Discussione:
QUESTA E' LA VERITA' SU GESU! ammettetelo e basta
(troppo vecchio per rispondere)
T.
2007-06-26 22:15:58 UTC
Permalink
Se hai valide prove della falsificazione dei Vangeli
allora tirale fuori perchè il mondo le vuol sapere,
ma se sono solo teorie e supposizioni le tue
anche se analitiche, ma non prove materiali,
allora la figura che avresti fatto in caso tu avessi
continuato imperterrito....l'hai già fatta!
...e da solo...
Allora, intanto riguardo la possibilità di falsificare o comunque di
dare una percezione falsata dei fatti all'opinione pubblica non è una
bufala ma un dato di fatto, se a meno di 60 anni dalla 2a guerra
mondiale ancora ci sono seri dubbi sul reale svolgimento dei fatti o
se preferisci ancora non si ha una percezione limpida e chiara dei
fatti dell'11 settembre.

Quindi il fatto che secondo te l'autorità nel terzo secolo non poteva
cambiare parti sostanziali della percezione della gente di una
religione è una minkiata a dir poco colossale.

Intanto diciamo subito che riguardo l'interpolazione dei vangeli non è
soltanto una opinione ma ci sono studi piu' che seri che la
riguardano.

Fior fiore di studiosi della lingua hanno evidenziato piu' di una
parte interpolata nelle lettere di Paolo e nell'intero nuovo
testamento.

Ti voglio far riflettere su 3 punti:

1) Il Gesù della religione cattolica o delle religioni cosiddette
cristiane non è il Gesù storico, e su questo possiamo tutti
concordare.

Ci sono tonnellate di studi riguardanti questa discrepanza. Tutto sta
a vedere come tu vuoi interpretare questo dato oggettivo.

Se lo vuoi interpretare da un punto di vista prettamente ateo allora
Gesù probabilmente era solamente un uomo, un fondamentalista
dell'epoca che ha fatto qualche casino nella Giudea ma poi il suo
messaggio non ha lasciato nessun tipo di traccia nella religione
ebraica.

Secondo questa visione secolare la religione cristiana sarebbe stata
quindi costruita successivamente grazie a Paoo di Tarso.

E su questo punto ci sono molti studiosi che concordano che Paolo sia
il reale creatore del Cristianesimo e che il Gesù storico non abbia
nulla a che fare con quello che Paolo dice.

2) Non c'è ad oggi nessun documento storico precedente al terzo secolo
dopo cristo, ovvero posteriore al concilio di nicea.

Tu mi puoi dire che questo dato di fatto non significa niente, ma
potresti anche convenire che è abbastanza curioso che non sia
sopravvissuto nulla del primo secolo dopo cristo se non qualche
piccolo frammento e che tutto venga successivamente alla
officializzazione di costantino della religione cattolica.

3) Sia Paolo sia i cristiani successivi a lui sono stati perseguitati
e giustiziati perchè empi e irreligiosi.

Per i romani l'empio era colui che non rispettava l'autorità (cesare)
e irreligiosi erano coloro che non bruciavano l'incenso nei templi.

Tu mi stai portando un Paolo che nelle lettere dice di rispettare sia
l'autorità statale che religiosa, non ti sembra una clamorosa
contraddizione? Peraltro tutta la rivoluzione del cristianesimo
sarebbe ridotta ad un messaggio di pia tolleranza e comprensione
peraltro piu' che presente negli autori romani dell'epoca (vedi
Seneca)?

Il punto è che dopo due secoli di persecuzioni a Roma il potere
statale e religioso hanno deciso di trasformare questo pensiero
sedizioso che è il cristianesimo in qualcosa di piu' controllabile.

E quindi hanno fuso le credenze già in voga nell'impero con questo
pseudo pensiero che veniva dalla Palestina, trasformando Gesù in una
sorta di semidio, lo hanno fatto coincidere con Mitra e i misteri
mitraici (eucaristia), hanno trasformato il culto della dea madre nel
culto della madre di Gesù e tutte le feste delle miriadi di religioni
professate a Roma sono diventate feste "cristiane".

Non mi dire che non sai che la commovente e mistica tradizione dei
sepolcri esposti nelle chiese il giovedì santo non sia altro che la
versione "cristiana" dei giardini di adone che di cristiano non ha
proprio nulla.

Il punto è che in realtà non bisogna fare l'errore degli studiosi che
buttano tutto cioè che il cristianesimo è stato per questa scaltra
operazione di riciclo operata dall'autorità romana.

Il cristianesimo è un messaggio di libertà profonda per l'uomo che
veniva dichiarato Figlio di Dio e in quanto tale NON SOGGETTO A
NESSUNA AUTORITA' RELIGIOSA O STATALE.

Il cristianesimo portava con sè anche una rivoluzione copernicana nel
concepire la realtà, del visibile e dell'invisibile, apriva l'uomo a
nuove prospettive, verso una crescita interiore e spirituale.

Di questa crescita non vi è quasi traccia nella religione che milioni
di persone professano la domenica in chiesa (come i bravi e pii
cittadini romani di duemila anni fa).

--
La Rivincita del Cristianesimo
http://www.lulu.com/content/943869
Raffaele Benzi
2007-06-27 06:28:06 UTC
Permalink
Post by T.
Allora, intanto riguardo la possibilità di falsificare o comunque di
dare una percezione falsata dei fatti all'opinione pubblica non è una
bufala ma un dato di fatto, se a meno di 60 anni dalla 2a guerra
mondiale ancora ci sono seri dubbi sul reale svolgimento dei fatti o
se preferisci ancora non si ha una percezione limpida e chiara dei
fatti dell'11 settembre.
Non esiste una verita' univoca su tale questione. Non sta nei vangeli, nel
libro del papa o da una qualsiasi altra parte.

L'unica certezza e' che se ipoteticamente esistesse il dio di cui si
parla nell'antico testamento,
da tale padre , non puo' in nessun caso essere uscito un figlio del
genere, sia per il carattere, sia per la manifestazione specifica.

Nella storia umana periodicamente, compaiono delle teofanie, infatti,
quella aggiornata ad oggi solo gli extraterrestri dei raeliani, come
anche logico.


Parlare di figlio di dio e' una bestemmia, non poteva esistere nella
religione madre, ed e' un concetto usato dai creatori delle religione
figlia per assimilare la propria a d altre simili religione
antropomorfiche molto diffuse nel periodo.

Che il soggetto in esame non sia stato di origine divina e' acclarato in
modo univoco, ma per la religione che e comparsa dopo la sua dipartita,
il fatto e' irrilevante.

Chi ha mai visto Iside vagare per il delta del Nilo alla ricerca dei
brandelli del coniuge?

Chi ha mai visto a Delfi gli dei suggerire alla sacerdotessa dei destini
degli uomini?


Nessuno , e senza mistero , non ci sara' mai una religione, senza fede non
ci sara' mai una religione e senza cieca credenza non ci sara' mai una
fede.

Agli uomini , per qualche millennio ancora serve che il meccanismo funzioni
in questo modo, e troveranno tutte le scuse e tutte le scorciatoie
possibili per fare che la cosa resti in questi termini.

Niente ragione, solo fede e cieca credenza.

No fede, no party...contenti loro, contenti tutti.

Ma che la smettessero di evangelizzare improbabili dei, ed incredibili
religioni, altrimenti la fine della religione sara' sempre piu' vicina.
Oggi e' accettabile e possibile cambiare religione , se essa no n soddisfa
i propri principi mentali , quindi, a forza di scambi incrociati, tutti
saranno stati fedeli di tutte le religioni, sempre con il medesimo
risultato: la mia lava piu' bianco, ma solo finche' resta mia, poi non e'
neanche piu' uno smacchiatore di anime od una garanzia per il dopo morte.

Godetevi la vita che dopo non c'e' nulla.....


Raffaele
io speriamo me la cavo
2007-06-27 06:53:41 UTC
Permalink
"Raffaele Benzi" <***@alice.it> ha scritto nel messaggio news:46820378$0$17946$***@reader1.news.tin.it...

[...]
Post by Raffaele Benzi
Ma che la smettessero di evangelizzare improbabili dei, ed incredibili
religioni, altrimenti la fine della religione sara' sempre piu' vicina.
Oggi e' accettabile e possibile cambiare religione , se essa no n
soddisfa i propri principi mentali , quindi, a forza di scambi
incrociati, tutti saranno stati fedeli di tutte le religioni, sempre con
il medesimo risultato: la mia lava piu' bianco, ma solo finche' resta
mia, poi non e' neanche piu' uno smacchiatore di anime od una garanzia
per il dopo morte.
Godetevi la vita che dopo non c'e' nulla.....
Tralasciando tutte le considerazioni sul perchè il tutto è così, questo
è uno dei punti fondamentali.
Perchè uno si dovrebbe prendere la briga di godersi la vita, con tutto
quello che comporta, se non c'è nulla oltre la vita stessa.
Sarebbe un essere prigionieri della vita che in cambio ti dà l'illusione
di sfuggire temporaneamente al nulla!
Dal nulla si nasce e al nulla si tornerebbe!?
Tanto vale non godersi affatto la vita!!

Certo che anche la prospettiva di una vita eterna è terrificante quanto
il nulla, a meno che il tutto non sia una eterna corsa, un movimento, un
continuo cambiamento, forse...

E' proprio il fatto di non sapere che ci inchioda qui a questa vita;
ognuno fa la propria scommessa.


ismlc
L
2007-06-27 09:48:55 UTC
Permalink
Quando morirai, l'universo non esistera' piu' ( per te) quindi, cio' che
assimili da vivo sara' tutto quello che hai a disposizione.
Da cosa deduci ciò?

Pensi forse che sia la materia ad originare un uomo e un uomo il suo
cervello e il suo cervello i tuoi pensieri e i tuoi pensieri la tua
impressione di formularli liberamente?

E se fosse l'inverso?

Cioé che il tuo pensiero fosse in principio

e da lì ora fossi allo stato cosciente, come uno che si sveglia da un
sonno (eppure pensava anche quando dormiva sognando)

e da quella id-ea-azione la materia avesse avuto prima un fiat

poi un' intelligent design

poi una corresponsabilità di cosa farne di questo zoo?

Non è stupid design un cavallo con due teste che ciascuna voglia andare
per conto suo?

Quando bombardiamo la materia "casualmente" con le radiazioni -> cosa ci
dicono le trasformazioni genetiche inconsulte?

Che causalmente non si abbiano deformità nella vita?

C'è da scoprire solo che ruolo vogliamo avere nello zoo!

Possiamo aspettare di morire e non cercare un senso.

Possiamo consentire che il pensiero cerchi la sorgente come l'acqua nel
suo ciclo.

Siamo solo una navicella in un teatro che gioca con noi?

