Discussione:
Processo a gesù - repetita juvant
(troppo vecchio per rispondere)
pope
2011-12-29 07:31:05 UTC
Permalink
Un fatto che pochi sanno, è che alla fine della 2a guerra, nel
settembre del 48, dopo 4 mesi dalla fondazione di Israele, venne
istituita La corte suprema di Israele . Subito il Dr. Moshe Zamora
tenne una riunione segreta durante la quale propose la rivisitazione
del processo a Gesù, giusto per togliersi dalla groppa quell'accusa
infamante ''il suo sangue ricada su di noi e sui nostri figli''
Naturalmente tutti si opposero e oggi Israele si guarda bene dal fare
una cosa simile , tuttavia alcuni ''disobbedienti'' cominciarono a
scrivere libri e articoli e ora ne viene fuori una bella storiella.
Eccone una brevissima sintesi.
Si può cominciare ad analizzare la questione partendo da Giov. 18,3
''Giuda dunque, presa la coorte e delle guardie mandate dai capi
sacerdoti e dai Farisei, venne là con lanterne e torce ed armi.''
Ci sono più sciocchezze in queste due righe che in tutto il vangelo di
Giovanni, ma prendiamone in considerazione solo alcune.
Si dice qui che Giuda prese la ''coorte'' - Stando alla storia romana,
dopo l'innovazione di Gaio Mario, una Legione era composta da 10
coorti (di 6 centurie ciscuna) ; il numero di soldati romani
componenti una Legione variava a seconda dei tempi e dei luoghi ma si
può benissimo considerare che date le circostanze la legione presente
in quel momento in Siria (la X Fretensis) avesse almeno 5 o 6000
soldati. Ne consegue che una coorte fosse composta da almeno 500
soldati in armi.
Dunque qui vi sono alcune perplessità. La prima , per arrestare un
singolo uomo che predicava amore, pace e uguaglianza, viene impiegata
una intera coorte di 500 uomini guidati da un tribuno. Va bene che i
romani erano ricchi, ma non scemi, e mandare 500 uomi armati di tutto
punto per arrestarne uno solo, peraltro su informazioni di un
qualsiasi Giuda, è alquanto improbabile e ridicolo. Nondimeno il
Ricciotti ci informa (lui era lì) che a Gerusalemme fosse di stanza in
quel momento solo una coorte, dunque è assai improbabile che fosse
mandata interamente per arrestare un uomo lasciando sguarnita la città.
E che fanno i 500/600 soldati romani? Anzichè portare Gesù da Pilato
da cui evidentemente avevano preso ordine, lo portano inspiegabilmente
nella casa del sommo sacerdote , Anna o Caifa che fosse, le versioni
evengeliche discordano, tanto per cambiare.
Ma ciò ha poca importanza perchè si tratta di un falso clamoroso.
Infatti , oltre l'inspiegabile tappa dal Sommo Sacerdote di cui Pilato
se ne fregava altamente, per far ciò si sarebbe dovuto convocare il
Sinedrio ma come ben spiega l'amico Emilio Salsi, un Sinedrio si
poteva convocare solo col il permesso del legato romano, ma non
risulta che Pilato convocò alcunchè, anzi, stando a Giuseppe Flavio
avrebbe dovuto deporre Caifa così come Albino depose Anano per lostesso
motivo.
Altra perplessità nasce dalla lettura del testo della Mishnah , dove
appare uan regola descritta nel Sanhedrin 43,a : ''prima di una
esecuzione venga lanciato un appello davanti al condannato affinchè
chiunque sia in grado di presentare un'istanza per il condannato possa
farla''. Secondo la predetta regola il tempo necessario tra la
sentenza e la esecuzione della condanna per permettere l'eventuale
istanza, doveva essere di 40 giorni .
Nei vangeli risulta che la crocefissione seguì immediatamente la
sentenza e non risulta che un appello sia stato lanciato ''davanti al
condannato''.

