno.
Continuare a ripetere di essere innocente
non cambia la realtà elementare che sei un bugiardo.
Non sei meglio dei nostri politici
che ripetono in continuazione
quanto siano agnellini innocenti
credendo che il messaggio televisivo
sia una realtà di maggior valore dei fatti.
E' interessante il tuo ostinato tentativo
di depistare le tue responsabilità.
Non fai che confermare l'immagine
dell'inciviltà che dilaga nella società.
Ritieni che si possa farla franca,
che tutto sia permesso. Anche di poter
insultare gratuitamente centomila persone
e poi mostrare indifferenza
e pronunciarsi innocente pubblicamente
davanti a prove schiaccianti e inconfutabili.
Tu non manifesti altro che
la tua ignoranza verso gli obblighi civili
delle tue responsabilità.
A me non importa molto
se tu arrivi a capire di chiedere scusa.
Ma è interessante, invece, analizzare
come siano possibili questi comportamenti così
contrari alle regole elementari del vivere civile.
--
A
Gigio
2010-05-08 10:09:34 UTC
Permalink
Gigio:> Io non ho insultato nessuno.
Continuare a ripetere di essere innocente
non cambia la realtà elementare che sei un bugiardo.
Non sei meglio dei nostri politici
che ripetono in continuazione
quanto siano agnellini innocenti
credendo che il messaggio televisivo
sia una realtà di maggior valore dei fatti.
E' interessante il tuo ostinato tentativo
di depistare le tue responsabilità.
Non fai che confermare l'immagine
dell'inciviltà che dilaga nella società.
Ritieni che si possa farla franca,
che tutto sia permesso. Anche di poter
insultare gratuitamente centomila persone
e poi mostrare indifferenza
e pronunciarsi innocente pubblicamente
davanti a prove schiaccianti e inconfutabili.
Tu non manifesti altro che
la tua ignoranza verso gli obblighi civili
delle tue responsabilità.
A me non importa molto
se tu arrivi a capire di chiedere scusa.
Ma è interessante, invece, analizzare
come siano possibili questi comportamenti così
contrari alle regole elementari del vivere civile.
--
A
Confessa: hai avuto un;infanzia difficile e traumatica, vero?
Sai perche'? Ti soffermi troppo spesso sulle parole anal..isi,
anal..izzare..
Verosimilmente sei stato anal..izzato da bambino ed adesso vuoi di
sfogarti cercando di anal..izzare gli altri..
Perche' non vai da un bravo e serio psic.anal.ista?
Gigio c'e'
Raffaele Benzi
2010-05-08 12:31:19 UTC
Permalink
Gigio:> Io non ho insultato nessuno.
A me non importa molto
se tu arrivi a capire di chiedere scusa.
Ma è interessante, invece, analizzare
come siano possibili questi comportamenti così
contrari alle regole elementari del vivere civile.
--
A
Confessa: hai avuto un;infanzia difficile e traumatica, vero?
Sai perche'? Ti soffermi troppo spesso sulle parole anal..isi,
anal..izzare..
Verosimilmente sei stato anal..izzato da bambino ed adesso vuoi di
sfogarti cercando di anal..izzare gli altri..
Perche' non vai da un bravo e serio psic.anal.ista?
Gigio c'e'


Mo' l'he, che, vorrei capire in cosa sarebbe costituito l'insulto.......

Ma che gli hai chiesto prestazioni orali?


Rafafele

Continua a leggere su narkive:
Loading...