Io ci dedicherei una riflessione del come mai in una complessità quale
quella del grande orologio che è almeno l'universo visibile -> gli unici
stupidi dovremmo essere noi.


: - )


Siamo in un tempo buio che non è illuminato (nella società
dell'informazione) neanche dalla 2° scoperta del fuoco.

(vedi il post "la scoperta del fuoco?" su icr di oggi).

Abbiamo in mano la torcia del nostro futuro e possiamo usarla per dare
luce e calore o darci fuoco, suicidandoci, perché solo le esperienze
estreme sarebbero degne di essere vissute.

Ma l'equilibrio e persino la illuminazione non sono fatti casuali o
incidentali.

Sono frutto di una ricerca e di scelte potenti, volute, vissute,
sperimentate, consolidate, fatte carne della nostra carne e ossa delle
nostre ossa -> fino a far splendere e vibrare la materia/mente/spirito.

Cosa sono capaci di proporci di mass media?

Una crociera sado maso? (Repubblica di ieri)
http://www.repubblica.it/2006/05/gallerie/esteri/sadomaso-nave/sadomaso-nave.html

Di che vogliamo parlare se gli impacchi di sperma sono curativi?


: - )


Insomma spero che tu -come sempre- apprezzerai la mia franchezza.

Faccio questi discorsi perché penso che tu stesso sei in grado di vedere
che una "mistica dell'equilibrio" sia possibile e non sia né facile né
scontata.

Che forse se tu assaggi un vino pregiato -> non curi che la tua bocca
sia in grado di esser pronta a ciò?

Trasporta questo dalla materia alla mente.

Poi dalla mente alla contemplazione mistica.

Poi fammi sapere se ti risulta qualcosa di ciò che cercavo di dirti ..


: - )


Salute e felicità,

L
Raffaele Benzi
2007-06-27 13:11:33 UTC
Permalink
Post by L
Quando morirai, l'universo non esistera' piu' ( per te) quindi, cio' che
assimili da vivo sara' tutto quello che hai a disposizione.
Da cosa deduci ciò?
Cos'altro ti resta a disposizione?

L'altrodove , altroquando di dopo" morto" non riguarda il contesto dei
vivi.
In realta' non sappiamo neanche cosa significhi " morire", salvo la
cessazione di alcune funzioni di un'entita' bioelettrica
contenuta in una biologica, al cessare delel quali inizia la
decomposizione dell'unita' stessa
Post by L
Pensi forse che sia la materia ad originare un uomo e un uomo il suo
cervello e il suo cervello i tuoi pensieri e i tuoi pensieri la tua
impressione di formularli liberamente?
Decisamente non vedo alternative a questa situazione.
Post by L
E se fosse l'inverso?
Cioé che il tuo pensiero fosse in principio
Ma per piacere...
Post by L
e da lì ora fossi allo stato cosciente, come uno che si sveglia da un
sonno (eppure pensava anche quando dormiva sognando)
e da quella id-ea-azione la materia avesse avuto prima un fiat
poi un' intelligent design
poi una corresponsabilità di cosa farne di questo zoo?
Se ci fosse un'intelligenza dietro questo progetto sarebbe una mente
folle. ( Hai presente la citta' e le stelle? ecco, quella...)
Post by L
Non è stupid design un cavallo con due teste che ciascuna voglia andare
per conto suo?
E due siamesi che si vogliano dividere?
Post by L
Quando bombardiamo la materia "casualmente" con le radiazioni -> cosa ci
dicono le trasformazioni genetiche inconsulte?
Che causalmente non si abbiano deformità nella vita?
C'è da scoprire solo che ruolo vogliamo avere nello zoo!
Quello di sempre : cavie da esperimento. Solo che non possiamo leggere
l'esperimento.
Post by L
Possiamo aspettare di morire e non cercare un senso.
Il senso puo' essere proprio quello di vivere...
Post by L
Possiamo consentire che il pensiero cerchi la sorgente come l'acqua nel
suo ciclo.
Siamo solo una navicella in un teatro che gioca con noi?
No, siamo entita' senzienti isolate .
Post by L
Io ci dedicherei una riflessione del come mai in una complessità quale
quella del grande orologio che è almeno l'universo visibile -> gli unici
stupidi dovremmo essere noi.
E perche' no? Significare la parola "stupido" in contesto universale,
non potrebbe essere che e' stupido chi non approfitta dell'opportunita'
di vivere e basta, senza masturbarsi l'anima nella speranza che un dio
qualsiasi l'annichilisca assimilandola?
Post by L
: - )
Siamo in un tempo buio che non è illuminato (nella società
dell'informazione) neanche dalla 2° scoperta del fuoco.
(vedi il post "la scoperta del fuoco?" su icr di oggi).
Abbiamo in mano la torcia del nostro futuro e possiamo usarla per dare
luce e calore o darci fuoco, suicidandoci, perché solo le esperienze
estreme sarebbero degne di essere vissute.
"""...se i fossi foco tutto lo mondo arderei..." proclamava Cecco
Angiolieri nel 1200, non dici nulla di nuovo, il caravanserraglio si
vorrebbe sempre ardere...
Post by L
Ma l'equilibrio e persino la illuminazione non sono fatti casuali o
incidentali.
Sono frutto di una ricerca e di scelte potenti, volute, vissute,
sperimentate, consolidate, fatte carne della nostra carne e ossa delle
nostre ossa -> fino a far splendere e vibrare la materia/mente/spirito.
E se tutta questa presunzione di grandezza nelle scelte della materia
fosse un alibi per nascondere la scimmia che si annida dentro di noi?
Post by L
Cosa sono capaci di proporci di mass media?
Una crociera sado maso? (Repubblica di ieri)
http://www.repubblica.it/2006/05/gallerie/esteri/sadomaso-nave/sadomaso-nave.html
Non condivido il genere, ma crociere di scambisti e navi adibite a prive'
sono cosa all'ordine del giorno, in fondo, la crociera e' solo un alibi
per fare facilmente del sesso poco impegnativo.
Post by L
Di che vogliamo parlare se gli impacchi di sperma sono curativi?
Per l'acne sono un manosanta. Per le pelli secche avvizzite dal sole anche.
Quindi, dai 15 ai 50 anni sono curativi. Dopo sono divertenti.....;-))))
Post by L
: - )
Insomma spero che tu -come sempre- apprezzerai la mia franchezza.
Faccio questi discorsi perché penso che tu stesso sei in grado di vedere
che una "mistica dell'equilibrio" sia possibile e non sia né facile né
scontata.
Per me non e' affatto scontata la mistica in se, posso leggerla come la
Grande Menzogna....
Post by L
Che forse se tu assaggi un vino pregiato -> non curi che la tua bocca
sia in grado di esser pronta a ciò?
Curo di usare il bicchiere adatto ed accompagnarlo con cibi adeguati, in un
ambiente consono e compagnia piacevole, che la mia bocca possa non essere
in grado di discernere tra :
Latricie'res-Chambertin
Mazoye'res-Chambertin
Charmes-Chambertin
Griotte- Chambertin
Chapelle - Chambertin
Mazis - Chambertin
Ruchottes - Chambertin

essendo cru ubicate in frazioni catastali adiacenti, solo persone
specializzate che vinificano quella porzione di territorio possono
definire appieno le differenze avendo davanti sette bicchieri neri...
Ecco, ha senso tentare di fare cio? Altrettanto ne ha fare cio' che fai
tu, in fondo si tratta solo di misurare i polifenoli contenuti in ciascun
bicchiere...( in realta' , la misurazione dei valori rilevabili non e'
sufficiente a classificare i cru, quindi...)
Post by L
Trasporta questo dalla materia alla mente.
Fai il contrario, cioe' prepara la tua mente ad addestrare il tuo corpo,
come diceva il mio sensei..
Post by L
Poi dalla mente alla contemplazione mistica.
Ma non ci penso neanche, io piede in quel terreno non lo pongo. Io mi fido
di Bateson....
Post by L
Poi fammi sapere se ti risulta qualcosa di ciò che cercavo di dirti ..
Mi risulta, ma come mezzo efficacissimo per deumanizzare il corpo umano.


In qualsiasi direzione tu voglia.


Dalla religione al sesso estremo, dal Bushido al serial killer, fino al
diligente carnefice del primo imbianchino che ha voglia di pazziare...


Raffaele
Post by L
: - )
Salute e felicità,
L
L
2007-06-27 15:13:49 UTC
Permalink
Ok!

..proviamo un altro round ..
Post by Raffaele Benzi
Post by L
Quando morirai, l'universo non esistera' piu' ( per te) quindi, cio' che
assimili da vivo sara' tutto quello che hai a disposizione.
Da cosa deduci ciò?
Cos'altro ti resta a disposizione?
L'altrodove , altroquando di dopo" morto" non riguarda il contesto dei
vivi.
In realta' non sappiamo neanche cosa significhi " morire", salvo la
cessazione di alcune funzioni di un'entita' bioelettrica
contenuta in una biologica, al cessare delel quali inizia la
decomposizione dell'unita' stessa
Post by L
Pensi forse che sia la materia ad originare un uomo e un uomo il suo
cervello e il suo cervello i tuoi pensieri e i tuoi pensieri la tua
impressione di formularli liberamente?
Decisamente non vedo alternative a questa situazione.
Quindi tu pensi che tu sei costretto ai tuoi pensieri dalla materia?

.. e come fai -allora- a sentirti libero -> a pensare?
Post by Raffaele Benzi
Post by L
E se fosse l'inverso?
Cioé che il tuo pensiero fosse in principio
Ma per piacere...
Eppure forse ho capito.

Ho capito -forse- cosa intuisci tu.

Anche eventuali fatti inspiegabili sono/sarebbero "proprietà" della
materia!

E'/sarebbe la materia il vero Dio.

L'unico Dio che si fa palpeggiare.

L'unico Dio che risulta.

La lettura del pensiero?

Potenze sconosciute della materia!

Gente che riacquista l'uso delle gambe?

Potenze sconosciute della materia!

In principio vi era la materia, anzi non vi è neanche un principio
perché la materia sarebbe da sempre.

Insomma come una sorta di calderone della strega da cui di volta in
volta appare ciò che ci si mostra.

Un ribbollire da cui vengono pescati ora un fatto, ora un altro.

Poi "tutti giù per terra" ossia di nuovo dentro il pentolone e di nuovo
un ribbollire da cui il prossimo teatro, la prossima burla.

Però non spetta a Dio ciò che è questione nostra.

Il che cosa vogliamo significare è specificatamente questione nostra.

Può essere un batter di ali prima che la fiamma della candela ci uccida
.. il _nostro_ pensiero è questione nostra ..

Il mettersi in ascolto di Dio perché disumanizzi il quotidiano e si
mostri -> io l'ho sempre respinto -> non penso sia un atteggiamento
indotto -> è _tuttora_ una mia scelta.