Ma andiamo avanti e vediamo altre incongruenze tratte direttamente
dalla
legge mosaica, ovvero Talmud e Bibbia.
1) Il Sinedrio non può tenere una seduta al domicilio del Sommo
Sacerdote.
La seduta per un processo si deve tenere nella ''Lichkat Hagazit''
(Sala in pietra tagliata) in conformità al Mishnah Middot 5,4;
Sanhedrin 86,b
2)Il processo deve svolgersi di giorno e non ti notte - c.s. 32,a
3) non si giudicano i casi criminali nei giorni di festa
e i giorni di festa per la Pasqua sono 8 (Tosefta Shevuot 4,5)
4) Un uomo non può essere condannato a morte sulla propria
testimonianza (Tosefta Sanhedrin 11,a)
5) non si riconosce un uomo come colpevole se non ci sono almeno 2 o 3
testimoni - Deuter. 17,6 - come si legge invece sui vangeli ci furono
solo falsi testimoni Matteo 26,59 Marco 14,55 ma non nel sinedrio
6) un sinedrio per essere convocato doveva avere l'approvazione del
Procuratore di Roma
Andiamo ancora avanti e leggiamo Matteo 26:
65 Allora il sommo sacerdote si stracciò le vesti dicendo: «Ha
bestemmiato!
Perché abbiamo ancora bisogno di testimoni? Ecco, ora avete udito la
bestemmia; 66 che ve ne pare?». E quelli risposero: «È reo di morte!»
A questo punto il Sinedrio, trattandosi del solo reato di
''bestemmia''
avrebbe potuto condannare a morte Gesù senza andare in cerca di
tribunali romani in conformità a quanto sancito dalla Bibbia
in Numeri 15,30 :''la persona che.........oltraggia il Signore sarà
eliminata dal popolo''
Una conferma di ciò viene dal solito Giuseppe Flavio di cui , a
prescindere dalle precisazioni in merito rese note dal solito buon
Emilio Salsi, leggiamo in Ant. XX, 200 "Anano [.] convocò il sinedrio
a giudizio e vi condusse il fratello di Gesù, detto il Cristo, di nome
Giacomo, e alcuni altri, accusandoli di trasgressione della legge e
condannandoli alla lapidazione"

Oltre ad emettere formalmente la condanna, il Sinedrio avrebbe anche
potuto eseguirla dando luogo alla lapidazione senza chiedere alcuna
autorizzazione ai romani. Checchè nè dica il Ricciotti sulla sua
discutibile ''Vita di Gesù Cristo'' rinnegando persino i suoi testi
sacri, ciò è confermato dai vangeli stessi in almeno 2 episodi, quello
della famosa donnaccia ''chi è senza peccato.........'' e l'altro
,meno famoso, ma pur sempre indicativo in Giov. 10, 31 ''I Giudei
portarono di nuovo delle pietre per lapidarlo''. Se portarono delle
pietre, è ovvio che avrebbero potuto usarle Anche in 2 Cor. 18,25
Paolo testimonia così '' tre volte sono stato battuto
con le verghe, una volta sono stato lapidato,''
Altre prove circa la possibilità dei giudei di lapidare senza
autorizzazione romana, vengono ancora dagli Atti 7,57 nientemeno che
con la lapidazione di Stefano.
Oltre al già citato Ricciotti, si sono altri fedeli che affermano che
ai giudei fosse stata tolta la facoltà di condannare a morte, ma
qualcuno allora spieghi come morirono Anania e Saffira.

Andiamo ancora avanti con Giovanni 18,28 ''Allora condussero Gesù dalla
casa di Caifa nel pretorio. Era l'alba ed essi non vollero entrare nel
pretorio per non contaminarsi e poter mangiare la Pasqua. ''
C'è subito da stabilire che il Praetorium a quel tempo stava a Cesarea
residenza del Prefetto romano. Molti affermano che anche a Gerusalemme
ci fosse un preatorium, chi dice nella torre Antonia e chi nella Casa
di Erode, il fatto che non si sappia esattamente dove fosse fa suppore
che NON vi fosse. Ma tant'è, si attendono fiduciosamente le prove.
Ora, secondo molti studiosi ebraici, non vi è alcuna ragione perchè un
pretorio romano rendesse ''impuri'' a tal punto da non poter mangiare
nella Pasqua , quindi le ragioni di questo fasullo trasferimento
stanno da un'altra parte. Quale ? L'accusa , e l'accusa su cui i 3
sinottici sono concordi è la prima domanda che viene rivolta a Gesù
''sei tu il re dei giudei ?''
E questa è il vero motivo che ha, o meglio che avrebbe, portato il
giudeo davanti a un tribunale romano e quindi alla successiva
crocefissione: l'aver delegittimato la supremazia di Roma. L'accusa
però è rivolta dal popolo, non appaiono testimoni, nè sacerdoti, nè
saggi nè gli scribi, tutta gente necessaria al processo ebraico ma non
a quello romano, Pilato avrebbe potuto crocefiggere chiunque senza
bisogno di processi . Ed è quanto mai ridicolo che da una parte si
dica ''restarono fuori del pretorio'' e dall'altra sia la folla fuori
del pretorio che lancia l'accusa: la folla o era dentro o era fuori,
oppure il buon Pilato se ne andava dentro e fuori a far domande.
Alquanto inverosimile.
E qui arriva un'altra perplessità. Dicono gli accusatori ''Abbiamo
trovato costui che sobillava il nostro popolo a non pagare le tasse''
Ma Gesù non aveva detto ''Date a Cesare quel che è di Cesare ??
Non viene il dubbio che l'episodio sia invece quello di Giuda il
Galileo morto crocefisso a causa della ribellione del censimento ?
In fin dei conti Giuda il Galileo era anche il vero pretendente al
trono di Gerusalemme e quindi il vero ''re dei giudei'', in questo
caso la sovrapposizione dei personaggi e la trasposizione dei fatti
nel tempo sarebbe un deja-vu, una delle solite e molte furbizie dei
falsari
evangelici.
Claudio Bianchini
2011-12-29 12:09:06 UTC
Permalink
Post by pope
Si può cominciare ad analizzare la questione partendo da Giov. 18,3
''Giuda dunque, presa la coorte e delle guardie mandate dai capi sacerdoti
e dai Farisei, venne là con lanterne e torce ed armi.''
Cazzate, Giovanni dice "speira" che in greco può significare anche
manipolo.Infatti la Bibbia CEI 2008 traduce correttamente speria con "gruppo
di soldati", io avrei scritto "manipolo"

http://tinyurl.com/bslhxoj

Giuda dunque vi andò, dopo aver preso un gruppo di soldati e alcune guardie
fornite dai capi dei sacerdoti e dai farisei, con lanterne, fiaccole e armi
Post by pope
E che fanno i 500/600 soldati romani?
Ma dove sta scritto nel passo sopra che Gesù fu arrestato dai romani quando
il testo dice "presa la coorte e delle guardie mandate dai capi sacerdoti e
dai Farisei". E' evidente che il traduttore dal greco al latino ha commesso
una castronata maltraducendo speira con coorte quando invece dal testo si
capisce che quelle erano le forze di guardia agli ordini dei sacerdoti in
quel momento più alcuni rinforzi. Che per caso leggi "coorte romana"? Dove
sta scritto poi nel testo seguente che c'erano romani durante l'arresto?

10 Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori, colpì il servo
del sommo sacerdote e gli tagliò l'orecchio destro.