Cosa sarebbe un tal dio -> figlio di maja?

In me strappa solo il sorriso di compassione in coloro (che sia ben
inteso sono diversi -secondo me- da te)frugano nelle antiche formule per
estrarre potenze di maja.

C'è ben di più da fare nostro che l'apparire.

C'è da far nostro l'ESSERE.

Non serve una nostra personale potenza.

C'è già la potenza di Dio.

Dio(!), Dio(!) .. lo so che lo sentite (forse un po meno tu, rispetto
alla media) come un ente terzo ed estraneo.

Non è però il convitato di pietra, il regolatore di conti, il giudice
per rimettere in pari tramite indurre dolore.

E' tutto ciò che è vivo, quindi -in parte- ancora in me ed in te, in
ciascuno.

Solo che come noi ci portiamo in giro le nostre cellule che muoiono e
poi si rinnovano eppure -sebbene le nostre cellele siano tutte morte-
noi siamo ancora vivi con altre cellule nuove, la materia è la soma, il
peso che pure ha il suo senso.

In realtà io sbaglio quando divido materia/mente/spirito perché non sono
tre mondi separati, ma tre sensibilità diverse e compenetrantesi.

Se io ti togliessi l'emozione e capacità di emozionarti davanti ad un
cibo o ad una donna e ti lasciassi intatti i tuoi sensi per la
percezione non ti mancherebbe qualcosa?

Noi siamo arrampicati come su un fianco di una montagna.

Possiamo decidere di scendere a valle perché sentiamo le nostre forze
che ci abbandonano, oppure possiamo -incoscientemente- arrampicarci fino
alla cima, magari solo perché speriamo in una emozione.
Post by Raffaele Benzi
Post by L
e da lì ora fossi allo stato cosciente, come uno che si sveglia da un
sonno (eppure pensava anche quando dormiva sognando)
e da quella id-ea-azione la materia avesse avuto prima un fiat
poi un' intelligent design
poi una corresponsabilità di cosa farne di questo zoo?
Se ci fosse un'intelligenza dietro questo progetto sarebbe una mente
folle. ( Hai presente la citta' e le stelle? ecco, quella...)
Prova ad avere molto coraggio di guardare anche una scena
raccapricciante.

Ci sei?

Ecco allora puoi intuire che la follia non c'è mai.

C'è sempre un filo che lega un fatto con un altro.

Spesso -come delle Ariennne distratte- preferiamo perdere quel filo.

Non volerlo più vedere né sorreggere, speriamo che ci si possa perdere,
la fine, il riposo.

Ma se quel filo esistesse sempre?

Certo -> un bel casino!

Ma cosa ci potrebbe succedere di peggio che soffrire e soffrendo morire?

Il peggio è un abisso di cui non c'è il fondo.

Persino il suicida può pentirsi nel mentre che cade da un ponte di non
avere sperato che la vita valesse di essere vissuta e sarebbe salvo
anche se muore!

Ma sarebbe vero ciò che pensa o solo un trucco?

Perché c'è gente che poi non muore(!) e rimane nel resto dei suoi giorni
(in un letto di ospedale) a dare testimonianza se _sempre_ si ha diritto
all'emozione e alla speranza.

E' un gioco un po' troppo duro?

Bah .. secondo me .. tanto più abbiamo la sensazione che ci possiamo
poggiare su Dio, tanto più facile sarà la nostra vita.

In fondo -anche così- quasi un limbo in cui le prove -da materiali- si
trasformeranno in mentali e poi mistiche.

Ma che qui stiamo scegliendo qualcosa che ancora non è -> per me è un
fatto reale.

Non è possibile lasciarsi vivere.

Necessita scegliere perché anche NON scegliendo -> avremo scelto.
Post by Raffaele Benzi
Post by L
Non è stupid design un cavallo con due teste che ciascuna voglia andare
per conto suo?
E due siamesi che si vogliano dividere?
Post by L
Quando bombardiamo la materia "casualmente" con le radiazioni -> cosa ci
dicono le trasformazioni genetiche inconsulte?
Che causalmente non si abbiano deformità nella vita?
C'è da scoprire solo che ruolo vogliamo avere nello zoo!
Quello di sempre : cavie da esperimento. Solo che non possiamo leggere
l'esperimento.
Post by L
Possiamo aspettare di morire e non cercare un senso.
Il senso puo' essere proprio quello di vivere...
Ne prendo nota.

Ma -ci scommetterei- con la parola "vita" nel come, perché, fin quando,
..

.. ho il dubbio che intendiamo delle cose diverse ..
Post by Raffaele Benzi
Post by L
Possiamo consentire che il pensiero cerchi la sorgente come l'acqua nel
suo ciclo.
Siamo solo una navicella in un teatro che gioca con noi?
No, siamo entita' senzienti isolate .
In parte ciascuno di noi è un'isola, daccordo.

Ma non abbiamo il diritto a parlare con Wilson (castaway)?

http://66.102.9.104/search?q=cache:QKvt1crlIVYJ:www.filmscoop.it/film_al_cinema/castaway.asp+Tom+Hanks+storia+Cast+Away&hl=it&ct=clnk&cd=2&gl=it&ie=UTF-8
Post by Raffaele Benzi
Post by L
Io ci dedicherei una riflessione del come mai in una complessità quale
quella del grande orologio che è almeno l'universo visibile -> gli unici
stupidi dovremmo essere noi.
E perche' no? Significare la parola "stupido" in contesto universale,
non potrebbe essere che e' stupido chi non approfitta dell'opportunita'
di vivere e basta, senza masturbarsi l'anima nella speranza che un dio
qualsiasi l'annichilisca assimilandola?
Dio non è (solo) di là.

E' già ora.

Non è una litania di rosari, a meno di sentirsi gratificati da ciò.

E' non accontentarsi di spiegazioni superficiali e volere sapere di più
-> in un di più spostato sempre più avanti.

C'è solo un rimedio all'iper attivismo del fare per nascondere la
perdita di un senso di ciò che si fa: dedicare un tempo anche alla
ricerca di un senso, senza illudersi di poterlo classificare tra le
questioni chiuse.
Post by Raffaele Benzi
Post by L
: - )
Siamo in un tempo buio che non è illuminato (nella società
dell'informazione) neanche dalla 2° scoperta del fuoco.
(vedi il post "la scoperta del fuoco?" su icr di oggi).
Abbiamo in mano la torcia del nostro futuro e possiamo usarla per dare
luce e calore o darci fuoco, suicidandoci, perché solo le esperienze
estreme sarebbero degne di essere vissute.
"""...se i fossi foco tutto lo mondo arderei..." proclamava Cecco
Angiolieri nel 1200, non dici nulla di nuovo, il caravanserraglio si
vorrebbe sempre ardere...
Ed infatti non è un problema di risorse, ma di intesioni.

E' una rete in cui tutte le trame e fili sono tessuti e legati.

Ma le reti, si sa, possono avere dei buchi .. un male? .. un bene?

Il buco non è certo un male per il pesce che trova il modo di trvare la
sua libertà ..

: - )

Ed uno spazio espressivo se non ce lo ritagliamo da noi? .. chi ce lo
dovrebbe dare?
Post by Raffaele Benzi
Post by L
Ma l'equilibrio e persino la illuminazione non sono fatti casuali o
incidentali.
Sono frutto di una ricerca e di scelte potenti, volute, vissute,
sperimentate, consolidate, fatte carne della nostra carne e ossa delle
nostre ossa -> fino a far splendere e vibrare la materia/mente/spirito.
E se tutta questa presunzione di grandezza nelle scelte della materia
fosse un alibi per nascondere la scimmia che si annida dentro di noi?
L'atto inconsulto, la scimmia, il diritto alla follia io lo sento
(attorno a me) come se lo potessi tagliare a fette.

E' un diritto rivendicato, lasciato libero persino da Dio, salvo un suo
intervento soggettivo.

E' una cosa quasi automatica quando il dolore supera certi livelli.

E quando parlo di dolore -> non mi riferisco solo al dolore materiale,
ma per esempio anche esistenziale e mistico.

Perché la necessità di uccidere -tra i vicini di casa- anche un bambino
di pochi mesi, ad Erba, la sede di Radio Maria (la mamma -per
eccellenza- che subirebbe lo scacco di non saper guardare i suoi figli)?

Piangeva?

Possibile che sol per il fatto che un bambino pianga -> crei un disturbo
tale da innescare il desiderio e poi la premeditazione e poi l'atto
pianificato di uccidere tutto il vicinato?

Si argomenta:

"Ma quelli erano pazzi!"

Sto cazzo.

: - )

E lì lasciamo cadere miseramente la capacità di tenere il filo di
Arianna che lega i fatti tra loro.

La vicina di casa aveva denunciato perché aveva ricevuto uno schiaffo
dal marito della "piccoletta".

Possibile che alla violenza -la vicina(per bene)- non avesse capito che
non c'è un limite?

Bisognava dargli una lezione!

E subito a portare i panni a lavare e poi l'alibi in pizzeria!

Non stiamo parlando di follia.

La dissociazione mentale, quando scende sotto lo stato coscienziale ->
non è in grado di pianificare.

Dice bene la canzone di Pino Daniele:

++
cit on
++

Se me scappa a nerbatura schiaffo tutti in faccia a o' mure.

I' so' pazzo .. I so' pazzo ..

++
cit off
++

Quindi la scimmia rivendiata come spazio espressivo.

Spazio in cui si possa accusare qualcun altro dei nostri atti.

Perché?

Perché forse non si riescono ad avere rapporti umani?

Perché la casa _deve_ esser pulita e il marito si debba chiamare
O-Lindo?

Uno stato di alienazione desiderata.

In cui il meglio che ci possa accadere è un "Mastro OLindo" che di
mestiere fa lo spazzino.

Che la mondezza deve stare _fuori_ di casa.

Che la malattia e la sofferenza non devono esserci neanche vicini ..

Altrimenti!

Orrore!

La contaminazione!

I terroni .. le persone sporche!

Che altro ci sarebbe?

Non siamo forse solo materia?

Non siamo forse solo ciò che mangiamo?

Perché il Cristianesimo -invece- dice che neanche il veleno ucciderà chi
crede in Cristo?

Vangeli - Marco Mc 16,18
18 prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non
recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno"

Noto è il caso di più santi che -anche avvelenati- non morivano ..