12 Allora i soldati, con il comandante e le guardie dei Giudei, catturarono
Gesù, lo legarono
Post by pope
Anzichè portare Gesù da Pilato da cui evidentemente avevano preso ordine,
lo portano inspiegabilmente nella casa del sommo sacerdote , Anna o Caifa
Ovvio, perchè furono i "poliziotti" sotto il comando di Caifa ad arrestare
Gesù
Post by pope
''I Giudei portarono di nuovo delle pietre per lapidarlo''. Se portarono
delle pietre, è ovvio che avrebbero potuto usarle Anche in 2 Cor. 18,25
Paolo testimonia così '' tre volte sono stato battuto
con le verghe, una volta sono stato lapidato,''
Orpo!!!!!!! Ecco perchè non hanno lapidato Gesù, c'era il rischio che
sopravvivesse
Post by pope
C'è subito da stabilire che il Praetorium a quel tempo stava a Cesarea
residenza del Prefetto romano
Il Vangelo fu scritto in greco
Post by pope
Molti affermano che anche a Gerusalemme ci fosse un preatorium, chi dice
nella torre Antonia e chi nella Casa di Erode, il fatto che non si sappia
esattamente dove fosse fa suppore che NON vi fosse
Spiega per qual motivo, mi pare una volta di aver letto che non si sa bene
dove si svolse la Battaglia dei Campi Catalaunici, quindi secondo la
stupefacente logica di pope non si è mai verificata

http://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_dei_Campi_Catalaunici

La localizzazione precisa dei Campi Catalaunici non è nota con certezza
assoluta. Lo storico Thomas Hodgkin li colloca nei pressi del villaggio di
Méry-sur-Seine,[1], ma l'opinione comune li colloca nei pressi di
Châlons-en-Champagne. Lo storico goto Giordane, vissuto cent'anni dopo
l'effettivo svolgimento degli eventi alla corte di Bisanzio, colloca la
battaglia nella regione della Maurica, un vasto territorio che va dal fiume
Mosella ad Est al fiume Senna ad Ovest. Una proposta originale per collocare
l'esatto luogo dello scontro, l'ultima grande vittoria dell'Impero Romano
d'Occidente, fu fatta da un autore italiano circa venticinque anni or
sono[2]. In base ad una ricostruzione toponomastica, fra le odierne città di
Suippes, Cuperly, e La Cheppe - esattamente al centro dell'antica regione
della Maurica -, esiste un pianoro, noto col nome di "Ahan Des Diables". Nel
protofrancese, il termine "Ahan" signica "Camposanto", quindi una zona dove
vennero sepolti uomini identificabili a mo' di demoni. Inoltre, tale pianoro
si colloca pressappoco a metà fra l'incrocio della Strada Nazionale 394 (che
va da Reims a Bar-Le-Duc) con la Strada Statale 77 (che va da
Châlons-en-Champagne a Suippes), poco a Nord di un'antica ed importante
strada romana, che portava al confine sul fiume Reno, che costituiva la
linea di demarcazione naturale tra il territorio unno e quello romano.
Post by pope
Ma tant'è, si attendono fiduciosamente le prove
Anch'io vorrei sapere se la battaglia di cui sopra si è mai verificata
Synth Mania
2011-12-29 22:35:04 UTC
Permalink
Post by pope
CUT
Si può cominciare ad analizzare la questione partendo da Giov. 18,3
''Giuda dunque, presa la coorte e delle guardie mandate dai capi
sacerdoti e dai Farisei, venne là con lanterne e torce ed armi.''
Ci sono più sciocchezze in queste due righe che in tutto il vangelo di
Giovanni, ma prendiamone in considerazione solo alcune.
Si dice qui che Giuda prese la ''coorte'' - Stando alla storia romana,
dopo l'innovazione di Gaio Mario, una Legione era composta da 10
coorti (di 6 centurie ciscuna) ; il numero di soldati romani
componenti una Legione variava a seconda dei tempi e dei luoghi ma si
può benissimo considerare che date le circostanze la legione presente
in quel momento in Siria (la X Fretensis) avesse almeno 5 o 6000
soldati. Ne consegue che una coorte fosse composta da almeno 500
soldati in armi.
CUT
Dunque, qualora leggessi da qualche parte: <<...andò a chiamare i
carabinieri della vicina caserma>>, dovrei dedurre che il tizio in
questione si portò dietro tutti i militari che in quel momento si
trovavano nel presidio?!...

Tutto l'intervento mi puzza, non so perché, di... "agronomia"!...

S.M.
pope
2011-12-30 07:35:24 UTC
Permalink
Post by Synth Mania
Post by pope
CUT
Si può cominciare ad analizzare la questione partendo da Giov. 18,3
''Giuda dunque, presa la coorte e delle guardie mandate dai capi
sacerdoti e dai Farisei, venne là con lanterne e torce ed armi.''
Ci sono più sciocchezze in queste due righe che in tutto il vangelo di
Giovanni, ma prendiamone in considerazione solo alcune.
Si dice qui che Giuda prese la ''coorte'' - Stando alla storia romana,
dopo l'innovazione di Gaio Mario, una Legione era composta da 10
coorti (di 6 centurie ciscuna) ; il numero di soldati romani
componenti una Legione variava a seconda dei tempi e dei luoghi ma si
può benissimo considerare che date le circostanze la legione presente
in quel momento in Siria (la X Fretensis) avesse almeno 5 o 6000
soldati. Ne consegue che una coorte fosse composta da almeno 500
soldati in armi.
CUT
Dunque, qualora leggessi da qualche parte: <<...andò a chiamare i
carabinieri della vicina caserma>>, dovrei dedurre che il tizio in
questione si portò dietro tutti i militari che in quel momento si
trovavano nel presidio?!...
Tutto l'intervento mi puzza, non so perché, di... "agronomia"!...
S.M.
purtroppo per te non sono solo gli agronomi ad aver scritto testi
e guardacaso c'è anche la possibilità che uno possa studiare in
autonomia senza la suora che ti legge quel che vuole
peraltro se hai qualocsa da obiettare e soprattutto se sei in grado di
di farlo, aspetto tue notizie
Synth Mania
2011-12-30 09:58:49 UTC
Permalink
Post by pope
Post by Synth Mania
Post by pope
CUT
Si può cominciare ad analizzare la questione partendo da Giov. 18,3
''Giuda dunque, presa la coorte e delle guardie mandate dai capi
sacerdoti e dai Farisei, venne là con lanterne e torce ed armi.''
Ci sono più sciocchezze in queste due righe che in tutto il vangelo di
une.
Post by Synth Mania
Post by pope
Si dice qui che Giuda prese la ''coorte'' - Stando alla storia romana,
dopo l'innovazione di Gaio Mario, una Legione era composta da 10
coorti (di 6 centurie ciscuna) ; il numero di soldati romani
componenti una Legione variava a seconda dei tempi e dei luoghi ma si
può benissimo considerare che date le circostanze la legione presente
in quel momento in Siria (la X Fretensis) avesse almeno 5 o 6000
soldati. Ne consegue che una coorte fosse composta da almeno 500
soldati in armi.
CUT
Dunque, qualora leggessi da qualche parte: <<...andò a chiamare i
carabinieri della vicina caserma>>, dovrei dedurre che il tizio in
questione si portò dietro tutti i militari che in quel momento si
trovavano nel presidio?!...
Tutto l'intervento mi puzza, non so perché, di... "agronomia"!...
S.M.
purtroppo per te non sono solo gli agronomi ad aver scritto testi
e guardacaso c'è anche la possibilità che uno possa studiare in
autonomia senza la suora che ti legge quel che vuole
peraltro se hai qualocsa da obiettare e soprattutto se sei in grado di
di farlo, aspetto tue notizie
Io ho obiettato eccome, tu, piuttosto, hai maldestramente svicolato, per cui
ribadisco il concetto: soltanto degli idioti, leggendo in quel passo
"...presa la coorte...", tradurrebbero "...presa *tutta* la coorte", mentre
persone normodotate, interpreterebbero con un banalissimo "...presi i
soldati della coorte", ovvero "...presi (alcuni) dei soldati romani"...
Esattamente come chi andasse a chiamare "i carabinieri", non tornerebbe
certo indietro con tutti i militari che appartengono a quell'arma...
Spira, in tutto quello che hai proposto, quella demenziale polemica
anticristiana tipica di certi improvvisati "cristologi" che probabilmente
non si sono mai resi conto di aver fatto ridere, con le loro ridicole
elucubrazioni, soltanto i proverbiali polli...