Caro Raffaele .. medicina di Dio .. è l'amore che anche sul cibo
troviamo e in chi lo preparò che ci nutre di gioia ..
Post by Raffaele Benzi
Post by L
Cosa sono capaci di proporci di mass media?
Una crociera sado maso? (Repubblica di ieri)
http://www.repubblica.it/2006/05/gallerie/esteri/sadomaso-nave/sadomaso-nave.html
Non condivido il genere, ma crociere di scambisti e navi adibite a prive'
sono cosa all'ordine del giorno, in fondo, la crociera e' solo un alibi
per fare facilmente del sesso poco impegnativo.
Post by L
Di che vogliamo parlare se gli impacchi di sperma sono curativi?
Per l'acne sono un manosanta. Per le pelli secche avvizzite dal sole anche.
Quindi, dai 15 ai 50 anni sono curativi. Dopo sono divertenti.....;-))))
Post by L
: - )
Insomma spero che tu -come sempre- apprezzerai la mia franchezza.
Faccio questi discorsi perché penso che tu stesso sei in grado di vedere
che una "mistica dell'equilibrio" sia possibile e non sia né facile né
scontata.
Per me non e' affatto scontata la mistica in se, posso leggerla come la
Grande Menzogna....
Ok ok

: - )

Eppure sei anche tu vivo ..

forse qualcosa di quello che ho detto ..
Post by Raffaele Benzi
Post by L
Che forse se tu assaggi un vino pregiato -> non curi che la tua bocca
sia in grado di esser pronta a ciò?
Curo di usare il bicchiere adatto ed accompagnarlo con cibi adeguati, in un
ambiente consono e compagnia piacevole, che la mia bocca possa non essere
Latricie'res-Chambertin
Mazoye'res-Chambertin
Charmes-Chambertin
Griotte- Chambertin
Chapelle - Chambertin
Mazis - Chambertin
Ruchottes - Chambertin
essendo cru ubicate in frazioni catastali adiacenti, solo persone
specializzate che vinificano quella porzione di territorio possono
definire appieno le differenze avendo davanti sette bicchieri neri...
Ecco, ha senso tentare di fare cio? Altrettanto ne ha fare cio' che fai
tu, in fondo si tratta solo di misurare i polifenoli contenuti in ciascun
bicchiere...( in realta' , la misurazione dei valori rilevabili non e'
sufficiente a classificare i cru, quindi...)
insomma una mistica ..

Ma è sufficiente il rito?

Tu sai di no.

Tu sai che serve ben più del rito.

Necessita una cognizione di cosa si sta facendo e perché.
Post by Raffaele Benzi
Post by L
Trasporta questo dalla materia alla mente.
Fai il contrario, cioe' prepara la tua mente ad addestrare il tuo corpo,
come diceva il mio sensei..
Post by L
Poi dalla mente alla contemplazione mistica.
Ma non ci penso neanche, io piede in quel terreno non lo pongo. Io mi fido
di Bateson....
Post by L
Poi fammi sapere se ti risulta qualcosa di ciò che cercavo di dirti ..
Mi risulta, ma come mezzo efficacissimo per deumanizzare il corpo umano.
In qualsiasi direzione tu voglia.
Dalla religione al sesso estremo, dal Bushido al serial killer, fino al
diligente carnefice del primo imbianchino che ha voglia di pazziare...
Raffaele
Grazie dell'occasione,

parlare con te mi da sempre la gioia di profumi che alludono al sublime
..


L
karman
2007-07-05 06:12:50 UTC
Permalink
Post by L
Siamo solo una navicella in un teatro che gioca con noi?
Io ci dedicherei una riflessione del come mai in una complessità quale
quella del grande orologio che è almeno l'universo visibile -> gli unici
stupidi dovremmo essere noi.
Lino..rifletti....!.)) Una volta vidi un tipo che compro' proprio un
orologio-.patacca.da un ambulante..
Lo esamino' ben bene poi lo pose delicatamente per terra,aspettando chissa'
quale evento..!
"Scusi", gli faccio, "ma perche' ha messo l'orologio a terra"?
E Lui assorto..:" Per vedere se.cammina..!
Post by L
: - )
Che forse se tu assaggi un vino pregiato -> non curi che la tua bocca
sia in grado di esser pronta a ciò?
Macche''! Io me lo scolo..(glu glu glu.) come fosse acqua fresca....))) aha
aha aha...

Salute ..cin cin e felicita.))

Mimmus....
Post by L
: - )
Salute e felicità,
L
Bhisma
2007-06-27 10:04:36 UTC
Permalink
On Wed, 27 Jun 2007 06:53:41 GMT, "io speriamo me la cavo"
Post by io speriamo me la cavo
Perchè uno si dovrebbe prendere la briga di godersi la vita, con tutto
quello che comporta, se non c'è nulla oltre la vita stessa.
Sarebbe un essere prigionieri della vita che in cambio ti dà l'illusione
di sfuggire temporaneamente al nulla!
Dal nulla si nasce e al nulla si tornerebbe!?
Tanto vale non godersi affatto la vita!!
Che strano ragionamento :-DDDD


Saluti da Bhisma
--
... e il pensier libero, è la mia fé!
io speriamo me la cavo
2007-06-27 20:37:26 UTC
Permalink
Post by Bhisma
On Wed, 27 Jun 2007 06:53:41 GMT, "io speriamo me la cavo"
Post by io speriamo me la cavo
Perchè uno si dovrebbe prendere la briga di godersi la vita, con tutto
quello che comporta, se non c'è nulla oltre la vita stessa.
Sarebbe un essere prigionieri della vita che in cambio ti dà l'illusione
di sfuggire temporaneamente al nulla!
Dal nulla si nasce e al nulla si tornerebbe!?
Tanto vale non godersi affatto la vita!!
Che strano ragionamento :-DDDD
Saluti da Bhisma
Son contento che ti faccia contento.
;-)

Saluti da ismlc
Post by Bhisma
--
... e il pensier libero, è la mia fé!
Raffaele Benzi
2007-06-27 08:23:10 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
[...]
Post by Raffaele Benzi
Ma che la smettessero di evangelizzare improbabili dei, ed incredibili
religioni, altrimenti la fine della religione sara' sempre piu' vicina.
Oggi e' accettabile e possibile cambiare religione , se essa no n
soddisfa i propri principi mentali , quindi, a forza di scambi
incrociati, tutti saranno stati fedeli di tutte le religioni, sempre
con
il medesimo risultato: la mia lava piu' bianco, ma solo finche' resta
mia, poi non e' neanche piu' uno smacchiatore di anime od una garanzia
per il dopo morte.
Godetevi la vita che dopo non c'e' nulla.....
Tralasciando tutte le considerazioni sul perchè il tutto è così, questo
è uno dei punti fondamentali.
Perchè uno si dovrebbe prendere la briga di godersi la vita, con tutto
quello che comporta, se non c'è nulla oltre la vita stessa.
Perche' hai a dizsposizione un'unita' biologica avanzata, capace di
raccoglire , analizzare ed elaborare tutte le sensazioni che e' capace di
raccogliere. Non avrebbe nessun senso lasciare inutilizzati tutti i
miliardi di recettori sensoriali a disposizione.
Trentamila giorni di funzionalita' mi sembrano un periodo sufficiente
per l'analisi differenziata per tempi , modi e metodi della ricerca
sensoriale.
Post by io speriamo me la cavo
Sarebbe un essere prigionieri della vita che in cambio ti dà l'illusione
di sfuggire temporaneamente al nulla!
Non capisco. Dal nulla alnulla c'e' un periodo in cui puoi analizzare le
sensazioni percepibili con un corpo messo a disposizione gratuitamente.
Ora, che questo corpo sia imperfetto e limitato nella raccolta dei dati
esterni e delle sensazioni, e' palese, ma tra questo ed il lasciarlo
inutilizzato ci passa un baratro.
Cambiare cibi, bevande , tipo di sesso, profumi, stoffe, musica, paesaggi
ed altro e' un dovere personale, non altro, una forma di rispetto per la
massa di sensori biologici a disposizione, non fosse altro per
sperimentarli, e ti dico che piu' li sperimenti, piu' essi si affinano e
diventano precisi ed accurati, mentre se ne lasci qaulcuno inerte, perdi
solo possibili picevolissime sensazioni.
Post by io speriamo me la cavo
Dal nulla si nasce e al nulla si tornerebbe!?
Tanto vale non godersi affatto la vita!!
Allora e' meglio suicidarsi bevendo soda caustica. Il tuo ragionamento
non riesco a seguirlo.
Post by io speriamo me la cavo
Certo che anche la prospettiva di una vita eterna è terrificante quanto
il nulla, a meno che il tutto non sia una eterna corsa, un movimento, un
continuo cambiamento, forse...
Una vita eterna sarebbe la maledizione peggiore che si possa ricevere. La
vita e' un imbuto, piu' si fa lunga , piu' si fa stretta, perche' gia' hai
assaporato molto e meno ti resta da poter fare, sia fisicamente che
mentalmente.
Non puoi accumulare sensazioni per un tempo infinito senza averne
assuefazione, senza stufarti, senza eccedere le reali, limitate
possibilita' biologiche.
Post by io speriamo me la cavo
E' proprio il fatto di non sapere che ci inchioda qui a questa vita;
ognuno fa la propria scommessa.
Che c'e' da scommettere?

C'e' solo una condizione da accettare.

Sei un uomo, vivi.

Quando morirai, l'universo non esistera' piu' ( per te) quindi, cio' che
assimili da vivo sara' tutto quello che hai a disposizione.

Se non vuoi essere un uomo, ucciditi, oppure castrati con delle storture
mentali per le quali non dovresti provare sensazioni. da un lato si chiama
stoicismo, dall'altro si chiama misticismo, e da un terzo si chiama
stronzaggine. Volendo , possiamo trovare altri nomi, ma i concetti di base
sono belli che esauriti.

Non rovinarlo.
Non sprecarlo, non ci sono appelli.

Raffaele
io speriamo me la cavo
2007-06-27 20:07:20 UTC
Permalink
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Godetevi la vita che dopo non c'e' nulla.....
Perchè uno si dovrebbe prendere la briga di godersi la vita, con tutto
quello che comporta, se non c'è nulla oltre la vita stessa.
Perche' hai a dizsposizione un'unita' biologica avanzata, capace di
raccoglire , analizzare ed elaborare tutte le sensazioni che e' capace di
raccogliere.
Ecco vedi fa copolino una risposta ad un perchè; quindi perchè non
anche altri successivi perchè?
Post by Raffaele Benzi
Non avrebbe nessun senso lasciare inutilizzati tutti i miliardi di
recettori sensoriali a disposizione.
Non avrebbe senso nemmeno l'utilizzarli se alla fine non servisse a un
qualcosa.
La verità è che noi non sappiamo quale sia questo qualcosa.
Post by Raffaele Benzi
Trentamila giorni di funzionalita' mi sembrano un periodo sufficiente
per l'analisi differenziata per tempi , modi e metodi della ricerca
sensoriale.
Non tutti hanno questa "fortuna" e comunque non credo che il tutto si
riduca all'apprendimento e alla messa a punto, più o meno abile, di questi
metodi e modalità di ricerca sensoriale.
A quale fine?
Saremmo solo delle unità senza senso, unità più o meno complesse, più
o meno abili; dal germe al genio, ma comunque unità senza un senso.

Ipotizzare che la realtà sia solo questa dove operano e interagiscono i
nostri sensi non giustifica alcune apparenti irrazionalità degli stessi.
Esempio, una macchina biologica non fa congetture astratte perché
appunto senza senso.
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Sarebbe un essere prigionieri della vita che in cambio ti dà l'illusione
di sfuggire temporaneamente al nulla!
Non capisco. Dal nulla alnulla c'e' un periodo in cui puoi analizzare le
sensazioni percepibili con un corpo messo a disposizione gratuitamente.
La "vita" non mette a disposizione gratuitamente, visto che questo nostro
corpo ha un sacco di necessità a cui dobbiamo provvedere; di fatto ne
siamo suoi prigionieri.
Il "godimento" di queste sensazioni potrebbe essere un meccanismo di
creare dipendenza, da parte di questa unità biologica, tendente al fatto di
farla sopravvivere il più a lungo possibile.
Post by Raffaele Benzi
Ora, che questo corpo sia imperfetto e limitato nella raccolta dei dati
esterni e delle sensazioni, e' palese, ma tra questo ed il lasciarlo
inutilizzato ci passa un baratro.
Non è questo il punto della mia osservazione che invece è il trovargli una
finalità.
Il fatto che io non riesca a trovarla non m'impedisce di ipotizzarla.
Riconosco però che anche questo potrebbe essere un meccanismo,
un modo più sottile di creare quella dipendenza, per obbligarci a mantenere
in vita il più a lungo possibile questa nostra unità biologica.
Post by Raffaele Benzi
Cambiare cibi, bevande , tipo di sesso, profumi, stoffe, musica, paesaggi
ed altro e' un dovere personale, non altro, una forma di rispetto per la
massa di sensori biologici a disposizione, non fosse altro per
sperimentarli, e ti dico che piu' li sperimenti, piu' essi si affinano e
diventano precisi ed accurati, mentre se ne lasci qaulcuno inerte, perdi
solo possibili picevolissime sensazioni.
Non è che questo tuo discorso non lo condivida, anzi; solo che mi porta
inevitabilmente a conclusioni diverse dalle tue.
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Dal nulla si nasce e al nulla si tornerebbe!?
Tanto vale non godersi affatto la vita!!
Allora e' meglio suicidarsi bevendo soda caustica. Il tuo ragionamento
non riesco a seguirlo.
Infatti.
Se io fossi veramente convinto che veniamo dal nulla e che comunque
torneremmo al nulla, allora cercherei di concludere il più presto possibile,
magari inattivando il tutto con metodi meno traumatici o comunque molto
istantanei.
A che pro faticare tanto per tenere ancora in vita questa inutile unità
biologica?
Tanto più che ora avrebbe esaurito anche il compito di riprodursi.
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Certo che anche la prospettiva di una vita eterna è terrificante quanto
il nulla, a meno che il tutto non sia una eterna corsa, un movimento, un
continuo cambiamento, forse...
Una vita eterna sarebbe la maledizione peggiore che si possa ricevere. La
vita e' un imbuto, piu' si fa lunga , piu' si fa stretta, perche' gia'
hai assaporato molto e meno ti resta da poter fare, sia fisicamente che
mentalmente.
Per quanto riguarda la vita biologica nostra hai ragione, nulla mi è più
efficiente come una volta; l'imbuto si è ristretto molto, purtroppo. :-(
Bisognerebbe però saper rispondere alla domanda cosa è la vita?
Ad esempio la vita del mio gatto non è come la vita mia, eppure anche lui
adopera i suoi sensori e li fa lavorare.
Adesso è venuto per l'ennesima volta a ispezionare il mio monitor e guarda
anche dietro di esso; è evidente che vuole capire a tutti i costi cosa ci
trovo
di tanto interessante.
Post by Raffaele Benzi
Non puoi accumulare sensazioni per un tempo infinito senza averne
assuefazione, senza stufarti, senza eccedere le reali, limitate
possibilita' biologiche.
Sono d'accordo con te, però immagino anche che; se oggi io sono una vita,
come il "gatto" mio di quello che invece potrei essere domani, ecco che ogni
volta la vita tornerebbe a essere interessante.
Detto in altri termini se si trattasse di una vita statica, allora avresti
ampiamente ragione tu, ma non se si tratta di una vita dinamica; cioè di una
vita che si evolve in continuazione; non avresti più ragione.

Riconosco però che il tutto potrebbe essere un trucco di sopravvivenza di
questa mia unità biologica.
Forse è questo il mio modo di essere un "gaudente".
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
E' proprio il fatto di non sapere che ci inchioda qui a questa vita;
ognuno fa la propria scommessa.
Che c'e' da scommettere?
C'e' solo una condizione da accettare.
La scommessa è indovinare quale potrebbe essere lo scopo della vita, il tuo
"accettare" è solo uno dei possibili modi.
Post by Raffaele Benzi
Sei un uomo, vivi.
Vivo e penso.
Post by Raffaele Benzi
Quando morirai, l'universo non esistera' piu' ( per te) quindi, cio' che
assimili da vivo sara' tutto quello che hai a disposizione.
Non ne sono così convinto, comunque la cosa non farebbe assolutamente
alcuna differenza sia per me che per te.
Post by Raffaele Benzi
Se non vuoi essere un uomo, ucciditi, oppure castrati con delle
storture mentali per le quali non dovresti provare sensazioni. da un lato
si chiama stoicismo, dall'altro si chiama misticismo,
Nulla di queste due, sono come te un gaudente anche se di gusti semplici
ed eclettici; mi piace tutto ciò che può piacere ad un uomo.
Post by Raffaele Benzi
e da un terzo si chiama stronzaggine.
Ecco forse questo un po' lo sono, visto che m'intestardisco appresso a
concetti astratti come giustizia, altruismo, rispetto, spiritualità.
Ma non sono sicuro che sia proprio stronzaggine, forse però potrebbe
esserlo. ;-)
Post by Raffaele Benzi
Volendo , possiamo trovare altri nomi, ma i concetti
di base sono belli che esauriti.
Non rovinarlo.
Non sprecarlo, non ci sono appelli.
Sai purtroppo non posso dire che abbia capito bene subito come stavano
le cose, ad esempio ho fumato un po' troppo.
Ma avendo superato abbondantemente i 2/3 di quel traguardo, qualcosa
credo di averla capita; cose come non essere sicuri di nulla e ritenere
possibile che la realtà sia più ampia di quello che riteniamo.
Post by Raffaele Benzi
Raffaele
ismlc
Raffaele Benzi
2007-06-28 08:09:05 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Godetevi la vita che dopo non c'e' nulla.....
Perchè uno si dovrebbe prendere la briga di godersi la vita, con tutto
quello che comporta, se non c'è nulla oltre la vita stessa.
Perche' hai a dizsposizione un'unita' biologica avanzata, capace di
raccoglire , analizzare ed elaborare tutte le sensazioni che e' capace di
raccogliere.
Ecco vedi fa copolino una risposta ad un perchè; quindi perchè non
anche altri successivi perchè?
Perche' manca il codice di lettura, manca l'interfaccia con il mondo
altro, manca qualsiasi possibilita' di accedere all'ipoteticamente reale
altrodove in cui le cose riacquistano il loro significato reale.
Siamo in un sistema chiuso senza possibilita' di accedere alle sorgenti
del programma che eventualmente genera il sistema.