S.M.
pope
2011-12-31 06:20:44 UTC
Permalink
Post by Synth Mania
Post by pope
Post by Synth Mania
Post by pope
CUT
Si può cominciare ad analizzare la questione partendo da Giov. 18,3
''Giuda dunque, presa la coorte e delle guardie mandate dai capi
sacerdoti e dai Farisei, venne là con lanterne e torce ed armi.''
Ci sono più sciocchezze in queste due righe che in tutto il vangelo di
une. Si dice qui che Giuda prese la ''coorte'' - Stando alla storia
romana, dopo l'innovazione di Gaio Mario, una Legione era composta da 10
coorti (di 6 centurie ciscuna) ; il numero di soldati romani
componenti una Legione variava a seconda dei tempi e dei luoghi ma si
può benissimo considerare che date le circostanze la legione presente
in quel momento in Siria (la X Fretensis) avesse almeno 5 o 6000
soldati. Ne consegue che una coorte fosse composta da almeno 500
soldati in armi.
CUT
Dunque, qualora leggessi da qualche parte: <<...andò a chiamare i
carabinieri della vicina caserma>>, dovrei dedurre che il tizio in
questione si portò dietro tutti i militari che in quel momento si
trovavano nel presidio?!...
Tutto l'intervento mi puzza, non so perché, di... "agronomia"!...
S.M.
purtroppo per te non sono solo gli agronomi ad aver scritto testi
e guardacaso c'è anche la possibilità che uno possa studiare in
autonomia senza la suora che ti legge quel che vuole
peraltro se hai qualocsa da obiettare e soprattutto se sei in grado di
di farlo, aspetto tue notizie
Io ho obiettato eccome, tu, piuttosto, hai maldestramente svicolato, per cui
ribadisco il concetto: soltanto degli idioti, leggendo in quel passo
"...presa la coorte...", tradurrebbero "...presa *tutta* la coorte", mentre
persone normodotate, interpreterebbero con un banalissimo "...presi i
soldati della coorte", ovvero "...presi (alcuni) dei soldati romani"...
cretinazzo, hai obiettato un episodio su un post lybngo 1 km

cmq i catto-iddioti sono soliti 'interpretare'' le sacre scritture
perchè a leggerle per quel che contengono diventerebbero atei in 2
minuti
Mimmo
2012-01-01 15:37:10 UTC
Permalink
Post by pope
CUT
Si può cominciare ad analizzare la questione partendo da Giov. 18,3
''Giuda dunque, presa la coorte e delle guardie mandate dai capi
La questione, un dotto intelligente la esamina partendo dall 'inizio.
Chi invece vuol usare a cazzo i vangeli per dire le sue stronzate, faccia
pure, ma vada a ragliare
altrove.Vediamo perche'.
1)Matteo (26, 47) dice: " Stava ancora parlando quando Giuda , uno dei
dodici sopraggiunse;insieme a lui v'era molta folla che munita di spade e
bastoni era stata inviata dai sommi sacerdoti e dagli anziani del popolo "
((Nuovo testamento interlineare Greco-latino-Italiano di Nestle
Aland).Perche' non hai citato Matteo, che non parla di "Coorte"?Vedi che
Matteo smonta la tua trovata del menga?
2) Marco (14, 43-44)):" Nello stesso momento, mentre ancora parlava, giunge
giuda , uno dei dodici e con lui una grande turba con spade e bastoni,
mandata dai capi dei sacerdoti , dagli scribi e dagli anziani"
Perche' non hai citato Marco? Anche qui non si parla di una Coorte!
3) Luca(22-47-48) " Mentre ancora parlava, ecco una turba di gente; li
precedeva quello dei docici che si chiamava giuda."
Dov'e' la Coorte?
I tre sinottici dicon le stesse cose. Tu pero' sei andato a prendere
Giovanni, che parla di "Coorte"
facendoci anche una figura da pirla ,perche' i tre sinottici non si sono mai
sognati di nominarla la Tua Coorte!
Come vedi, prima di ragliare sui vangeli, dovresti almeno leggerteli!.

Karman
.
Post by pope
sacerdoti e dai Farisei, venne là con lanterne e torce ed armi.''
Ci sono più sciocchezze in queste due righe che in tutto il vangelo di
Giovanni, ma prendiamone in considerazione solo alcune.
Si dice qui che Giuda prese la ''coorte'' - Stando alla storia romana,
dopo l'innovazione di Gaio Mario,
MI spiace ma la Coorte fu ideata da Scipione l'africano.
Claudio Bianchini
2012-01-01 16:52:45 UTC
Permalink
Post by Mimmo
I tre sinottici dicon le stesse cose. Tu pero' sei andato a prendere
Giovanni, che parla di "Coorte"
Perchè Giovanni è quello più preciso, se si vuole fare un resoconto
dettagliato occorre prendere sempre Giovanni, infatti il famigerato film di
Gibson, quello che ha schifato chi non capisce una fava, lo si potrebbe
quasi intitolare "La Passione di Cristo secondo il Vangelo di Giovanni". Il
punto è che Giovanni non dice "coorte" ma "speira" che in greco significa
anche "manipolo", infatti poi nel testo seguente non c'è scritto che ci
fossero soldati romani
Mimmo
2012-01-01 18:00:50 UTC
Permalink
Post by Claudio Bianchini
Post by Mimmo
I tre sinottici dicon le stesse cose. Tu pero' sei andato a prendere
Giovanni, che parla di "Coorte"
Perchè Giovanni è quello più preciso, se si vuole fare un resoconto
dettagliato occorre prendere sempre Giovanni, infatti il famigerato film
di Gibson, quello che ha schifato chi non capisce una fava, lo si potrebbe
quasi intitolare "La Passione di Cristo secondo il Vangelo di Giovanni".
Il punto è che Giovanni non dice "coorte" ma "speira" che in greco
significa anche "manipolo", infatti poi nel testo seguente non c'è scritto
che ci fossero soldati romani
Errore.
Se tre testimoni concordano nel citare un episodio, ed il quarto dice cose
diverse, L'esegesi insegna che tre concordanze bastano,( contro una
discordanza).Ora, o i vangeli dicono stronzate, perche' per prelevare Gesu
non ci sarebbe stato bisogno di una Coorte", o non ne dicono.Ma tre
evangelisti su quattro riportano l'episodio concordando pienamente e
rendendolo logico e verosimile!E siamo tre contro uno!
Il testo greco parla di di Speiran, che Il Nestle Aland, nella traduzione
interlineare italiana traduce come "Coorte" ma questo non significa che ci
fosse affatto andata una coorte intera.
"C'e stato un incendio e sono arrivati i pompieri".Tutti? Tutti quelli di
stanza in una citta'?
C'eran dei soldati della coorte romana fra la massa di facinorosi armati di
bastoni? Possibile. Ma Inteso in questo senso, la cosa non mi meraviglia per
niente!
.Ma tre concordanze bastano ed avanzano!.Cosa vogliamo ancora?
.
Claudio Bianchini
2012-01-02 18:54:44 UTC
Permalink
Post by Mimmo
Se tre testimoni concordano nel citare un episodio, ed il quarto dice cose
diverse, L'esegesi insegna che tre concordanze bastano,( contro una
discordanza).Ora, o i vangeli dicono stronzate, perche' per prelevare Gesu
non ci sarebbe stato bisogno di una Coorte", o non ne dicono.Ma tre
evangelisti su quattro riportano l'episodio concordando pienamente e
rendendolo logico e verosimile!E siamo tre contro uno!
I tre sinottici è come se fossero un unico vangelo

Continua a leggere su narkive:
Loading...