Ragazzi, non volete accettare che siete in un videogioco, se esiste quello
che pensate voi, nelle realta' se non esiste. Ed alla realta' frega cazzo
di tutte le masturbazioni mentali su dei nascosti dietro il mondo, vi fa
nascere, vivere e morire, nella massima indifferenza delle vostre idee su
cio' che essa e'.
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Non avrebbe nessun senso lasciare inutilizzati tutti i miliardi di
recettori sensoriali a disposizione.
Non avrebbe senso nemmeno l'utilizzarli se alla fine non servisse a un
qualcosa.
La verità è che noi non sappiamo quale sia questo qualcosa.
E senti davvero tanto importante fornire questa risposta, visto che
qualsiasi risposta non puo' essere giusta, proprio perche' manca della
maggior parte dei dati necessari ad essere formulata?
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Trentamila giorni di funzionalita' mi sembrano un periodo sufficiente
per l'analisi differenziata per tempi , modi e metodi della ricerca
sensoriale.
Non tutti hanno questa "fortuna" e comunque non credo che il tutto si
riduca all'apprendimento e alla messa a punto, più o meno abile, di questi
metodi e modalità di ricerca sensoriale.
A quale fine?
Saremmo solo delle unità senza senso, unità più o meno complesse, più
o meno abili; dal germe al genio, ma comunque unità senza un senso.
Perfetto, fermati li' e non ti muovere. A cosa servirebbe un senso in tutto
questo?
Post by io speriamo me la cavo
Ipotizzare che la realtà sia solo questa dove operano e interagiscono i
nostri sensi non giustifica alcune apparenti irrazionalità degli stessi.
Esempio, una macchina biologica non fa congetture astratte perché
appunto senza senso.
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Sarebbe un essere prigionieri della vita che in cambio ti dà l'illusione
di sfuggire temporaneamente al nulla!
Di quello che chiami nulla non hai nessuna cognizione. Non puoi
costruire una proposizione per descriverlo, non puoi discuterne, solo
ipotizzare versioni fideistiche senz a senso.
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Non capisco. Dal nulla alnulla c'e' un periodo in cui puoi analizzare le
sensazioni percepibili con un corpo messo a disposizione
gratuitamente.
La "vita" non mette a disposizione gratuitamente, visto che questo nostro
corpo ha un sacco di necessità a cui dobbiamo provvedere; di fatto ne
siamo suoi prigionieri.
Il "godimento" di queste sensazioni potrebbe essere un meccanismo di
creare dipendenza, da parte di questa unità biologica, tendente al fatto di
farla sopravvivere il più a lungo possibile.
Le necessita' del corpo sonola fonte delle possibili fonti di piacere.
Immagina di essere un sensore, non puoi neanche percepire l'apparato di
cui fai parte.
Le novemila boe abissali che ascoltano l'atlantico ( poste per
ascoltare il passaggio dei sottomarini nucleari) sono macchine
raffinatissime, che oggi sono usate anche per ascoltare le balene e
misurare i gradienti termici del mare. Loro potrebbero anche essere felici
di godere della musica degli abissi e dei misteri che ad esse sono
rivelati, ma come possono sapere che se segnalassero un rumore
continuo a 35 hertz per un certo periodo di tempo, un missile nucleare si
allineeerebbe su cio' che hanno percepito?
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Ora, che questo corpo sia imperfetto e limitato nella raccolta dei dati
esterni e delle sensazioni, e' palese, ma tra questo ed il lasciarlo
inutilizzato ci passa un baratro.
Non è questo il punto della mia osservazione che invece è il trovargli una
finalità.
Non ne vedo il benche' minimo motivo.
Post by io speriamo me la cavo
Il fatto che io non riesca a trovarla non m'impedisce di ipotizzarla.
Riconosco però che anche questo potrebbe essere un meccanismo,
un modo più sottile di creare quella dipendenza, per obbligarci a mantenere
in vita il più a lungo possibile questa nostra unità biologica.
Ma il mondo e' tanto orribile da doverlo considerare " obbligatorio"??????
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Cambiare cibi, bevande , tipo di sesso, profumi, stoffe, musica, paesaggi
ed altro e' un dovere personale, non altro, una forma di rispetto per la
massa di sensori biologici a disposizione, non fosse altro per
sperimentarli, e ti dico che piu' li sperimenti, piu' essi si affinano e
diventano precisi ed accurati, mentre se ne lasci qaulcuno inerte, perdi
solo possibili picevolissime sensazioni.
Non è che questo tuo discorso non lo condivida, anzi; solo che mi porta
inevitabilmente a conclusioni diverse dalle tue.
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Dal nulla si nasce e al nulla si tornerebbe!?
Tanto vale non godersi affatto la vita!!
Allora e' meglio suicidarsi bevendo soda caustica. Il tuo ragionamento
non riesco a seguirlo.
Infatti.
Se io fossi veramente convinto che veniamo dal nulla e che comunque
torneremmo al nulla, allora cercherei di concludere il più presto possibile,
magari inattivando il tutto con metodi meno traumatici o comunque molto
istantanei.
Personalmente, consiglio flebo con 50cc valium e 20 grammi cloruro di
sodio, poi, chi vuol esplorare soluzioni alternative, faccia pure...
Post by io speriamo me la cavo
A che pro faticare tanto per tenere ancora in vita questa inutile unità
biologica?
Tanto più che ora avrebbe esaurito anche il compito di riprodursi.
Mai sospettato cche quello sarebbe l'unico reale scopo?
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Certo che anche la prospettiva di una vita eterna è terrificante quanto
il nulla, a meno che il tutto non sia una eterna corsa, un movimento, un
continuo cambiamento, forse...
Una vita eterna sarebbe la maledizione peggiore che si possa ricevere. La
vita e' un imbuto, piu' si fa lunga , piu' si fa stretta, perche' gia'
hai assaporato molto e meno ti resta da poter fare, sia fisicamente che
mentalmente.
Per quanto riguarda la vita biologica nostra hai ragione, nulla mi è più
efficiente come una volta; l'imbuto si è ristretto molto, purtroppo. :-(
Bisognerebbe però saper rispondere alla domanda cosa è la vita?
Ad esempio la vita del mio gatto non è come la vita mia, eppure anche lui
adopera i suoi sensori e li fa lavorare.
Adesso è venuto per l'ennesima volta a ispezionare il mio monitor e guarda
anche dietro di esso; è evidente che vuole capire a tutti i costi cosa ci
trovo
di tanto interessante.
Post by Raffaele Benzi
Non puoi accumulare sensazioni per un tempo infinito senza averne
assuefazione, senza stufarti, senza eccedere le reali, limitate
possibilita' biologiche.
Sono d'accordo con te, però immagino anche che; se oggi io sono una vita,
come il "gatto" mio di quello che invece potrei essere domani, ecco che ogni
volta la vita tornerebbe a essere interessante.
Detto in altri termini se si trattasse di una vita statica, allora avresti
ampiamente ragione tu, ma non se si tratta di una vita dinamica; cioè di una
vita che si evolve in continuazione; non avresti più ragione.
Ma se si evolve il contesto, non riesce a fare altrettanto in fretta il
sensore, che ha bisogno di migliaia di anni per generare un modello
evoluto capace di leggere i mutamenti del sistema...
Post by io speriamo me la cavo
Riconosco però che il tutto potrebbe essere un trucco di sopravvivenza di
questa mia unità biologica.
Forse è questo il mio modo di essere un "gaudente".
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
E' proprio il fatto di non sapere che ci inchioda qui a questa vita;
ognuno fa la propria scommessa.
Che c'e' da scommettere?
C'e' solo una condizione da accettare.
La scommessa è indovinare quale potrebbe essere lo scopo della vita, il tuo
"accettare" è solo uno dei possibili modi.
Non ho dita sufficienti per esprimere il mio dissenso a tale ipotesi...
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Sei un uomo, vivi.
Vivo e penso.
Post by Raffaele Benzi
Quando morirai, l'universo non esistera' piu' ( per te) quindi, cio' che
assimili da vivo sara' tutto quello che hai a disposizione.
Non ne sono così convinto, comunque la cosa non farebbe assolutamente
alcuna differenza sia per me che per te.
Allora , perche' rovinare tutto? Vino fresco da un seno caldo, per
schiarire le idee...
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Se non vuoi essere un uomo, ucciditi, oppure castrati con delle
storture mentali per le quali non dovresti provare sensazioni. da un lato
si chiama stoicismo, dall'altro si chiama misticismo,
Nulla di queste due, sono come te un gaudente anche se di gusti semplici
ed eclettici; mi piace tutto ciò che può piacere ad un uomo.
Post by Raffaele Benzi
e da un terzo si chiama stronzaggine.
Ecco forse questo un po' lo sono, visto che m'intestardisco appresso a
concetti astratti come giustizia, altruismo, rispetto, spiritualità.
Ma non sono sicuro che sia proprio stronzaggine, forse però potrebbe
esserlo. ;-)
Ho capito, non hai ancora imparato a tagliare le mutande dai fogli di
lamiera.;-))
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Volendo , possiamo trovare altri nomi, ma i concetti
di base sono belli che esauriti.
Non rovinarlo.
Non sprecarlo, non ci sono appelli.
Sai purtroppo non posso dire che abbia capito bene subito come stavano
le cose, ad esempio ho fumato un po' troppo.
Ma avendo superato abbondantemente i 2/3 di quel traguardo, qualcosa
credo di averla capita; cose come non essere sicuri di nulla e ritenere
possibile che la realtà sia più ampia di quello che riteniamo.
Se lo e' , ma non possiamo percepirla o misurarla o definirla in nessun
modo, essa, a tutti gli effetti, per noi non esiste.
Quindi, torno a dire, vino fresco versato su di un seno caldo, sdraiato
sotto una palma sulla riva di un placido mare in una notte stellata.
Il vino fresco inturgidisce il capezzolo e scaccia i pensieri inutili.
( consiglio Montrachet, per questa composizione, cosi' devi pensare a non
sprecarne una goccia ...)

Dammi retta, alla nostra eta', un seno giovane fa miracoli che neanche il
piu' santo dei mistici puo' immaginare....


Raffaele
Leo_Nero
2007-06-28 13:34:50 UTC
Permalink
Il Thu, 28 Jun 2007 10:09:05 +0200, "Raffaele Benzi"
Post by Raffaele Benzi
Personalmente, consiglio flebo con 50cc valium e 20 grammi cloruro di
sodio, poi, chi vuol esplorare soluzioni alternative, faccia pure...
Cloruro di potassio, Raffaele.

Lo so che lo sai dato che me lo hai insegnato tu ma,
questa volta ti e' scappato il sale da cucina :-))

Leo_Nero


Sito di famiglia: http://www.lacucinaditonia.com/
Blog : http://www.lacucinaditonia.com/dblog/
Raffaele Benzi
2007-06-28 18:47:34 UTC
Permalink
Post by Leo_Nero
Il Thu, 28 Jun 2007 10:09:05 +0200, "Raffaele Benzi"
Post by Raffaele Benzi
Personalmente, consiglio flebo con 50cc valium e 20 grammi cloruro di
sodio, poi, chi vuol esplorare soluzioni alternative, faccia pure...
Cloruro di potassio, Raffaele.
Lo so che lo sai dato che me lo hai insegnato tu ma,
questa volta ti e' scappato il sale da cucina :-))
Leo_Nero
Non sempre mi viene voglia di dare la dritta giusta alla persona
sbagliata.....

In ogni caso si, mi e' scappato il cloruro da cucina invece di quello da
infermeria,

ma e' stata una sorta di inconsapevole censura, in mente avevo il potassio
, ma la mano ha scritto diversamente..

qui l'ambiente sta diventando arido, non ci sono grandi stimoli a voli
pindarici della mente...

Divertiti, nel bosco...

Raffaele
Araba Fenice Venerea
2007-06-28 19:52:25 UTC
Permalink
Post by Leo_Nero
Il Thu, 28 Jun 2007 10:09:05 +0200, "Raffaele Benzi"
Personalmente, consiglio flebo con 50cc valium e 20 grammi cloruro di
sodio, poi, chi vuol esplorare soluzioni alternative, faccia pure...
Cloruro di potassio, Raffaele.
Lo so che lo sai dato che me lo hai insegnato tu ma,
questa volta ti e' scappato il sale da cucina :-))
Leo_Nero
Non sempre mi viene voglia di dare la dritta giusta alla persona
sbagliata.....
In ogni caso si, mi e' scappato il cloruro da cucina invece di quello da
infermeria,
Adesso ,forse,quel poveraccio che ti ha ascoltato avra' i globuli rossi
striminziti come i polpastrelli che sono stati troppo a lungo in acqua di
mare...
Tsk tsk...
Sei proprio un "ragazzaccio"...
ma e' stata una sorta di inconsapevole censura, in mente avevo il potassio
, ma la mano ha scritto diversamente..
qui l'ambiente sta diventando arido, non ci sono grandi stimoli a voli
pindarici della mente...
Che strano mondo,i giovani che leggono i vecchi per trovare un po' di
refrigerio...
Divertiti, nel bosco...
Ma cosa fa' quel vecchio prostatico nel bosco ???

p.s. Elfo c'e' sempre ???
Ho bisogno di sapere che c'e'...
Anche Surak...
Forse anche qualcun altro...
Ho bisogno di sapere che ci siete !!!

Ora scusate e' l'ora della flebo del "siero Ludovico"...

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
+» Elfo_grigio«+
2007-06-28 20:04:12 UTC
Permalink
Post by Araba Fenice Venerea
p.s. Elfo c'e' sempre ???
Ho bisogno di sapere che c'e'...
Batto un colpo, ma non ho un granchè da dire al momento.

Ciao, carA.

--

±_Elda_±

"I don't believe in your institutions
I did what you wanted me to
like cancer in the system
I've got a little suprise for you"

NIN-Burn
Araba Fenice Venerea
2007-06-28 20:23:04 UTC
Permalink
Post by +» Elfo_grigio«+
Post by Araba Fenice Venerea
p.s. Elfo c'e' sempre ???
Ho bisogno di sapere che c'e'...
Batto un colpo, ma non ho un granchè da dire al momento.
Ciao, carA.
Fiuuuuuuuuu...
E' gia' "qualcosa"...

Mi sento meglio...

La mia coscienza,priva del suo guardiano,cominciava ad ordire trame oscure,a
perdersi per strani e ameni lidi,a generare complessi propositi di fare
"cose per cui il d&o della biomeccanica ** ti farebbe entrare in
Paradiso"...


;)

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Raffaele Benzi
2007-06-29 09:28:14 UTC
Permalink
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Leo_Nero
Il Thu, 28 Jun 2007 10:09:05 +0200, "Raffaele Benzi"
Non sempre mi viene voglia di dare la dritta giusta alla persona
sbagliata.....
In ogni caso si, mi e' scappato il cloruro da cucina invece di quello da
infermeria,
Adesso ,forse,quel poveraccio che ti ha ascoltato avra' i globuli rossi
striminziti come i polpastrelli che sono stati troppo a lungo in acqua di
mare...
Tsk tsk...
Sei proprio un "ragazzaccio"...
Ho rifatto il conto molare di 20 grammi di cloruro di sodio messo in
circolo nel corpo umano con una flebo rapida: e' una morte
orribile..inevitabile ed orribile.
Post by Araba Fenice Venerea
ma e' stata una sorta di inconsapevole censura, in mente avevo il potassio
, ma la mano ha scritto diversamente..
qui l'ambiente sta diventando arido, non ci sono grandi stimoli a voli
pindarici della mente...
Che strano mondo,i giovani che leggono i vecchi per trovare un po' di
refrigerio...
Con i giovani di oggi, noi vecchi in cosa dovrenno trovare refrigerio se
non nelle giovani escort?
Post by Araba Fenice Venerea
Divertiti, nel bosco...
Ma cosa fa' quel vecchio prostatico nel bosco ???
Perche' non vai adare un'occhiata?;-)))
Post by Araba Fenice Venerea
Ora scusate e' l'ora della flebo del "siero Ludovico"...
Riuscire a capire di cosa ti fai sarebbe gia' un passo avanti....



Buona birra e sesso ben fatto....



Raffaele
Araba Fenice Venerea
2007-06-29 11:23:19 UTC
Permalink
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Leo_Nero
Il Thu, 28 Jun 2007 10:09:05 +0200, "Raffaele Benzi"
Non sempre mi viene voglia di dare la dritta giusta alla persona
sbagliata.....
In ogni caso si, mi e' scappato il cloruro da cucina invece di quello da
infermeria,
Adesso ,forse,quel poveraccio che ti ha ascoltato avra' i globuli rossi
striminziti come i polpastrelli che sono stati troppo a lungo in acqua di
mare...
Tsk tsk...
Sei proprio un "ragazzaccio"...
Ho rifatto il conto molare di 20 grammi di cloruro di sodio messo in
circolo nel corpo umano con una flebo rapida: e' una morte
orribile..inevitabile ed orribile.
Molarita',"normalita' ",moralita'...

"Meno che mosche siamo,loro almeno una certa resistenza ce l'hanno,ma noi
come bolle di sapone siamo(cit.)"...
Post by Araba Fenice Venerea
ma e' stata una sorta di inconsapevole censura, in mente avevo il potassio
, ma la mano ha scritto diversamente..
qui l'ambiente sta diventando arido, non ci sono grandi stimoli a voli
pindarici della mente...
Che strano mondo,i giovani che leggono i vecchi per trovare un po' di
refrigerio...
Con i giovani di oggi, noi vecchi in cosa dovrenno trovare refrigerio se
non nelle giovani escort?
E' una "catena di affetti" che nessuno puo' spezzare...
I giovani si "refrigerano" con "l'acqua viva" dell'esperienza di vecchi
satiri,ed i vecchi satiri suggono dal capezzolo inturgidito assaje di
giovani belle e tronfie puttane...
Regolare...
Post by Araba Fenice Venerea
Divertiti, nel bosco...
Ma cosa fa' quel vecchio prostatico nel bosco ???
Perche' non vai adare un'occhiata?;-)))
Vi spello a tutti bastardi,e poi violento le vostre figlie con la vostra
epidermide addosso a mo' di vestito
d'alta moda trangugiando al contempo le carni marinate delle vostre dolci
signore mogli...
Yaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
!!!


;))
Post by Araba Fenice Venerea
Ora scusate e' l'ora della flebo del "siero Ludovico"...
Riuscire a capire di cosa ti fai sarebbe gia' un passo avanti....
Mi faccio di voi,egregi bastardi dal vello argenteo ed antico...
Buona birra e sesso ben fatto....
Altrettanto,anche se credo che il vino stia mezza lunghezza equina davanti
alla birra,solo mezza eh,tranquilli...

hi ! hi ! hi !

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Raffaele Benzi
2007-06-29 16:12:04 UTC
Permalink
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Raffaele Benzi
Post by Leo_Nero
Il Thu, 28 Jun 2007 10:09:05 +0200, "Raffaele Benzi"
Con i giovani di oggi, noi vecchi in cosa dovrenno trovare refrigerio se
non nelle giovani escort?
E' una "catena di affetti" che nessuno puo' spezzare...
I giovani si "refrigerano" con "l'acqua viva" dell'esperienza di vecchi
satiri,ed i vecchi satiri suggono dal capezzolo inturgidito assaje di
giovani belle e tronfie puttane...
Regolare...
Mi sembra il giusto punto di vista per parlare di religione....

Io suggo il nettare , tu ascolti il Verbo, poi forse, ti godi pure la
pulzella,

gia' addestrata e lubrificata, e ti pare fesso il fanciullo...

ma potresti incorrere in qualcosa in imprevisto....;-)))
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Raffaele Benzi
Divertiti, nel bosco...
Ma cosa fa' quel vecchio prostatico nel bosco ???
Perche' non vai adare un'occhiata?;-)))
Vi spello a tutti bastardi,e poi violento le vostre figlie con la vostra
epidermide addosso a mo' di vestito
d'alta moda trangugiando al contempo le carni marinate delle vostre dolci
signore mogli...
Yaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
!!!
Interessante, come aspirazione..

Temo pero' che la marinate carni siano per te, ancora, un tantinello
indigeste, sai, e' questione di stomaco, non di aspirazioni...

Ti vedo delicato assai, non penso che dal bosco saresti tu ad uscire con
la mia pelle addosso, ti vedo piu' uscire senza la tua , con solo la pelle
del viso, delle mani e dei piedi per raccontare e mostrare al popolo la
sorte degli stolti...:-]]

Ho appena comprato e fatto affilare un nuovo skinner e devo collaudarlo..
Post by Araba Fenice Venerea
;))
Post by Araba Fenice Venerea
Ora scusate e' l'ora della flebo del "siero Ludovico"...
Riuscire a capire di cosa ti fai sarebbe gia' un passo avanti....
Mi faccio di voi,egregi bastardi dal vello argenteo ed antico...
Allora stai bello fatto per un bel pezzo, altro che pasticche da
calare...
Post by Araba Fenice Venerea
Buona birra e sesso ben fatto....
Altrettanto,anche se credo che il vino stia mezza lunghezza equina davanti
alla birra,solo mezza eh,tranquilli...
Due bottiglie di Menabrea scura e mezza di Knobb Creek nel boccale da una
pinta, uno per uno, DOPO ragioniamo meglio su chi mangia COSA di chi....


Possa tu trovare il vigoroso stallone che necessita alla tua mente, a te
" serve sette prosperi ed un cerino"......


Raffaele
Araba Fenice Venerea
2007-06-30 11:07:42 UTC
Permalink
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Raffaele Benzi
Post by Leo_Nero
Il Thu, 28 Jun 2007 10:09:05 +0200, "Raffaele Benzi"
Con i giovani di oggi, noi vecchi in cosa dovrenno trovare refrigerio se
non nelle giovani escort?
E' una "catena di affetti" che nessuno puo' spezzare...
I giovani si "refrigerano" con "l'acqua viva" dell'esperienza di vecchi
satiri,ed i vecchi satiri suggono dal capezzolo inturgidito assaje di
giovani belle e tronfie puttane...
Regolare...
Mi sembra il giusto punto di vista per parlare di religione....
Io suggo il nettare , tu ascolti il Verbo, poi forse, ti godi pure la
pulzella,
gia' addestrata e lubrificata, e ti pare fesso il fanciullo...
ma potresti incorrere in qualcosa in imprevisto....;-)))
Stai attento vecchio drugo bastardo che le mani della SignorA sono graziose
ma dure e forti come l'acciaio...
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Raffaele Benzi
Divertiti, nel bosco...
Ma cosa fa' quel vecchio prostatico nel bosco ???
Perche' non vai adare un'occhiata?;-)))
Vi spello a tutti bastardi,e poi violento le vostre figlie con la vostra
epidermide addosso a mo' di vestito
d'alta moda trangugiando al contempo le carni marinate delle vostre dolci
signore mogli...
Yaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
Post by Araba Fenice Venerea
!!!
Interessante, come aspirazione..
Temo pero' che la marinate carni siano per te, ancora, un tantinello
indigeste, sai, e' questione di stomaco, non di aspirazioni...
Concordo in parte...
Non e' un caso che chieda la marinatura o comunque una forte speziatura...
Eh...
Ti vedo delicato assai, non penso che dal bosco saresti tu ad uscire con
la mia pelle addosso,
Mi vedi ???
Are you sure ???
Sure sure sure ???
ti vedo piu' uscire senza la tua , con solo la pelle
del viso, delle mani e dei piedi per raccontare e mostrare al popolo la
sorte degli stolti...:-]]
Ho appena comprato e fatto affilare un nuovo skinner e devo collaudarlo..
E tu oseresti oltraggiare una romantica SignorA che ama prendere il Sole in
riva ad una lago limpido come un cielo d'estate sempre blu ???
Post by Araba Fenice Venerea
Post by Araba Fenice Venerea
Ora scusate e' l'ora della flebo del "siero Ludovico"...
Riuscire a capire di cosa ti fai sarebbe gia' un passo avanti....
Mi faccio di voi,egregi bastardi dal vello argenteo ed antico...
Allora stai bello fatto per un bel pezzo, altro che pasticche da
calare...
Come sei sicuro di te...

h... h... h...
Post by Araba Fenice Venerea
Buona birra e sesso ben fatto....
Altrettanto,anche se credo che il vino stia mezza lunghezza equina davanti
alla birra,solo mezza eh,tranquilli...
Due bottiglie di Menabrea scura e mezza di Knobb Creek nel boccale da una
pinta, uno per uno, DOPO ragioniamo meglio su chi mangia COSA di chi....
Beh...Per il momento possiamo anche solo leccarci...
Oppure spalmarci di olio e "rostrare" le nostre pelli dai nostri peccati al
modo degli antichi romani...
Possa tu trovare il vigoroso stallone che necessita alla tua mente, a te
" serve sette prosperi ed un cerino"......
Oh ,che pensiero gentile...




--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
io speriamo me la cavo
2007-06-29 16:38:26 UTC
Permalink
Post by Raffaele Benzi
Perche' manca il codice di lettura, manca l'interfaccia con il mondo
altro, manca qualsiasi possibilita' di................
Scusami tanto ma dispongo del PC solo per pochi minuti e quindi non
posso nè potrò risponderti.

Saluti

ismlc
karman
2007-07-05 08:13:10 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Godetevi la vita che dopo non c'e' nulla.....
Perchè uno si dovrebbe prendere la briga di godersi la vita, con tutto
quello che comporta, se non c'è nulla oltre la vita stessa.
Perche' hai a dizsposizione un'unita' biologica avanzata, capace di
raccoglire , analizzare ed elaborare tutte le sensazioni che e' capace di
raccogliere.
Ecco vedi fa copolino una risposta ad un perchè; quindi perchè non
anche altri successivi perchè?
Post by Raffaele Benzi
Non avrebbe nessun senso lasciare inutilizzati tutti i miliardi di
recettori sensoriali a disposizione.
biologica.
Post by Raffaele Benzi
Cambiare cibi, bevande , tipo di sesso, profumi, stoffe, musica, paesaggi
ed altro e' un dovere personale, non altro, una forma di rispetto per la
massa di sensori biologici a disposizione, non fosse altro per
sperimentarli, e ti dico che piu' li sperimenti, piu' essi si affinano e
diventano precisi ed accurati, mentre se ne lasci qaulcuno inerte, perdi
solo possibili picevolissime sensazioni.
Non è che questo tuo discorso non lo condivida, anzi; solo che mi porta
inevitabilmente a conclusioni diverse dalle tue.
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Dal nulla si nasce e al nulla si tornerebbe!?
Tanto vale non godersi affatto la vita!!
Allora e' meglio suicidarsi bevendo soda caustica. Il tuo ragionamento
non riesco a seguirlo.
Infatti.
Se io fossi veramente convinto che veniamo dal nulla e che comunque
torneremmo al nulla, allora cercherei di concludere il più presto possibile,
Post by Raffaele Benzi
Post by io speriamo me la cavo
Certo che anche la prospettiva di una vita eterna è terrificante quanto
il nulla, a meno che il tutto non sia una eterna corsa, un movimento, un
continuo cambiamento, forse...
Secondo me vi fa difetto la logica!
Premesso che le mie certezze non posso trasferirvele,(e ci rinuncio)
Parto da cio' che vedo: la vita:Godersela e' bello se uno ha cibo,
donne, vino, soldi, , na casa con tutti i confort,
se e' sano, ( fate un bilancio della vostra vita: In essa quanti sono stati
i momenti in cui avete" goduto" e quanti quelli di vero dolore? )Contateli:
per mille piaceri, avete avuto solo, l'1 per cento di " piccoli " fastidi.
I Piaceri della buona tavola, il gusto di sentirsi rispettati, appagati,
allegri fra amici, la gioia di una escursione in mare, in montagna, il
piacere di Creare, comporre, le appagazioni sul lavoro, le vacanze, i
nipotini, figli, le corse in bici,
la Gioia di vivere. Ste cose le avete mai provate no?Certo!
E se la vita vi permettesse di continuare a provarle, osereste dire che e
"Terrificante"?
Lasciate che ad odiarla, la vita, siano i poveri disgraziati, nati con seri
problemi,(che ne avrebbero ogni diritto..) e non voi , se siete sani e nel
benessere! O vi fa skifo anche il benessere?
Una vita eterna, vissuta come sopra, sarebbe " UNA MALEDIZIONE"?
tutt'altro.
* § k a r m a n * §


..
Post by io speriamo me la cavo
Post by Raffaele Benzi
Una vita eterna sarebbe la maledizione peggiore che si possa ricevere. La
vita e' un imbuto, piu' si fa lunga , piu' si fa stretta, perche' gia'
hai assaporato molto e meno ti resta da poter fare, sia fisicamente che
mentalmente.
Post by io speriamo me la cavo
Raffaele
ismlc
karman
2007-07-03 18:55:52 UTC
Permalink
"
[...]
Post by Raffaele Benzi
Ma che la smettessero di evangelizzare improbabili dei, ed incredibili
religioni, altrimenti la fine della religione sara' sempre piu' vicina.
Godetevi la vita che dopo non c'e' nulla.....
Raffae'....ti ho killato..da Natale... ..ma ti voglio bene l'istess.!..)))
Dopo la morte, ( ti auguro fra almeno 200 anni..)sarai piu' "vivo di
prima..))
Fidate.. !!" ( in 30 anni di medianita'... me ne han raccontate di cotte e
di crude i
miei amici spiriti.)
Aho..poi..fai pure.come credi....))) ma sii ..fiducioso..)) E PIENZ'A
SaLUTE...)))

Mimmo.
karman
2007-07-02 18:29:01 UTC
Permalink
Post by T.
Se hai valide prove della falsificazione dei Vangeli
allora tirale fuori perchè il mondo le vuol sapere,
ma se sono solo teorie e supposizioni le tue
anche se analitiche, ma non prove materiali,
allora la figura che avresti fatto in caso tu avessi
continuato imperterrito....l'hai già fatta!
...e da solo...
Allora, intanto riguardo la possibilità di falsificare o comunque di
dare una percezione falsata dei fatti all'opinione pubblica non è una
bufala
No.E solo una Imbecillita' allo stato brado.
Bisogna essere dei geni dell'idiozia per pensare che 2000anni fa, in
Palestina, la gente comune, e poi Paolo Pietro, gli apostoli, Flavio
Giuseppe, Nerone, e gli stessi Ebrei si fossero messi tutti d'accordo per
falsificare la crocifissione di un uomo, solo per prendere per i
fondelli...i loro discendenti..dell'anno 2007!
Socrate che ha avuto minori testimoni.lo si considera un Pilastro della
.filosofia.
Per Negare Gesu bisogna essere dei geni:Dell'idiozia!
Fatelo..e vi proporro' per il primo premio.))) aha aha aha...

* § K A R M A N * §





ma un dato di fatto, se a meno di 60 anni dalla 2a guerra
Post by T.
mondiale ancora ci sono seri dubbi sul reale svolgimento dei fatti o
se preferisci ancora non si ha una percezione limpida e chiara dei
fatti dell'11 settembre.
Quindi il fatto che secondo te l'autorità nel terzo secolo non poteva
cambiare parti sostanziali della percezione della gente di una
religione è una minkiata a dir poco colossale.
Intanto diciamo subito che riguardo l'interpolazione dei vangeli non è
soltanto una opinione ma ci sono studi piu' che seri che la
riguardano.
Fior fiore di studiosi della lingua hanno evidenziato piu' di una
parte interpolata nelle lettere di Paolo e nell'intero nuovo
testamento.
1) Il Gesù della religione cattolica o delle religioni cosiddette
cristiane non è il Gesù storico, e su questo possiamo tutti
concordare.
Ci sono tonnellate di studi riguardanti questa discrepanza. Tutto sta
a vedere come tu vuoi interpretare questo dato oggettivo.
Se lo vuoi interpretare da un punto di vista prettamente ateo allora
Gesù probabilmente era solamente un uomo, un fondamentalista
dell'epoca che ha fatto qualche casino nella Giudea ma poi il suo
messaggio non ha lasciato nessun tipo di traccia nella religione
ebraica.
Secondo questa visione secolare la religione cristiana sarebbe stata
quindi costruita successivamente grazie a Paoo di Tarso.
E su questo punto ci sono molti studiosi che concordano che Paolo sia
il reale creatore del Cristianesimo e che il Gesù storico non abbia
nulla a che fare con quello che Paolo dice.
2) Non c'è ad oggi nessun documento storico precedente al terzo secolo
dopo cristo, ovvero posteriore al concilio di nicea.
Tu mi puoi dire che questo dato di fatto non significa niente, ma
potresti anche convenire che è abbastanza curioso che non sia
sopravvissuto nulla del primo secolo dopo cristo se non qualche
piccolo frammento e che tutto venga successivamente alla
officializzazione di costantino della religione cattolica.
3) Sia Paolo sia i cristiani successivi a lui sono stati perseguitati
e giustiziati perchè empi e irreligiosi.
Per i romani l'empio era colui che non rispettava l'autorità (cesare)
e irreligiosi erano coloro che non bruciavano l'incenso nei templi.
Tu mi stai portando un Paolo che nelle lettere dice di rispettare sia
l'autorità statale che religiosa, non ti sembra una clamorosa
contraddizione? Peraltro tutta la rivoluzione del cristianesimo
sarebbe ridotta ad un messaggio di pia tolleranza e comprensione
peraltro piu' che presente negli autori romani dell'epoca (vedi
Seneca)?
Il punto è che dopo due secoli di persecuzioni a Roma il potere
statale e religioso hanno deciso di trasformare questo pensiero
sedizioso che è il cristianesimo in qualcosa di piu' controllabile.
E quindi hanno fuso le credenze già in voga nell'impero con questo
pseudo pensiero che veniva dalla Palestina, trasformando Gesù in una
sorta di semidio, lo hanno fatto coincidere con Mitra e i misteri
mitraici (eucaristia), hanno trasformato il culto della dea madre nel
culto della madre di Gesù e tutte le feste delle miriadi di religioni
professate a Roma sono diventate feste "cristiane".
Non mi dire che non sai che la commovente e mistica tradizione dei
sepolcri esposti nelle chiese il giovedì santo non sia altro che la
versione "cristiana" dei giardini di adone che di cristiano non ha
proprio nulla.
Il punto è che in realtà non bisogna fare l'errore degli studiosi che
buttano tutto cioè che il cristianesimo è stato per questa scaltra
operazione di riciclo operata dall'autorità romana.
Il cristianesimo è un messaggio di libertà profonda per l'uomo che
veniva dichiarato Figlio di Dio e in quanto tale NON SOGGETTO A
NESSUNA AUTORITA' RELIGIOSA O STATALE.
Il cristianesimo portava con sè anche una rivoluzione copernicana nel
concepire la realtà, del visibile e dell'invisibile, apriva l'uomo a
nuove prospettive, verso una crescita interiore e spirituale.
Di questa crescita non vi è quasi traccia nella religione che milioni
di persone professano la domenica in chiesa (come i bravi e pii
cittadini romani di duemila anni fa).
--
La Rivincita del Cristianesimo
http://www.lulu.com/content/943869
Continua a leggere su narkive:
Loading...